Taranto Sociale

RSS logo

Mailing-list Taranto

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Taranto

...

Articoli correlati

Il caso

Petrolio in Mar Grande Legambiente protesta

La denuncia sulla condotta sottomarina dell'Eni Franco:"Chi ha il dovere di intervenire lo faccia in fretta"
24 giugno 2011 - Nazareno Di Noi
Fonte: Correire del Mezzogiorno - 24 giugno 2011

egambiente di Taranto prende coscienza del rischio rappresentato dalla presenza della condotta sottomarina dell’Eni che dal Mar Grande, attraverso strutture galleggianti di pompaggio denominate «campi boa», spinge il greggio delle petroliere direttamente nei grandi depositi della raffineria. «Un’operazione senza rischi», l’hanno definita ieri i responsabili della Capitaneria di Porto che sottintende al controllo. Così non la pensano, invece, l’ortopedico tarantino William Uzzi e l’ambientalista Fabio Matacchiera. I due esprimono seri dubbi in merito alla sicurezza e parlano (è il caso di Matacchiera), di «incidenti già verificati».  Sversamenti a Viale Virgilio nei pressi del Lungomare (Taranto)

La presidente di Legambiente Taranto, Lunetta Franco, sgrana gli occhi: «Ammetto di non conoscere il problema - dice - ma se le cose stanno così, è bene che chi ha il dovere di intervenire lo faccia in fretta». La rappresentante tarantina dell’organizzazione ambientalista che proprio sui traffici di petrolio del colosso energetico e sui suoi programmi di trivellazione nel Golfo di Taranto sta conducendo una battaglia serrata, non si accontenta delle rassicurazioni rese dalla Capitaneria di porto («può accadere qualche piccola perdita - ha ammesso l’ufficiale responsabile del settore tecnico - ma solo di quantità di materiale assolutamente irrisorio che viene prontamente ripulito e reso innocuo»). «Una quantità minima di sostanza inquinante, in un mare già fortemente compromesso - replica Franco -, è un danno che il nostro mare non può permettersi».

Lunetta Franco mette sotto accusa «la solita trascuratezza delle industrie» dove, aggiunge, «ogni attenzione per preservare l’ambiente qui a Taranto diventa un optional». La responsabile dell’organizzazione con la bandiera gialla ammette di non aver letto la denuncia di Matacchiera né di aver visto le foto da lui pubblicate sul Corriere del Mezzogiorno dove si evidenziano chiazze nerastre in prossimità dei bocchettoni delle boe di collegamento delle navi- cisterna. Secondo l’esperto subacqueo, già autore di numerosissime denunce sugli inquinamenti firmati dall’industria pesante tarantina, gli sversamenti avverrebbero durante la fase di collegamento dei manicotti, «soprattutto quando il mare è mosso», con una frequenza «di almeno una volta ogni tre, quattro operazioni». In un caso è stato anche testimone dell’incidente puntualmente immortalato da una foto molto eloquente. Per la Capitaneria, è bene ripeterlo, «sono incidenti trascurabili prontamente risolti e circoscritti dalle squadre addette alla sicurezza». Lunetta Franco non si accontenta e chiede l’intervento degli organismi preposti al controllo ma anche della politica. «Il comune è tenuto ad esercitare un controllo politico per cui, alla luce di quanto sta emergendo dalla stampa, farebbe bene il sindaco a fare la sua parte». Ecco tirato in ballo l’amministrazione comunale che sulle tematiche ambientali, almeno sinora, non si è mai tirata indietro.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies