Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Brindisi-Rigassificatore-Taranto

500 ml di euro, 80 posti di lavoro diretti, 350 nell'indotto...
Il rigassificatore è una grande opportunità?
23 maggio 2006
Gianluca Scafa

“Il rigassificatore per noi non è la ‘mano del diavolo’, ma è in contraddizione con il tipo di sviluppo che vogliamo portare avanti per la crescita della città. Pertanto continueremo a muoverci nella direzione del NO, nell’esclusivo interesse della popolazione cittadina"

Questa la motivazione portata dal Sindaco di Brindisi

Per motivare ulteriormente la posizione del Comune di Brindisi, il presidente della Provincia, ha regalato al prefetto di Brindisi un dvd sui rischi dell'impianto di rigassificazione. Il dvd si intitola "Un'altra Brindisi è possibile"…………. anch’egli prende l’impegno per una scelta volta alla valorizzazione di altri tipi di sviluppo.

Si è detto molto sulla pericolosità dell’impianto in un contesto di già grave emergenza ambientale e sulla violazione dell’interesse, di tutti noi, ad essere informati su quelle che sono scelte importanti per la comunità;
chiediamoci pure quali le ragioni che hanno spinto, l’uscente Amministrazione comunale e l’attuale presidenza della Provincia, ad accettare questo evento come una opportunità di crescita del territorio.

Mettendo da parte facili giudizi, potrebbe ipotizzarsi che le attuali Amministrazioni, locale e provinciale, brancolino nel buio, incapaci di proporre alternative alle attuali forme di sviluppo del nostro territorio?
Forse paghiamo il prezzo di una scelta politica facile, quella che produce risultati e subito, invece di godere di un progetto serio ed ambizioso, volto a favorire uno sviluppo equo, rispettoso cioé dei diritti alla sicurezza, alla vita. Le scelte fatte in tutti gli ambiti che vedono un impatto sul trinomio Ambiente-Salute-Sviluppo pare siano dettate da questa logica.

Può essere una buona ragione, insieme a tutte le altre, per aderire, senza esitazione, al NO per il rigassificatore?
Credo di si; cosi come potrebbe essere Ragione sufficiente per mandare a casa coloro che trattano il nostro territorio con troppa leggerezza e disattenzione.

E’ veramente arrivato il tempo di assumersi la responsabilità di scelte importanti, forse rischiose, forse troppo a lungo termine per poterne vivere i benefici; sicuramente, unico modo per creare i presupposti che oggi mancano…. Chi ci potrà riuscire!!!

Articoli correlati

  • Come le pecore
    Laboratorio di scrittura
    Taranto, riflessioni leopardiane

    Come le pecore

    Siamo andati a scuola, abbiamo fatto le traduzioni di latino, ci siamo cimentati in matematica con i polinomi e le disequazioni, abbiamo fatto in chimica le nostre ossidoriduzioni. Ma tavola abbiamo mangiato diossina, sempre diossina. Con lo stesso livello di informazione delle pecore.
    15 febbraio 2019 - Alessandro Marescotti
  • Il sorriso 'ricciolo' di Vincenzo Mero e il sogno del pastore scientifico
    Ecologia
    Taranto, un'insegnante racconta la storia di un suo alunno

    Il sorriso 'ricciolo' di Vincenzo Mero e il sogno del pastore scientifico

    La storia toccante di un alunno brillante che voleva studiare per fare il pastore raccontata dalla sua insegnante, Enza Tommaselli. Il sogno d'una prospettiva scientifica alla tradizione famigliare
    24 gennaio 2019
  • Sabato 24 novembre si parlerà dell'immunità penale concessa per Ilva ad Am Investco
    Ecologia
    L'immunità penale concessa ad Am Investco viola la Costituzione?

    Sabato 24 novembre si parlerà dell'immunità penale concessa per Ilva ad Am Investco

    Permangono le problematiche legate all'inquinamento e i dubbi sulla costituzionalità della norma che ha concesso l’immunità penale e amministrativa agli acquirenti Ilva.
    22 novembre 2018
  • "Ho pianto per i bambini di Taranto e per questa infanzia negata"
    Legami di ferro
    L'Unicef si schiera al fianco di Taranto e dei suoi bambini vittime dell'inquinamento

    "Ho pianto per i bambini di Taranto e per questa infanzia negata"

    Andrea Iacomini, portavoce nazionale Unicef Italia, celebra a Taranto la convenzione ONU sui diritti dell'infanzia e dell'adolescenza. E dichiara: "Il nostro mandato è di proteggere i bambini ovunque essi siano". E poi: "Il caso ILVA non è chiuso, i bambini qui vivono una condizione impressionante".
    24 novembre 2018 - Beatrice Ruscio
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.10 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)