Taranto Sociale

RSS logo

Mailing-list Taranto

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Taranto

...

Articoli correlati

  • Nelle scuole del Tamburi la diossina si spazza con gli "spazzafoglie"

    Nelle scuole del Tamburi la diossina si spazza con gli "spazzafoglie"

    La pulizia delle aree verdi effettuate senza rispettare le indicazioni di Arpa Puglia
    23 gennaio 2017 - Luciano Manna
  • Svegliarsi con il cielo marrone, ecco come vive una città in stato di allerta
    Il mistero dei 5 big bag incendiati l'11 luglio in ILVA

    Svegliarsi con il cielo marrone, ecco come vive una città in stato di allerta

    Subito dopo l'anniversario di Seveso accade qualcosa di strano a Taranto. Ve lo raccontiamo perché possiate avere un'idea di come si allerta una città in cui la popolazione cerca da sola di capire perché si sveglia con una strana cappa marrone sulla testa
    13 luglio 2016 - Alessandro Marescotti
  • Trasporti speciali di "big bag"

    Dove viene trasportata la diossina dell'ILVA?

    Parte da Taranto, passa da Massafra e va a Orbassano in provincia di Torino. Lo si è venuto a sapere dopo una richiesta di PeaceLink al Sindaco di Taranto che ha chiesto lumi all'ILVA
    12 luglio 2016 - Alessandro Marescotti
  • A 40 anni dal disastro ambientale di Seveso. Parliamo dell'omertà di Stato?
    Era il 10 luglio 1976, una nuove di diossina contaminava l'ambiente, le case e le persone

    A 40 anni dal disastro ambientale di Seveso. Parliamo dell'omertà di Stato?

    Un confronto con Taranto. A Seveso il ritardo dell'informazione si misura in giorni, a Taranto si misura in anni. Della diossina a Taranto si è saputa l'esistenza non perché lo ha comunicato il governo o la ASL ma perché lo ha comunicato PeaceLink, con tutto il rischio di una simile comunicazione. Ancora oggi nel quartiere Tamburi la popolazione apre le finestre, entra la polvere. Nessuno viene informato che può entrare la diossina. E per la strada ci sono i banchetti di vendita della frutta e della verdura.
    10 luglio 2016 - Alessandro Marescotti

Più casi di autismo in 10 anni, inquinamento nel mirino

Il punto ieri in un convegno: ora sono 146 i soggetti interessati (0-16 anni). Lo sostengono gli americani e ora l’Asl conferma questo legame ma evidenzia anche la necessità di un approfondimento scientifico
20 aprile 2008 - Maria Rosaria Gigante
Fonte: Gazzetta del Mezzogiorno

- Ci potrebbe essere una correlazione tra inquinamento dovuto a diossina ed anche ai metalli con una serie di patologie. Non solo tumori e malformazioni, ma anche stati di irrequietezza, disturbi d’apprendi -
mento e autismo. L’ipotesi lanciata qualche tempo fa dalla rivista scientifica «Lancet» ha un passaggio tutto tarantino. In una città caratterizzata da un elevato inquinamento da diossina, abbondantemente
prodotta proprio qui, sono in aumento i casi riconducibili all’autismo.

«In un decennio sono raddoppiati: quelli in carico del servizio pubblico
sono al momento 146, in un’età compresa dai 0 ai 16 anni (la diagnosi viene fatta in genere intorno ai due anni), prevalentemente di genere maschile. Erano la metà dieci anni fa», dice Salvatore Pignatelli, direttore dell’Area dell’età evolutiva del Dipartimento di assistenza e riabilitazione dell’Asl.

I dati sono stati presentati nel corso del convegno «La sindrome autistica: nuove prospettive nell’ottica del recupero del malato» organizzato dall’Associazione di volontariato «Comitato Montanari Puglia», che propende per una spiegazione metabolica della patologia più che per una spiegazione genetica. E che fornisce un proprio dato ancor più allarmante:
l’incidenza di questa patologia sarebbe passata da uno su 2.500 casi a uno su 150.

Dal canto suo, Pignatelli invita ad usare molta cautela ed a fornire il proprio dato invocando un approfondimento ed una riflessione. «Abbiamo bisogno di certezze e non più di speranze - dice -. La riabilitazione non è miracolosa. Forse la dieta potrebbe essere più importante, se le cause fossero realmente queste». C'è un quesito di fondo: «Ci chiediamo: l’aumento di casi che noi registriamo è dovuto al fatto che c'è una conoscenza maggiore del problema? Che se parla di più? Che ci sono più adeguati strumenti diagnostici? O c'è un aumento effettivo? E se così, perché?»

La tesi sostenuta ed illustrata da Massimo Montinari, funzionario della Polizia di Stato, già ricercatore presso il Policlinico di Bari, che lavora in sinergia con alcuni ricercatori statunitensi ed ha fornito la propria documentazione al ministero della Salute, porta a riconoscere la causa della patologia in una alterazione della barriera ematoencefalica dovuta agli accumuli nel corpo umano di metalli, mercurio, diossina.

Tale barriera, infiammandosi a causa di tali veleni, perderebbe la propria funzione protettiva modificando il metabolismo attraverso una riduzione dell’apporto di ossigeno. Nell’organismo si creerebbe, dunque, una situazione di intossicazione, una reazione autoimmunitaria. Benefici deriverebbero anche da una dieta che libera l’organismo da alcune sostanze tossiche persino come il glutine (in questi soggetti sarebbe riscontrata anche una alterazione infiammatoria a livello intestinale).

«Una qualche intuizione sul fatto che l’inquinamento centri qualcosa in queste patologie probabilmente c'è, ma su questa pista - dice Pignatelli - occorre ancora lavorare molto e fare ricerca. Ripeto: noi riabilitatori partiamo da un dato quotidiano: i casi sono raddoppiati. Ma ora occorre un approfondimento scientifico. Dobbiamo andare avanti perché abbiamo bisogno di certezze».

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies