Taranto Sociale

RSS logo

Mailing-list Taranto

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Taranto

...

Articoli correlati

  • Il giornalista a cui ILVA tolse il microfono
    Licenziato Luigi Abbate

    Il giornalista a cui ILVA tolse il microfono

    PeaceLink lancia una raccolta di firme perché venga riassunto. Hanno già aderito Paolo Flores D'Arcais e Marco Travaglio. L'Ordine dei Giornalisti di Puglia e Assostampa sono intervenuti in difesa del coraggioso giornalista. Martedì 29 luglio alle ore 19 sit-in davanti a Blustar TV in via Di Palma a Taranto
    28 luglio 2014 - Alessandro Marescotti
  • Le elezioni europee, l'ILVA e il processo per disastro ambientale a Taranto

    Risposta a Giuliana Sgrena

    La giornalista, candidata nella lista Tsipras, ha scritto oggi sul Manifesto: "Si può condannare una lista perché dentro c'è SEL e il presidente di SEL è Vendola? Non possiamo farci irretire da posizioni fondamentaliste che del resto abbiamo sempre combattuto".
    9 marzo 2014 - Antonia Battaglia
  • L'audio integrale dell'intercettazione telefonica

    Ilva, audio choc di Vendola: risate con l'uomo dell'ILVA e rassicurazioni a Riva

    Riva negava l'emergenza tumori a Taranto, il giornalista lo incalzava e Archinà (ILVA) gli toglieva il microfono dalle mani
    15 novembre 2013 - Luciano Manna
  • Nichi Vendola su Wikipedia, ecco quello che viene rimosso
    I rapporti con l'Ilva nelle intercettazioni telefoniche della Procura di Taranto

    Nichi Vendola su Wikipedia, ecco quello che viene rimosso

    Sono state ripetutamente inserite su Wikipedia queste informazioni. Ma vengono sistematicamente rimosse da qualcuno che non ritiene siano utili da leggere
    17 febbraio 2013 - Alessandro Marescotti
Vendola: «Care-net è un un pezzettino di buona sanità»

Oncologia pediatrica: cure a casa

Il presidente Vendola, ha firmato la convenzione per il progetto “Care-Net” di assistenza domiciliare con l'associazione Apleti. Il progetto contempla, tra i suoi obiettivi, le diverse prestazioni in assistenza domiciliare ai bambini affetti da patologie oncologiche
17 gennaio 2008
Fonte: Gazzetta del mezzogiorno

Alla firma erano presenti, tra gli altri, il legale rappresentante dell’Apleti, Francesco Paolo Mugolo, il direttore generale del Policlinico di Bari, Antonio Castorani, e il direttore sanitario del Policlinico, Vitangelo Dattoli BARI – «È un pezzettino di buona sanità». Lo ha detto il presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, firmando la convenzione per la realizzazione del progetto “Care-Net” di assistenza domiciliare di oncologia pediatrica tra Regione Puglia e Apleti, Associazione pugliese per la lotta contro le empatie e i tumori nell’infanzia.

Vendola ha sottolineato l’importanza dell’assistenza domiciliare nella terapia di un malato e di come si stia ricostruendo il sistema «un pezzo alla volta con l’idea della continuità terapeutica soprattutto per i bambini. Non si può pensare – ha spiegato il presidente ad un ammalato come ad un pacco postale» che va seguito con attenzione anche al di fuori della struttura ospedaliera.

L'assistenza domiciliare è uno dei pezzi fondamentali di un progetto che possa superare il carattere ospedalocentrico – ha proseguito Vendola – del nostro sistema sanitario. I bambini soprattutto, ma tanti malati anche i malati più gravi, non è detto che debbano vivere il proprio percorso di malattia, la ricerca di cure, la speranza, l’attesa di guarigione necessariamente in una condizione istituzionalizzata, ospedalizzata».

Il centro di riferimento del progetto è il Policlinico di Bari che coordinerà una rete sul territorio e di operatori che seguiranno il percorso assistenziale dei bimbi malati. Al momento il progetto riguarda 20 bambini tra la provincia di Bari e Barletta ma, al termine della durata di un anno, il progetto potrebbe diventare una prestazione istituzionale se produrrà risultati positivi.

«Tante volte – ha aggiunto Vendola - restare a casa è un modo più efficace per avere l’energia per combattere contro la malattia. Poter continuare a godere dell’ambiente domestico, della continuità delle relazioni affettive è un pezzo del percorso terapeutico» e l’assistenza domiciliare secondo Vendola è perciò «sia l’impegno del pubblico che del mondo delle associazioni e del volontariato».

Alla firma erano presenti, tra gli altri, il legale rappresentante dell’Apleti, Francesco Paolo Mugolo, il direttore generale del Policlinico di Bari, Antonio Castorani, e il direttore sanitario del Policlinico, Vitangelo Dattoli. Nell’occasione Castorini ha parlato di nuovo personale e del nuovo reparto di oncoematologia pediatrica del nosocomio barese.

Il progetto contempla, tra i suoi obiettivi, le diverse prestazioni in assistenza domiciliare ai bambini affetti da patologie oncologiche, tra cui il monitoraggio delle condizioni fisiche nell’intervallo tra i vari trattamenti, prelievi per esami ematologici e chimici, terapie di supporto anche con farmaci ospedalieri, somministrazione di chemioterapie «di minima», assistenza durante l’esecuzione di esami diagnostici o interventi terapeutici decentrati e somministrazione di farmaci per la terapia del dolore.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy