Taranto Sociale

RSS logo

Mailing-list Taranto

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Taranto

...

    Comunicato stampa

    Invito alla conferenza stampa di presentazione della campagna referendaria per l'acqua bene comune

    Appuntamento il 25 Aprile ore 17.00 Piazza Garibaldi Taranto
    23 aprile 2010 - Antonietta Podda (Addetto stampa provinciale "Comitato Pugliese Acqua Bene Comune Taranto")

    Il Forum Italiano dei Movimenti per l'acqua ha lanciato una campagna referendaria con cui si intende abrogare le norme che regolano la privatizzazione dei servizi idrici, ribadendo il carattere pubblico ed il valore bene comune dell'acqua. No alla privatizzazione dell'acqua

    In occasione della ricorrenza del 25 aprile, il Comitato Acqua Bene Comune Taranto ha aderito alla manifestazione nazionale promossa dal Forum e a tal proposito terrà una conferenza stampa alle ore 17 in Piazza Garibaldi a Taranto, con cui si dà il via alla campagna referendaria, alla quale è stato invitato il Sindaco di Taranto Ippazio Stefàno.
    In particolare, verrà chiesto ufficialmente al Sindaco l'impegno del Comune di Taranto nei confronti del Referendum per l'Acqua Pubblica e quindi di apporre come Primo cittadino simbolicamente "la prima firma".

    In qualità di autenticatori è prevista la presenza dell'assessore comunale ai Servizi Sociali di Taranto, Mario Pennuzzi e dei Consiglieri Comunali di Taranto Anna Rita Lemma e Francesco Voccoli.

    Il 25 aprile gli attivisti delle diverse realtà associative, politiche e sindacali saranno presenti in Piazza Garibaldi per raccogliere le firme dei cittadini aventi diritto al voto (muniti di documento di riconoscimento in corso di validità).

    Sempre nella giornata del 25 aprile è prevista un'altra iniziativa: la raccolta firme a Lama presso la chiesa Regina Pacis dalle ore 09:00 alle 12:00 (al termine di una ciclo passeggiata).

    La campagna referendaria

    Nello specifico Il Forum Italiano dei Movimenti per l'acqua si propone di promuovere 3 quesiti referendari, depositati presso la Corte di Cassazione di Roma mercoledì 31 marzo 2010.

    I tre quesiti vogliono abrogare la vergognosa legge approvata dall’attuale governo nel novembre 2009 e le norme approvate da altri governi in passato che andavano nella stessa direzione, quella di considerare l’acqua una merce e la sua gestione finalizzata a produrre profitti.

    Dal punto di vista normativo, l’approvazione dei tre quesiti rimanderà, per l’affidamento del servizio idrico integrato, al vigente art. 114 del Decreto Legislativo n. 267/2000. Tale articolo prevede il ricorso alle aziende speciali o, in ogni caso, ad enti di diritto pubblico che qualificano il servizio idrico come strutturalmente e funzionalmente “privo di rilevanza economica”, servizio di interesse generale e privo di profitti nella sua erogazione.

    Verrebbero poste le premesse migliori per l’approvazione della legge d’iniziativa popolare, già consegnata al Parlamento nel 2007 dal Forum italiano dei movimenti per l’acqua, corredata da oltre 400.000 firme di cittadini. E si riaprirebbe sui territori la discussione e il confronto sulla rifondazione di un nuovo modello di pubblico, che può definirsi tale solo se costruito sulla democrazia partecipativa, il controllo democratico e la partecipazione diretta dei lavoratori, dei cittadini e delle comunità locali.

    Per avere maggiori informazioni sul referendum e nello specificosui tre quesiti referendari, si consiglia la consultazione del sito www.acquabenecomune.org

    La campagna referendaria in Puglia

    In Puglia a guidare la campagna referendaria è il Comitato Pugliese Acqua Bene Comune, che si sta già mobilitando per la raccolta firme e per una campagna d'informazione massiccia.
    L'obiettivo è di raggiungere in 3 mesi le 500.000 firme valide necessarie per lo svolgimento del referendum; in tutte le province pugliesi si stanno già organizzando banchetti ed iniziative specifiche per la raccolta firme.

    A Taranto si è costituito il "Comitato Pugliese Acqua Bene Comune - Taranto" di cui, al momento, fanno parte :

    Meet up 100 Masserie di Crispiano/Taranto - Comitato di quartiere Paolo VI -Comitato di quartiere Taranto Vecchia - Comitato per Taranto -Libera Taranto - Radio Popolare Salento -Onda Viola Taranto - Meet Up Amici di Beppe Grillo Taranto -Assofabric Taranto - Taranto libera - Cloro Rosso - Legambiente Taranto - Peacelink Taranto -Cittadinanza attiva Lizzano -Cittadinanza attiva Palagianello - Comitato Acqua Bene Comune Palagiano - Comitato Acqua Bene Comune Laterza -Comitato Acqua Bene Comune Massafra - Mediterranea Consumo -Coop il filo di Arianna -Sud in movimento Grottaglie - Fabbrica di Niki Martina Franca -Fabbrica di Niki Crispiano -Cobas scuola Taranto - Confederazione Cobas Taranto - FP Cgil -Prc Federazione Provinciale Taranto -Vas Manduria - Sinistra Ecologia e Libertà Provincia di Taranto - Sinistra Ecologia e Libertà di Taranto - Verdi di Taranto.

    Per info, contattare Giovanni Vianello referente per la provincia di Taranto del Comitato Pugliese Acqua Bene Comune - cell. 392.7952278; indirizzo e-mail: jvianello@gmail.com .

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies