Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Brindisi-Rigassificatore-Taranto

500 ml di euro, 80 posti di lavoro diretti, 350 nell'indotto...
Il rigassificatore è una grande opportunità?
23 maggio 2006
Gianluca Scafa

“Il rigassificatore per noi non è la ‘mano del diavolo’, ma è in contraddizione con il tipo di sviluppo che vogliamo portare avanti per la crescita della città. Pertanto continueremo a muoverci nella direzione del NO, nell’esclusivo interesse della popolazione cittadina"

Questa la motivazione portata dal Sindaco di Brindisi

Per motivare ulteriormente la posizione del Comune di Brindisi, il presidente della Provincia, ha regalato al prefetto di Brindisi un dvd sui rischi dell'impianto di rigassificazione. Il dvd si intitola "Un'altra Brindisi è possibile"…………. anch’egli prende l’impegno per una scelta volta alla valorizzazione di altri tipi di sviluppo.

Si è detto molto sulla pericolosità dell’impianto in un contesto di già grave emergenza ambientale e sulla violazione dell’interesse, di tutti noi, ad essere informati su quelle che sono scelte importanti per la comunità;
chiediamoci pure quali le ragioni che hanno spinto, l’uscente Amministrazione comunale e l’attuale presidenza della Provincia, ad accettare questo evento come una opportunità di crescita del territorio.

Mettendo da parte facili giudizi, potrebbe ipotizzarsi che le attuali Amministrazioni, locale e provinciale, brancolino nel buio, incapaci di proporre alternative alle attuali forme di sviluppo del nostro territorio?
Forse paghiamo il prezzo di una scelta politica facile, quella che produce risultati e subito, invece di godere di un progetto serio ed ambizioso, volto a favorire uno sviluppo equo, rispettoso cioé dei diritti alla sicurezza, alla vita. Le scelte fatte in tutti gli ambiti che vedono un impatto sul trinomio Ambiente-Salute-Sviluppo pare siano dettate da questa logica.

Può essere una buona ragione, insieme a tutte le altre, per aderire, senza esitazione, al NO per il rigassificatore?
Credo di si; cosi come potrebbe essere Ragione sufficiente per mandare a casa coloro che trattano il nostro territorio con troppa leggerezza e disattenzione.

E’ veramente arrivato il tempo di assumersi la responsabilità di scelte importanti, forse rischiose, forse troppo a lungo termine per poterne vivere i benefici; sicuramente, unico modo per creare i presupposti che oggi mancano…. Chi ci potrà riuscire!!!

Articoli correlati

  • Una figlia racconta l'amore per la terra di suo padre che poi ha dovuto combattere la diossina
    Taranto Sociale
    Per qualcuno l'amore per la terra è una vocazione

    Una figlia racconta l'amore per la terra di suo padre che poi ha dovuto combattere la diossina

    Don Angelo Fornaro è il proprietario della Masseria Carmine, una delle sette danneggiate dalla diossina. E' presente a tutte le udienze del processo "Ambiente svenduto" che deriva anche da un suo esposto. Il 13 luglio 2019 ha compiuto 85 anni e sua figlia ha voluto raccontare la sua storia.
    21 luglio 2019 - Rosanna Fornaro
  • "La salute non è d'acciaio. Il caso ILVA"
    Ecologia
    Peacelink Common Library

    "La salute non è d'acciaio. Il caso ILVA"

    Questa tesi di laurea di Nicola Petrilli è aggiornata agli ultimi eventi che hanno caratterizzato la fabbrica dopo l'avvento del governo "giallo-verde". Viene analizzata la società civile tarantina e i suoi "cittadini reattivi", mettendo in luce le difficoltà di ArcelorMittal a Taranto
    8 luglio 2019
  • I ministri pentastellati vanno a Taranto ma non incontrano le associazioni
    Ecologia
    Peccato perché volevamo discutere i dati sanitari e gli eccessi di mortalità vicino agli impianti

    I ministri pentastellati vanno a Taranto ma non incontrano le associazioni

    Vi è una differenza fra il 24 aprile e il 24 giugno 2019. Il 24 aprile furono convocate le associazioni. Oggi no. La Segreteria del Capo di Gabinetto del Ministro dello sviluppo economico ha fatto sapere tramite email a PeaceLink che "non è previsto alcun incontro".
    23 giugno 2019 - Redazione PeaceLink
  • Lo sviluppo della grande industria di Taranto. Quale futuro?
    Ecologia
    Peacelink Common Library

    Lo sviluppo della grande industria di Taranto. Quale futuro?

    Una cosa importantissima per città come Taranto è quella di programmare uno sviluppo economico che consenta una vita dignitosa ai propri cittadini. Per fare questo bisogna programmare le politiche pubbliche. La tesi allegata in formato PDF affronta tale nodo tenendo conto dell'aspetto ecologico.
    24 giugno 2019
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.25 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)