Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Noi cittadini coinvolti in una logica militare che non abbiamo mai condiviso

Contro la guerra che sta alimentando la barbarie del terrorismo

Anche Taranto è schierata con una base navale in una guerra che nessuno di noi ha mai voluto e che verosimilmente coinvolgerà anche le future generazioni.
10 luglio 2005

La guerra è un crimine Londra, Madrid, New York sono trincee di una guerra in corso.
Abitate da civili arruolati e caduti in una guerra che non avevano mai dichiarato.
Anche l'Italia con le sue belle città è in guerra. Anche i suoi cittadini non hanno mai pensato di dichiarare una guerra.
Per uscire da tutto questo bisogna abbandonare gli armamenti, le basi navali, gli aeroporti militari, i poligoni di tiro, le portaerei, i sommergibili nucleari, i sistemi di spionaggio. Invertire il processo di militarizzazione della nostra società e della nostra cultura.
E' necessario ripristinare condizioni di giustizia sociale. Troppo poco l'azzeramento del debito dei paesi poveri.
Anche Taranto è schierata con una base navale in una guerra che nessuno di noi ha mai voluto e che verosimilmente coinvolgerà anche le future generazioni.
Allarmismo? Pensiamo che il celare, il minimizzare i rischi abbiano prodotto già mostri come l'esportazione della democrazia, lo scontro di civiltà, il terrorismo.
Chiamiamo le cose con il loro nome: siamo in guerra. Una guerra che nessun uomo di buona volontà avrebbe mai dichiarato, una guerra che nessuno vincerà mai, una guerra che porta allo scontro due inciviltà, una guerra che sta alimentando la barbarie del terrorismo, una guerra che paghiamo con il disfacimento dei servizi sociali e sanitari e che pagheranno più amaramente le future generazioni.

tarantosociale

Salvatore De Rosa, Alessandro Marescotti, Giovanni Matichecchia

Articoli correlati

  • Abbandoniamo i pesanti deficit di parresia su guerra, terrorismo ed economia
    Conflitti

    Abbandoniamo i pesanti deficit di parresia su guerra, terrorismo ed economia

    Abbandoniamo l’alta filosofia, le raffinate (o interessate?) analisi geopolitiche o sociologiche. Mettiamo in fila, uno dopo l’altro, le banali, lineari verità che questi tempi ci raccontano. Ma che sembra proibito dire, un po’ come il famoso bambino del “vestito nuovo dell’imperatore”.
    3 gennaio 2019 - Alessio Di Florio
  • La battaglia di Aleppo
    Conflitti
    Chi sono i guerriglieri che combattono contro Assad?

    La battaglia di Aleppo

    Molti guerriglieri antigovernativi derivano dall'esperienza di Al Queda. Ai qaedisti di Jabhat Fatah a-Sham, ai salafiti di Ahrar a-Sham e agli altri gruppi islamisti radicali protagonisti nella guerra civile siriana non interessa portare «la democrazia a Damasco». E neppure il rispetto dei diritti umani e della libertà politica. Il loro obiettivo finale è instaurare in Siria un regime basato sulla sharia, la legge islamica.
    Michele Giorgio
  • Laboratorio di scrittura

    Era il 2 agosto 1980

    2 agosto 2016 - Alessandro Marescotti
  • L’oscena ipocrisia di fronte al Sultano
    Conflitti

    L’oscena ipocrisia di fronte al Sultano

    I grandi sponsor e finanziatori di Daesh sono da cercarsi anche tra le petromonarchie alle quali Stati Uniti e stati europei (Italia compresa) vendono armi a tutto spiano.
    1 agosto 2016 - Alessio Di Florio
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.19 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)