Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Lettera del 30/03/2007 al Prefetto, al Presidente Vendola e all’Assessore Regionale all’Ambiente Michele Losappio

Richiesta Piani di Emergenza Esterni dei 10 impianti sottoposti alla legge Seveso a Taranto

6 aprile 2007
Il Comitato per il no al rigassificatore di Taranto

Al Prefetto di Taranto
palazzo Prefettura - via Anfiteatro
74100 Taranto

Alla Regione Puglia
Al Presidente della Giunta Regionale
All’Assessore Regionale all’Ambiente
Lungomare N. Sauro n. 33 -70121 BARI

L'area di Taranto, comprendente i Comuni di Statte, Massafra, Crispiano e Montemesola, è stata dichiarata “area ad elevato rischio di crisi ambientale” ai sensi dell'articolo 7 della Legge dell'8 luglio 1986, n. 349, e delle modifiche previste poi dalla Legge del 28 agosto 1989, n. 305. In questa stessa area, sono presenti diverse attività a rilevante impatto ambientale: l'ILVA (il più grande polo siderurgico nazionale), la raffineria AGIP, l’industria cementiera CEMENTIR, i cantieri di riparazione di navi militari nell’arsenale MM e la base militare di Taranto.

Proprio a Taranto, città ufficialmente inclusa nella lista dei porti a rischio nucleare secondo il dlgs 230/95, la Gas Natural vorrebbe realizzare un impianto di rigassificazione (a 775 metri dalle prime cisterne della raffineria AGIP) in merito al quale la stessa società dichiara, nelle integrazioni fornite in risposta alle 40 osservazioni realizzate dal Ministero dell’Ambiente, che “si esclude la possibilità di un effetto domino”.

Nelle integrazioni proposte dalla Gas Natural si parla di "massimo incidente credibile"; tale approccio è ormai superato, e sostituito nella letteratura internazionale con il concetto di "massimo incidente ipotizzabile". Considerando la teoria del “massimo incidente ipotizzabile”, un eventuale effetto domino che si svilupperebbe all’interno di un’area ad elevatissima concentrazione di stabilimenti a rischio di incidente rilevante risulterebbe assolutamente catastrofico (1), sia nel caso in cui a determinarlo fosse uno dei numerosi altri impianti ad alto rischio già presenti nella medesima area, e ancor di più se fosse causato da un impianto di rigassificazione da costruire nelle vicinanze o da una metaniera.

Considerata l’approssimazione, il dilettantismo e l’assenza di una cultura di valutazione particolarmente evidente nel progetto per la realizzazione di un terminale di GNL nel porto di Taranto chiediamo alle SSVV di fornirci copia dei piani di emergenza esterni e rapporti di sicurezza dei 9 stabilimenti a rischio di incidente rilevante già presenti, assoggettati alla direttiva Seveso ter e al dlgs n. 334/99 menzionato in precedenza e successive modificazioni e integrazioni.

Tale richiesta viene inoltrata con riferimento all’articolo 22 comma 2 del dlgs n. 334/99 relativo alle informazioni sulle misure di sicurezza il quale prevede che la Regione provveda affinché il rapporto di sicurezza di cui all'articolo 8 e lo studio di sicurezza integrato di cui all'articolo 13, comma 1, lettera b), numero 2), siano accessibili alla popolazione. Tali informazioni, secondo l’articolo 22 comma 6, devono essere riesaminate ogni tre anni e aggiornate/ri-diffuse almeno ogni volta che intervenga una modifica in conformità all'articolo 10. Esse devono essere permanentemente a disposizione della cittadinanza.

La mancata predisposizione, ai sensi dell’articolo 20 del dlgs 334/99, dei relativi piani di emergenza esterni di ogni singolo impianto, renderebbe impossibile, per le loro ovvie interazioni, le predisposizioni dei piani di emergenza esterni, interni e i rapporti di sicurezza per l’ipotetico impianto di rigassificazione; piani e rapporti che non possono essere intesi come adempimenti meramente burocratico-formali, ma che devono essere sostenuti innanzitutto dalla logica e dal buon senso oltre che, naturalmente, dalla normativa vigente. La mancata predisposizione di tali piani renderebbe difficoltosa la nostra attività di analisi delle integrazioni proposte da Gas Natural.

Siamo anche preoccupati per le questioni etiche, legate alla scelta di questa tecnologia in quanto crediamo che l’approvvigionamento di gas ad uso civile debba rispondere ad un piano energetico nazionale e non andrebbe demandato alle multinazionali. Pensiamo alla situazione di violenze, illegalità, violazione dei diritti umani e ambientali in tante parti del Mondo, ad esempio la Nigeria: si preleva il gas in queste zone, si costruiscono in loco impianti di liquefazione, ad altissimo impatto ambientale, tanto in questi Paesi leggi e controlli sono facilmente aggirabili, e poi si rivende in Occidente realizzando enormi profitti. Ci domandiamo se una Regione come la Puglia, possa accettare di essere parte di un meccanismo così immorale

Le considerazioni del Comitato contro il rigassificatore di Taranto riguardo al progetto della Gas Natural, si attestano sulle posizioni del Ministro dell’Ambiente Pecoraro, che ci pare inviti alla cautela, all’attenta valutazione dei fabbisogni nazionali, di eventuali tecnologie meno impattanti, e soprattutto della corretta applicazione della cosiddetta direttiva Seveso ter sulla consultazione delle popolazioni coinvolte, e la cui violazione ha portato recentemente al ritiro dell’autorizzazione per il rigassificatore di Brindisi.

Note: (1) Persino Piero Angela, nel suo ultimo libro “La sfida del Secolo”, dedicato alle questioni energetiche, parla di un eventuale incidente (definito improbabile, ma non impossibile) legato ad una nave metaniera che trasporta gas liquefatto a bassissima temperatura, come del “peggior incidente possibile” nel campo degli impianti di produzione di energia, quindi peggiore o comunque al livello di un incidente nucleare.

Articoli correlati

  • Ecologia

    Siti più inquinati d'Italia: da Sentieri e Inail i numeri di drammatiche bombe sanitarie

    Taranto, Terra dei Fuochi, Brescia, Livorno, Sicilia, Bussi e tanti altri. Il quinto rapporto Sentieri e quello dell'INAIL sulle malattie professionali nei siti di interesse nazionale documentano la mappa di un’Italia avvelenata e devastata in cui aumentano le malattie più gravi
    10 marzo 2020 - Alessio Di Florio
  • Il ministro Patuanelli parla di "dieci miliardi di tonnellate" di acciaio prodotte in Italia
    Ecologia
    Il pentastellato confonde milioni per miliardi

    Il ministro Patuanelli parla di "dieci miliardi di tonnellate" di acciaio prodotte in Italia

    A proposito dell'ILVA il ministro del MISE più volte pronuncia con convinzione numeri privi di senso davanti alla telecamera di Repubblica, confondendosi in un crescendo di amenità senza capo né coda
    5 marzo 2020 - Alessandro Marescotti
  • Retroscena ILVA, oggi la firma sul nuovo contratto di affitto e vendita
    Ecologia
    Viene prevista una nuova Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA)

    Retroscena ILVA, oggi la firma sul nuovo contratto di affitto e vendita

    Il governo sposta al 2025 il termine della messa a norma degli impianti. La Corte Costituzionale aveva di fatto "chiuso un occhio" sul primo decreto salva-ILVA contando sul fatto che il completamento dell'AIA sarebbe stato compiuto nel 2015. Oggi invece vengono tollerati ben dieci anni di ritardo.
    4 marzo 2020 - Associazione PeaceLink
  • Quando la decarbonizzazione nasconde la fregatura
    Editoriale
    Il Green New Deal per l'ILVA prevede di allungare i tempi di messa a norma degli impianti

    Quando la decarbonizzazione nasconde la fregatura

    Sentirete parlare di un nuovo stabilimento siderurgico "green" per Taranto, con un nuovo piano ambientale ambizioso e all'avanguardia. Non vi fate abbindolare. Il vero scopo del nuovo piano è quello di dare altri due anni di tempo per la messa a norma degli impianti. Intanto la gente muore.
    3 marzo 2020 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.34 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)