Taranto Sociale

RSS logo

Mailing-list Taranto

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Taranto

...

Articoli correlati

  • Rio 2016: le Olimpiadi cancellano i diritti
    Si militarizza la città e la protesta sociale viene criminalizzata

    Rio 2016: le Olimpiadi cancellano i diritti

    Nelle favelas crescono le operazioni di pulizia sociale
    27 luglio 2016 - David Lifodi
  • "Resisti Istanbul", città globale a rischio

    "Resisti Istanbul", città globale a rischio

    Ekumenopolis, un documentario turco del 2011, descrive bene quanto sta accadendo nelle città dell'economia globale. Nel pomeriggio di sabato intanto la polizia ha caricato la folla radunata a piazza Taksim e al parco Gezi, usando idranti e lacrimogeni.
    16 giugno 2013 - Lidia Giannotti
  • Non si vergognano ?
    Una riflessione dalla Colombia ..... ma non solo

    Non si vergognano ?

    Quelli che si sentono furbi, quelli che vivono una vita facile, i predatori insaziabili degli ospedali, i ladri che rubano costruendo i ponti, le canaglie che vivacchiano al Parlamento, quando vedono questa gioventù dagli occhi limpidi che si guadagna la vita, per sognare una medaglia , vendendo empanadas di porta in porta ?
    8 agosto 2012 - Eduardo Escobar
  • Pechino: L'Unione europea vince le Olimpiadi davanti a Cina e Usa
    Olimpiadi

    Pechino: L'Unione europea vince le Olimpiadi davanti a Cina e Usa

    In un medagliere olimpico virtuale sommando le medaglie vinte dai ventisette paesi l'Europa si piazzerebbe al primo posto distanziando la Cina, gli Stati Uniti e la Russia
    25 agosto 2008 - Nicola Vallinoto

L'«Atleta di Taranto» andrà alle Olimpiadi di Pechino

Ci sarà anche la Puglia alle Olimpiadi di Pechino con uno sportivo d'antan, il famoso «Atleta» del MarTa. Il famoso «Atleta di Taranto» porterà con sé a Pechino un pezzo del Museo archeologico. A scortare il campione olimpico del VI secolo a. C ci saranno la direttrice del Museo tarantino, Antonietta Dell'Aglio, e l'architetto Augusto Ressa.
6 giugno 2008 - Marinela Di Tursi
Fonte: Corriere del Mezzogiorno

. Ci sarà anche la Puglia alle Olimpiadi di Pechino con uno sportivo d'antan, il famoso «Atleta» del MarTa, il Museo Archeologico Nazionale di Taranto, testimonial d'eccezione per una manifestazione di così alto rango. Arriverà nella capitale cinese il 30 giugno, ospitato presso il Museo delle arti del mondo che a lui ha riservato un'intera sala.

A scortare il campione olimpico del VI secolo a. C ci saranno la direttrice del Museo tarantino, Antonietta Dell'Aglio, e l'architetto Augusto Ressa della soprintendenza ai Beni architettonici e paesaggistici (Bap) delle province di Taranto, Brindisi e Lecce.

Ressa ha firmato il progetto di allestimento del materiale trasferito a Pechino: una particolare teca per consentire la visione del sarcofago con l'atleta anche ai bambini e ai diversamente abili, un sistema di pannellature che raccolgono notizie e documenti e due filmati, uno realizzato dalla Rai e l'altro dalla Bbc. Ed è stato proprio questo documentario prodotto da History Channel a suggerire l'idea di una partecipazione del museo tarantino alla grande kermesse sportiva.

«Guardando il filmato della Bbc chiarisce Ressa - siamo rimasti colpiti dagli ultimi studi condotti dall'università di Pisa sullo scheletro dell'atleta, indagini che hanno permesso, attraverso l'osservazione delle ossa, di stabilire il tipo di alimentazione, prevalentemente proteica, di cui faceva uso, le ragioni del decesso e le specialità in cui eccelleva. Del resto il nostro atleta dimostra una straordinaria prestanza fisica distribuita in una altezza di circa un metro e settanta, misura di tutto rispetto per l'epoca».

Cosa porterete esattamente a Pechino?

«Una copia fedelissima dell'Atleta realizzata con la tecnica innovativa del laser scanner e il sarcofago che lo contiene (anch'esso in copia). Si tratta di reperti di estrema delicatezza che non possono essere trasportati. In originale invece c'è il corredo funerario che accompagnava la sepoltura: l'alàbastron, il contenitore per gli unguenti, e le tre anfore panatenaiche a figure nere, premio donato all'atleta vincitore, contenente l'olio proveniente dall'uliveto sacro di Olimpia. Sui manufatti sono raffigurati Athena Promakos (combattente), una corsa di quadrighe, una scena di lotta e una scena di pentatlon, probabili discipline in cui l'atleta si era particolarmente distinto».

Quali sono stati gli enti promotori dell'iniziativa?

«Innanzitutto il ministero dei Beni culturali e ambientali, e operativamente l'assessorato alla cultura della Regione Puglia che ha stipulato un accordo con il governo cinese. In prima linea anche la direzione regionale per i Beni culturali e paesaggistici della Puglia, la soprintendenza archeologica di Taranto e la soprintendenza ai Beni architettonici e paesaggistici (Bap) delle province di Taranto, Brindisi e Lecce».

Dunque uno sforzo notevole sul piano organizzativo e finanziario. Con quali ricadute?

«Il progetto ha innanzitutto un obiettivo promozionale di rilancio turistico culturale della Puglia, e di conseguenza mira anche alla valorizzazione di una delle sue più autorevoli istituzioni, il museo archeologico nazionale di Taranto recentemente restituito alla collettività, sebbene solo negli allestimenti del primo piano. A breve peraltro sarà terminato l'intervento sull'intero percorso museale dove troverà dimora anche il famoso "atleta"».

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies