Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Duecentocinquanta civili della Difesa a Taranto rischiano il posto di lavoro

Tagli alla Difesa e nuovi investimenti militari: a farne le spese sono i lavoratori

Non sembra ora una buona via d’uscita quella prospettata da Fassino: aumentare le spese militari dallo 0,8% all’1,5% del PIL.
12 gennaio 2006

La missione italiana in Iraq sta producendo effetti nefasti che per adesso i media nazionali stanno ignorando o tacendo. A Taranto ad esempio 250 lavoratori rischiano di perdere il lavoro. Duecentodieci sono addetti alle pulizie e al facchinaggio della nuova base navale (tutti civili) e quaranta sono docenti civili delle scuole CEMM della Marina Militare.

Le recenti trattative sembrano recuperare alcuni di questi lavoratori civili.

Ma per la maggior parte la situazione rimane però disperata.

I tagli occupazionali, così evidenti su Taranto e sulla sua stampa locale, sono però “invisibili” sulla stampa nazionale. E c’è da immaginare che anche nelle altre città sedi di basi militari vi siano vertenze in corso per tamponare le falle.

Tutto questo è effetto di una situazione che vede entrare in conflitto tre fattori: le spese di investimento in nuovi sistemi d'arma, le missioni militari all’estero e i tagli al bilancio della difesa. Quest’ultimo è sceso allo 0,8% del PIL, anche se con artifici vari alcune spese militari vengono collocate su altri ministeri.

Ciò nonostante è indubbio che il governo Berlusconi ha segnato un record per il ribasso delle spese militari. Frutto di una politica che tende a conciliare l’inconciliabile: l’alleggerimento fiscale e l’impegni militare in Iraq.

Di sicuro sappiamo ora che se abbandoneremo progressivamente l’Iraq non sarà per ragioni di miglioramento della situazione irachena ma perché il sistema occupazionale della Difesa scricchiola. E i costi di missione di cinquanta soldati in Iraq mettono oggettivamente a rischio oltre duecento lavoratori civili della Difesa a Taranto.

Purtroppo governo e opposizione di centrosinistra hanno benedetto – assieme ai sindacati confederali e al vescovo di Genova - la nuova costosissima portaerei che affiancherà la Garibaldi.

Ora si stanno pagando i prezzi di scelte inutili, controproducenti e rovinose.

Non bisognava essere economisti e neppure ragionieri per capire che si andava verso il precipizio finanziario nel settore Difesa.

E non sembra ora una buona via d’uscita quella prospettata da Fassino: riportare le spese militari all’1,5% del PIL.

Articoli correlati

  • Italia: il governo aumenta le spese militari
    Disarmo
    Le spese per la Difesa in ambito NATO

    Italia: il governo aumenta le spese militari

    Nel 2015, con il governo Renzi, ammontavano a 17.642 milioni di euro. Nel 2018 con l'esecutivo Lega-M5s sono arrivate 21.183 milioni.
    21 aprile 2019 - Redazione PeaceLink
  • Nessuna diminuzione delle spese militari
    Disarmo
    Il "Governo del cambiamento" non taglia gli F35

    Nessuna diminuzione delle spese militari

    Nella NADEF (nota di aggiornamento al documento di economia e finanza) non si fa cenno alla necessità della riduzione delle spese militari. In un primo momento era stato detto che il nuovo governo avrebbe tagliato gli F35. Ma non c'è stata alcuna sforbiciata: il programma militare va avanti.
    14 ottobre 2018 - Alessandro Marescotti
  • Un ministro della Difesa spuntato dal nulla fa retromarcia su tutto
    Editoriale
    La sovranità popolare è stata tradita in nome della realpolitik

    Un ministro della Difesa spuntato dal nulla fa retromarcia su tutto

    Il Documento programmatico pluriennale della Difesa per il triennio 2018-2020 prevede per il 2019 l’incremento del budget difesa a oltre 21 miliardi di euro
    5 novembre 2018 - Alessandro Marescotti
  • 4 Novembre 2018: non festa ma lutto. Ogni vittima ha il volto di Abele
    Editoriale

    4 Novembre 2018: non festa ma lutto. Ogni vittima ha il volto di Abele

    Per questo chiediamo una politica di disarmo, poiche' le armi sempre e solo uccidono gli esseri umani.
    Per questo sosteniamo la richiesta che l'Italia sottoscriva e ratifichi il Trattato Onu per la proibizione delle armi nucleari del 7 luglio 2017.
    Per questo chiediamo una drastica riduzione delle spese militari che secondo autorevoli stime gravano sul bilancio dello stato italiano per l'enorme importo di settanta milioni di euro al giorno.
    29 ottobre 2018 - Movimento Nonviolento, PeaceLink, Centro di ricerca per la pace e i diritti umani di Viterbo
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.26 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)