Taranto Sociale

RSS logo

Mailing-list Taranto

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Taranto

...

Articoli correlati

  • Il Comitato per Taranto alla stampa

    VIA alla Centrale Eni di Taranto: dalla Prestigiacomo nessun beneficio ambientale per Taranto

    Le mortificazioni dovute ad anni di inquinamento selvaggio, ma anche di silenzi e complicità istituzionali, senza contare i tanti, troppi morti che la città piange ogni giorno a causa proprio dell'inquinamento di origine industriale, esigono una pronta inversione di tendenza che rende intollerabile questo ennesimo atto del governo ai danni dei tarantini.
    15 settembre 2009 - Comitato per Taranto
  • «Sbagliato dire no al rigassificatore di Brindisi»

    «Sbagliato dire no al rigassificatore di Brindisi»

    L'avvocato lancia la sfida all'interno del centrodestra scendendo in campo con una lista civica. Il candidato sindaco Gallone: «Mennitti non ha risolto i problemi» «Terra di Brindisi» può diventare l'antagonista dell'attuale primo cittadino. «Vogliamo un cambiamento radicale»
    27 giugno 2008 - Marcello Orlandini
  • Ricorso al TAR del contro il rigassificatore

    Ricorso al TAR del contro il rigassificatore

    Appello per il presidio davanti al "TAR" regionale in occasione del ricorso contro il rigassificatore offshore di Livorno e Pisa che si terrà l’11 giugno 2008.
    26 maggio 2008
  • Rigassificatore, torna compatto il fronte del «no»

    Rigassificatore, torna compatto il fronte del «no»

    Pareri negativi di Provincia, Comune e Legambiente alla valutazione di impatto. I rischi ci sono, e come. E la società inglese li nasconde.
    23 maggio 2008 - Marcello Orlandini
Si terrà alle ore 16.30 nel Salone degli Stemmi della Provincia di Taranto in via Anfiteatro 4.

Assemblea dibattito sul rigassificatore il 14 dicembre a Taranto

Fra gli scopi di quest'iniziativa vi è quello di promuovere una
Commissione Scientifica che consenta di conferire una validazione e una
documentazione alle controdeduzioni che il Comitato contro il
rigassificatore elaborerà non appena la Gas Natural risponderà alle 40
obiezioni del Ministero dell'Ambiente.
12 dicembre 2006

Il Comitato contro il rigassificatore di Taranto promuove per giovedì 14 dicembre prossimo un’assemblea pubblica con dibattito che si terrà alle ore 16.30 nel Salone degli Stemmi della Provincia di Taranto in via Anfiteatro 4.

L'introduzione sarà tenuta da Leo Corvace che esporrà le ragioni del no alla costruzione nel nostro territorio di un impianto di rigassificazione alla luce delle 40 osservazioni critiche che il Ministero dell'Ambiente ha inviato alla multinazionale spagnola Gas Natural che ha proposto il progetto.
Interverranno poi Dino Borri, docente di Pianificazione Territoriale del
Politecnico di Bari, e Valeria Monno, docente di Pianificazione Territoriale del Politecnico di Taranto.

Il prof. Dino Borri, che fa parte del Comitato dei Saggi per l'educazione ambientale nominato presso il Ministero dell'Ambiente, relazionerà su "Sviluppo sostenibile, pianificazione urbana e impianti a rischio di incidente rilevante".
La prof.ssa Valeria Monno relazionerà su "Valutazione di Impatto Ambientale, partecipazione democratica e validazione scientifica".

Modererà Maria Giovanna Bolognini del Comitato contro il rigassificatore di Taranto.

Nel corso dell’incontro verranno illustrati i dati tecnici e ambientali in base ai quali il Comitato contro il rigassificatore, come recepito dal Ministero dell’Ambiente nelle quaranta obiezioni poste all’azienda responsabile del progetto, ha evidenziato l'incompatibilità del rigassificatore con il contesto locale, già gravato da nove impianti a rischio di incidente rilevante.

Fra gli scopi di quest'iniziativa vi è quello di promuovere una Commissione Scientifica che consenta di conferire una validazione e una documentazione alle controdeduzioni che il Comitato contro il rigassificatore elaborerà non appena la Gas Natural risponderà alle 40 obiezioni del Ministero dell'Ambiente. Il lavoro intrapreso sarà messo in comune con gli altri comitati sorti in Italia nei siti dove sono stati previsti i rigassificatori.

La Commissione Scientifica che verrà proposta e illustrata sarà aperta alla collaborazione di tutti coloro che in città si occupano di ambiente e di sicurezza e avrà un respiro nazionale raccogliendo il contributo di esperti e docenti di fama nazionale.

Il lavoro finora svolto dal Comitato contro il rigassificatore lo ha reso interlocutore attendibile e presente presso le nostre istituzioni locali e presso il Governo centrale; tuttavia si ritiene necessario, nell’ottica di un processo di partecipazione democratica, che la cittadinanza sia resa soggetto partecipe e decisore attivo nell'ambito della Valutazione di Impatto Ambientale, che non può essere lasciata nelle sole mani di tecnici nominati da quegli stessi uomini politici che sostengono le ragioni del rigassificatore.

La proposta di costituzione di una Commissione Scientifica è quindi un'occasione di partecipazione a quanti intenderanno offrire il loro apporto di competenze e di idee.

In particolare il Comitato fa appello al mondo della scuola, dell'università e della comunità scientifica perché la Valutazione di Impatto Ambientale sia occasione di dibattito, approfondimento e ricerca interdisciplinare.

Note:

Per informazioni:
Comitato contro il rigassificatore
Contatti: 3498106334 – 3491444125
comitatopertaranto@yahoo.it
www.tarantosociale.org

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies