Taranto Sociale

RSS logo

Mailing-list Taranto

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Taranto

...

Articoli correlati

Grave decisione del governo, ignorata la protesta popolare

Da Bersani il via libera al rigassificatore di Brindisi

Le notizie di agenzia. Solidarietà del Comitato contro il rigassificatore di Taranto al Comitato contro il rigassificatore di Brindisi
20 settembre 2006 - Alessandro Marescotti

GAS: MINISTERO,SU BRINDISI LEGITTIMA AUTORIZZAZIONE CONCESSA

A ENTI LOCALI, PER RIAPRIRE CONFERENZA SERVIZI SERVE RICHIESTA (ANSA) - ROMA, 20 set - L'autorizzazione gia' concessa per il rigassificatore di Brindisi ''e' legittima, e per la riapertura della Conferenza dei servizi e' necessario che i soggetti (sia enti locali che amministrazioni statali) che ne fanno parte chiedano formalmente la riapertura indicandone le ragioni non solo con riguardo agli interessi pubblici coinvolti nella vicenda, ma anche a specifici vizi di legittimita'''. E' quanto afferma in una nota il ministero dello Sviluppo economico dopo la riunione tecnica sul rigassificatore che si e' svolta oggi presso lo stesso ministero con gli enti locali.

Gli enti locali, nel corso della riunione, avevano sottolineato la necessita' di riaprire la Conferenza dei servizi e avanzato la richiesta di effettuare una nuova valutazione di impatto ambientale e la conseguente sospensione dei lavori.

(ANSA 20.9.2006)

---

RIGASSIFICATORI: BERSANI, RESTA VALIDO OK PER BRINDISI

(AGI) - Roma, 20 set. - Per riaprire la conferenza dei servizi sulla questione del rigassificatore di Brindisi, serve una richiesta formale e motivata. Lo sostiene una nota nota del ministero per lo Sviluppo economico, diffusa al termine della riunione tecnica sul rigassificatore di Brindisi, che si e' svolta presso il discastero di via XX Settembre, coordinata dal capo di Gabinetto. Gli Enti locali pugliesi, infatti, hanno sottolineato la necessita' di riaprire la Conferenza dei servizi che ha autorizzato l'impianto di rigassificazione di Brindisi. Le istituzioni territoriali hanno inoltre avanzato la richiesta di effettuare una nuova valutazione di impatto ambientale e la conseguente sospensione dei lavori.

Il Ministero ha ribadito che l'autorizzazione gia' concessa e' legittima e che per la riapertura della Conferenza dei servizi e' necessario che i soggetti (sia enti locali che amministrazioni statali) che ne fanno parte chiedano formalmente la riapertura indicandone le ragioni non solo con riguardo agli interessi pubblici coinvolti nella vicenda, ma anche a specifici vizi di legittimita'.

---
No al rigassificatore a Taranto e a Brindisi


Il Comitato contro il rigassificatore di Taranto dichiara la propria solidarietà al Comitato contro il rigassificatore di Brindisi. Grave è la decisione del governo, è stata ignorata la volontà popolare. Taranto e Brindisi erano le due città definite per legge "a rischio di crisi ambientale" in Puglia e sono state individuate come siti per i rigassificatori: è assurdo.

Il giorno 30 a Taranto manifesteremo contro il rigassificatore di Taranto esprimendo la nostra contrarietà anche per il rigassificatore di Brindisi.

E porteremo il nostro striscione "NO AL RIGASSIFICATORE, NE' A TARANTO NE' A BRINDISI" (è nella foto qui accanto).

Note:

Primaveraradio è media partner del Comitato contro il rigassificatore di Taranto
http://www.primaveraradio.net

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies