Taranto Sociale

RSS logo

Mailing-list Taranto

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Taranto

...

Articoli correlati

Dopo lo scandalo delle tangenti sul rigassificatore di Brindisi anche a Taranto si discute della questione morale

Vendola: "No al rigassificatore di Taranto". Il Comitato: "Svolta positiva"

In un articolo apparso su Repubblica del 16 febbraio è emersa la scelta del Presidente della Regione Puglia di stoppare anche il rigassificatore di Taranto. Soddisfazione del Comitato contro il rigassificatore
16 febbraio 2007 - Comitato contro il rigassificatore di Taranto

Il Presidente Vendola ha messo in discussione anche l'impianto di rigassificazione di Taranto dopo le vicende giudiziarie di Brindisi. Potrebbe essere questa la logica conseguenza dello stop impresso al Piano energetico della Puglia, ieri sera nel corso della riunione della giunta regionale.

Secondo Vendola "la Puglia è pronta a fare marcia indietro anche sul rigassificatore di Taranto" (si veda la nota 1). L´obiettivo è di riaprire la partita dei rigassificatori. Nel piano energetico, la giunta Vendola aveva confermato la disponibilità della Puglia ad ospitare un solo impianto di rigassificazione a condizione che fossero rispettate le prerogative locali e quindi vi fosse una regolare procedura di valutazione di impatto ambientale.

La questione morale di Brindisi non ha ancora perso la sua carica di attualità: l'esigenza di un radicale rinnovamento della classe dirigente, di una riaffermazione dell'idea della politica come perseguimento dell'interesse generale e della trasparenza democratica emerge in tutta la sua evidenza.

Per decenni di storia tarantina, controllare la politica ha significato controllare direttamente o indirettamente il potere economico della città a discapito dell?ambiente. Stiamo uscendo dal tunnel chiedendo di applicare la legge e questo grazie ai cittadini che chiedono verità e giustizia. La democrazia deve avere l?obiettivo di far contare sempre di più il popolo nelle scelte che lo interessano.

Il comitato del NO al rigassificatore di Taranto apprezza il Presidente Vendola e plaude a queste ultime sue prese di posizione. Esse si inquadrano all'interno di un discorso più ampio iniziato dal Comitato contro il rigassificatore che chiede l'immediato annullamento del NOF (Nulla Osta di Fattibilità) relativo al rigassificatore di Taranto data la mancata applicazione dell'articolo 23 della Seveso II che prevede la partecipazione della società civile quando sono previsti nuovi insediamenti di stabilimenti a rischio di incidente rilevante.

Questa anomalia rende evidente che le pressioni per far passare il rigassificatore a Taranto sono preoccupanti. Taranto e Brindisi sono entrambe città toccate dalla questione morale. Ed entrambe sono legate da un pericoloso elemento comune: il rigassificatore.

Bersani aveva scelto Taranto per il rigassificatore parlando a Ballarò il 28 febbraio 2006. Rivolto a Gasparri disse in diretta televisiva: "Voi non lo avete voluto a Brindisi, noi lo vogliamo fare a Taranto".

Da allora la posizione locale dei DS cambiò e da contraria al rigassificatore (perché comprometterebbe lo sviluppo del porto) divenne possibilista. Infatti nel 2002 i DS tarantini avevano votato contro un precedente progetto di rigassificatore in consiglio comunale, all'unanimità con gli altri partiti.

Questi mutamenti di orientamento sono stati all'origine di preoccupanti distorsioni della vita politica cittadina, tanto che le uniche due interrogazioni parlamentari sul rigassificatore di Taranto sono state presentate da due parlamentari non di Taranto (precisamente uno di Venezia e uno di Napoli).

Le ragioni per fare a Taranto un rigassificatore erano semplici: si contava su una minore reattività della popolazione con la complicità delle forze politiche ingaggiate nel progetto.

Eppure - oltre alla collocazione rischiosa e controproducente nel porto di Taranto - era proprio il progetto a non risultare convincente.

In Italia infatti sono stati proposti 15 rigassificatori per un'importazione stimata di 100 miliardi di metri cubi annui di gas metano liquefatto tramite navi gasiere.
In tutto il mondo l'esportazione di gas liquefatto è di 188 miliardi di meri cubi.

Quindi l'Italia si proporrebbe come importatrice del 53% di tutto il gas metano liquefatto mondiale attuale.

E' assolutamente evidente che la proposta di 15 rigassificatori (tanti se ne sono segnalati al governo), e fra questi quello di Taranto, appare viziata da gigantismo se si considera ad esempio che attualmente negli Stati Uniti ci sono solo 4 rigassificatori.
La scelta di Bersani di fare dell'Italia un "hub"(ossia un punto di snodo della fornitura energetica dell'intera Europa) nulla ha a che fare con l'autosufficienza energetica della nostra nazione e appare invece un progetto in cui la politica diventa piattaforma per gli affari.

Facendo eccezione per il Giappone, che è caratterizzato da una posizione geostrategica e geopolitica molto particolare (è un'isola in un contesto asiatico), la situazione dei rigassificatori a livello mondiale non giustifica il gigantismo di Bersani.

Ecco chi ha oggi i rigassificatori: totale 46 nel mondo, di cui

- 26 in Giappone
- 4 negli Usa
- 4 in Spagna
- 3 Corea del Sud
- 2 in Francia
- 1 Italia, Belgio, Taiwan, Rep.Dominicana, Portogallo, Grecia, Portorico, Turchia.

(fonte dati: ENI)

Perché allora 15 progetti di rigassificatori nella sola Italia?
L'emergenza gas è stata creata ad arte in Italia mediante una campagna mediatica compiacente. L'Eni sta infatti costruendo - fra la crescente ostilità delle popolazioni locali - due giganteschi impianti di liquefazione in Nigeria. Essi, quando andranno a regime, produrranno tanto gas liquefatto da richiedere "tanti" rigassificatori in Italia.
Per far accettare questo è stata lanciata ad arte una campagna mediatica sulla "penuria" di gas in Italia. Una campagna tanto sensazionalistica quanto infondata, visto che siamo ben collegati ai metanodotti e che in futuro se ne realizzeranno di nuovi incrementando la fornitura di gas
nella nostra nazione.

Pertanto la presunta "emergenza energia" non è la molla dei rigassificatori.
C'è di mezzo invece un grande affare.
Per onorare il maxicontratto di gas liquefatto con la Nigeria una parte del governo italiano sta quindi premendo l'acceleratore sui rigassificatori, sta "dimenticando" i tecnici ENI rapiti in Nigeria e sta minimizzando i rischi connessi agli impianti collocati spesso in aree già ad alto rischio.

Le perplessità sull'affare rigassificatori ormai sono diventare di dominio pubblico e l'insofferenza di Vendola ne è la spia eloquente.

Bersani è entrato in rotta di collisione con Vendola ignorando, dopo lo scandalo di Brindisi, la questione delle forzature a cui sono sottoposte le popolazioni.

Il presidente della Regione Puglia in questi mesi è stato tenuto sottoposto ad un crescendo di sollecitazioni da parte dei cittadini di Taranto dove è in corso una raccolta di migliaia di firme contro un impianto che sorgerebbe a 775 metri dalle cisterne dell'Agip: una vera follia.

Il momento delle scelte era ormai nell'aria. La vicenda del rigassificatore di Brindisi aveva sollevato la puzza delle tangenti.

E ora Vendola ha detto finalmente "no" al rigassificatore di Taranto.

Stefano De Pace
Alessandro Marescotti
Comitato contro il rigassificatore di Taranto

Note:

--- NOTA 1 ---

Rinviata la discussione sul piano energetico.
Il governatore irritato dall´atteggiamento di Bersani su Brindisi

Rigassificatori, Vendola sfida Roma
Piero Ricci

Scontro con il governo: abbiamo dato tanto, qui nessun impianto
Anche il progetto di Taranto messo in discussione: verso la moratoria totale
Il ministro non ha ancora detto una parola chiara sulla conferenza di servizi per la Via

La Puglia è pronta a fare marcia indietro anche sul rigassificatore di Taranto. Potrebbe essere questa la logica conseguenza dello stop impresso al Pear, il piano energetico regionale, ieri sera nel corso della riunione della giunta regionale che si è svolta in trasferta nel palazzo di via Capruzzi, appena chiusa la seduta del Consiglio sulla fine del commissariamento per l´emergenza rifiuti.
All´ordine del giorno era prevista la discussione del Pear dopo la seconda fase della concertazione con le parti economiche e sociali. Ma l´assessore all´Ambiente, Michele Losappio, ha preferito soprassedere e, complice l´assenza del vice presidente e assessore allo Sviluppo economico, Sandro Frisullo, con cui condivide la gestione politica energetica dell´esecutivo pugliese, ha suggerito di rinviare la discussione. È bastato un cenno di assenso da parte del governatore pugliese, Nichi Vendola, perché la proposta di Losappio non incontrasse ostacoli. L´obiettivo è di riaprire la partita dei rigassificatori. Nel piano energetico discusso con industriali e sindacati, la giunta Vendola aveva confermato la disponibilità della Puglia ad ospitare un solo impianto di gassificazione a condizione che fossero rispettate le prerogative locali e quindi vi fosse una regolare procedura di valutazione di impatto ambientale. Una posizione vicina al percorso di Gas Natural che è sotto procedura di Via, a Taranto dove prevede di realizzare uno dei due impianti che ha progettato per l´Italia.
Ma le ultime vicende giudiziarie che hanno interessato il rigassificatore di Brindisi, tra le ordinanze di custodia cautelare per corruzione a carico di alcuni manager della British gas e il provvedimento di sequestro dell´area di Capobianco nel porto messapico dove sono in corso i lavori di costruzione dell´impianto, devono aver interrotto il filo diretto tra la giunta Vendola e il governo Prodi.
Dicono che Vendola si sia mostrato molto contrariato da alcune affermazioni fatte dal ministro dello Sviluppo economico, Pierluigi Bersani dopo gli arresti di Brindisi. Il responsabile del dicastero che ha competenza per aprire la conferenza di servizi e sospendere i lavori, ha detto che il blocco dell´impianto a Brindisi non cambia la strategia del governo in materia energetica e sulla necessità di costruire e in fretta 4-5 rigassificatori entro il 2010. Ma a scatenare la reazione del governo pugliese sarebbe stata probabilmente una risposta informale arrivata ieri dal ministero diretto da Bersani, alla missiva spedita due giorni da Frisullo per chiedere di aprire con urgenza i lavori della conferenza di servizi e «contestualmente» chiedere la sospensione "amministrativa" dei lavori dopo quella decretata di fatto dai magistrati brindisini con il sequestro dell´area di Capobianco che i legali della British gas hanno già detto di impugnare davanti al tribunale del riesame con l´obiettivo di riaprire il cantiere. Al ministero, pare - secondo quanto riferiscono fonti vicine alla giunta regionale - non avrebbero la stessa «urgenza» della Puglia. Ma ad aggravare la situazione sarebbe, sempre sul fronte brindisino, la partita del carbone con l´Enel. La Puglia vorrebbe ridurre le emissioni della centrale riducendo la produzione con il carbone. Ma a quanto pare, da Roma, il governo non starebbe lavorando di sponda con la giunta Vendola per convincere la società di Fulvio Conti ad assumere una posizione meno rigida nella trattativa. Una delle ragioni per cui l´esecutivo pugliese avrebbe deciso di rinviare il Pear sarebbe legata alla difficoltà di convocare un incontro bilaterale con l´Enel. A questo punto, vista la produzione energetica superiore ai consumi regionali, cancellare dal piano anche il rigassificatore di Taranto appare sempre meno un´ipotesi e sempre più una proposta da valutare.
(Repubblica Bari - 16 febbraio 2007)

--- NOTA 2 ---

Quando il rigassificatore puzza di corruzione
http://lists.peacelink.it/taranto/msg01371.html
http://lists.peacelink.it/taranto/msg01370.html

Allegati

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies