Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Progetto della Gas Natural

Studio di Impatto Ambientale sul rigassificatore di Taranto

Questo è lo studio ufficiale commissionato dall'azienda Gas Natural alla Medea Engineering s.a. Ottenerlo è stato molto difficile.
4 giugno 2006
Gaetano Barbato e Alessandro Marescotti (responsabile Wwf di Taranto e presidente di PeaceLink)

Nei giorni scorsi abbiamo evidenziato una grave carenza di informazione sulla VIA (Valutazione di Impatto Ambientale) del rigassificatore di Taranto.
Non si trovava il CD-ROM contenente il voluminosto Studio di Impatto Ambientale che è alla base della procedura. Avevamo il sospetto che ci fosse stato nascosto un diritto (si veda http://lists.peacelink.it/taranto/2006/04/msg00008.html).

Giovedì 1 giugno finalmente è giunto il CD-ROM con lo Studio di Impatto Ambientale inviato dall'Assessorato all'Ambiente della Regione Puglia, su richiesta del Wwf di Taranto.

Avevamo richiesto il CD-ROM anche alla Provincia di Taranto che, più volte sollecitata, non ha inviato nulla e non ha neppure risposto.

Invece l'Assessorato all'Ambiente della Regione ha risposto con una lettera datata 24 maggio 2006 (prot. 6512).

Adesso abbiamo duplicato il CD-ROM per diffonderlo (chiunque fosse interessato può telefonare al 3471463719 o scrivere a taranto@wwf.it ).

Forniremo il CD-ROM alla Commissione Ambiente della Provincia che in data 24 maggio - durante l'audizione richiesta dalle associazioni ambientaliste di Taranto - aveva dichiarato di non esserne in possesso.

Inoltre il CD-ROM si può già da ora scaricare da Internet collegandosi al sito http://www.tarantosociale.org

Grazie alla diffusione on-line sul sito Internet di Taranto Sociale, gestito da PeaceLink, la documentazione ufficiale sul rigassificatore e i suoi rischi per la prima volta diventa pubblica.
Gli enti locali devono per legge diffondere su Internet, ai sensi della Convenzione di Aarhus, la documentazione ambientale in loro possesso.

L'articolo 7 comma 1 della Convenzione di Aarhus recita infatti: "Gli Stati membri adottano le misure necessarie per garantire che le autorità pubbliche strutturino l'informazione ambientale rilevante per le loro funzioni e in loro possesso o detenuta per loro conto ai fini di un'attiva e sistematica diffusione al pubblico, in particolare mediante le tecnologie di telecomunicazione informatica e/o le tecnologie elettroniche, se disponibile".

Tale norma è stata recepita nella legislazione italiana con la Legge 16 marzo 2001, n. 108 (pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 85 del 11 aprile 2001 - Supplemento Ordinario n. 80) dal titolo "Ratifica ed esecuzione della Convenzione sull'accesso alle informazioni, la partecipazione del pubblico ai processi decisionali e l'accesso alla giustizia in materia ambientale, con due allegati, fatta ad Aarhus il 25 giugno 1998".

Ci dispiace che tale diritto sia stato negato ai cittadini di Taranto e pertanto saranno i movimenti ambientalisti a fare ciò che le istituzioni non hanno fatto.

Allegati

  • Relazione tecnica

    4749 Kb - Formato pdf
    Studio di Impatto Ambientale sul rigassificatore di Taranto (Gas Natural)
  • Sintesi non tecnica

    2067 Kb - Formato pdf
    Rigassificatore di Taranto (Gas Natural)
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.24 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)