Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Su iniziativa della Gas Natural la procedura di VIA è stata sospesa per due mesi

Rigassificatore di Taranto: sospesa la procedura di VIA (Valutazione di Impatto Ambientale)

Il Comitato per il NO al rigassificatore sottolinea ancora una volta la vulnerabilità del progetto
6 aprile 2007
Il Comitato per il no al rigassificatore di Taranto
Fonte: Portale Ambientale della Regione Puglia

Apprendiamo dal sito web della Regione Puglia che su iniziativa della Gas Natural, società proponente l'impianto di rigassificazione a Taranto, la procedura di VIA (Valutazione di Impatto Ambientale) è stata sospesa per due mesi. La Società spagnola ha informato la Regione ed il Ministero dell'Ambiente che la sospensione è dovuta alla necessità di ottenere il parere del Consiglio superiore dei Lavori Pubblici in relazione al Piano Regolatore Portuale.

Il Comitato per il NO al rigassificatore sottolinea ancora una volta la vulnerabilità del progetto in quanto nelle integrazioni richieste dalla Commissione VIA del Ministero dell'Ambiente si fa riferimento ad un piano regolatore portuale in itinere.

Nel maggio 2006 infatti, il Comitato portuale deliberò l'adozione preliminare del piano regolatore che fu successivamente trasmesso al Comune di Taranto affinché rilasciasse il parere dell'amministrazione comunale, così come previsto per legge. A quel punto, poiché la giunta Di Bello si dimise, la gestione commissariale decise di bloccarlo con delibera del 25 agosto del 2006 in quanto si era accorta che in quel piano era previsto un rigassificatore a ridosso della città.

Intendiamo segnalare una ulteriore novità.

Il Comitato contro il rigassificatore di Taranto oggi ha inviato al Comitato Tecnico Regionale una richiesta di annullamento in via di autotutela, ai sensi dell'art. 21 nonies della legge n. 241/90, del nulla osta di fattibilità prot. n. 4184 del 24.5.2005 rilasciato dal Comitato Tecnico Regionale presso i Vigili del Fuoco. Infatti il Comitato contro il rigassificatore rilava che le 40 lacune e i punti critici del progetto evidenziati dal Ministero dell'Ambiente, rimandano per buona parte ad aspetti relativi alla sicurezza dell'impianto di rigassificazione e alle sue interrelazioni con gli altri impianti a rischio di incidente rilevante presenti persino nelle immediate vicinanze.

Tutti questi aspetti critici evidenziano gravissime lacune istruttorie nel sub-procedimento conclusosi imprudentemente con il rilascio dello stesso nulla osta di fattibilità. Il proponente Gas Natural non specifica quale sia stata la metodologia seguita per l'analisi qualitativa e quantitativa di propagazione di eventi incidentali (effetto domino). Inoltre non viene contemplato l'aggravio di rischio che deriverà dal raddoppio della raffineria e dai piani di sviluppo Industriali dell'ILVA.

Considerando tutto ciò, il Comitato contro il rigassificatore ha ritenuto opportuno richiedere al Prefetto di Taranto copia dei piani di emergenza esterni e rapporti di sicurezza dei 9 stabilimenti a rischio di incidente rilevante già presenti, assoggettati alla direttiva Seveso ter e al dlgs n. 334/99.

La mancata predisposizione, ai sensi dell'articolo 20 del dlgs 334/99, dei relativi piani di emergenza esterni di ogni singolo impianto, renderebbe impossibile, per le loro ovvie interazioni, una valutazione della adeguatezza dei piani di emergenza esterni, interni e i rapporti di sicurezza per l'ipotetico impianto di rigassificazione; piani e rapporti che non possono essere intesi come adempimenti meramente burocratico-formali, ma che devono essere sostenuti innanzitutto dalla logica e dal buon senso oltre che, naturalmente, dalla normativa vigente.

La mancata conoscenza di tali piani di emergenza renderebbe difficoltosa e incompleta - per il Comitato contro il rigassificatore - l'analisi delle integrazioni proposte da Gas Natural.

Il Comitato, con l'ausilio di esperti di varie discipline, sta infatti elaborando delle controdeduzioni che necessitano della conoscenza dei piani di emergenza.

Taranto si conferma sempre più una città ad alto rischio e il rigassificatore resta un ostacolo gravemente lesivo delle possibilità di sviluppo del territorio. Lo stop alla Valutazione di Impatto Ambientale conferma - se ce ne fosse stato bisogno - quanto sia straordinariamente rischioso l'aggiunta di un rigassificatore in un'area del porto già ad elevato rischio di incidente rilevante.

Per il Comitato Contro il Rigassificatore di Taranto

Stefano De Pace
Alessandro Marescotti

Articoli correlati

  • Una figlia racconta l'amore per la terra di suo padre che poi ha dovuto combattere la diossina
    Taranto Sociale
    Per qualcuno l'amore per la terra è una vocazione

    Una figlia racconta l'amore per la terra di suo padre che poi ha dovuto combattere la diossina

    Don Angelo Fornaro è il proprietario della Masseria Carmine, una delle sette danneggiate dalla diossina. E' presente a tutte le udienze del processo "Ambiente svenduto" che deriva anche da un suo esposto. Il 13 luglio 2019 ha compiuto 85 anni e sua figlia ha voluto raccontare la sua storia.
    21 luglio 2019 - Rosanna Fornaro
  • "La salute non è d'acciaio. Il caso ILVA"
    Ecologia
    Peacelink Common Library

    "La salute non è d'acciaio. Il caso ILVA"

    Questa tesi di laurea di Nicola Petrilli è aggiornata agli ultimi eventi che hanno caratterizzato la fabbrica dopo l'avvento del governo "giallo-verde". Viene analizzata la società civile tarantina e i suoi "cittadini reattivi", mettendo in luce le difficoltà di ArcelorMittal a Taranto
    8 luglio 2019
  • I ministri pentastellati vanno a Taranto ma non incontrano le associazioni
    Ecologia
    Peccato perché volevamo discutere i dati sanitari e gli eccessi di mortalità vicino agli impianti

    I ministri pentastellati vanno a Taranto ma non incontrano le associazioni

    Vi è una differenza fra il 24 aprile e il 24 giugno 2019. Il 24 aprile furono convocate le associazioni. Oggi no. La Segreteria del Capo di Gabinetto del Ministro dello sviluppo economico ha fatto sapere tramite email a PeaceLink che "non è previsto alcun incontro".
    23 giugno 2019 - Redazione PeaceLink
  • Lo sviluppo della grande industria di Taranto. Quale futuro?
    Ecologia
    Peacelink Common Library

    Lo sviluppo della grande industria di Taranto. Quale futuro?

    Una cosa importantissima per città come Taranto è quella di programmare uno sviluppo economico che consenta una vita dignitosa ai propri cittadini. Per fare questo bisogna programmare le politiche pubbliche. La tesi allegata in formato PDF affronta tale nodo tenendo conto dell'aspetto ecologico.
    24 giugno 2019
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.26 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)