Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Intanto in Italia viene messo in atto un depistaggio informativo sulla "cocaina" nell'aria per non parlare di "diossina"

Interrogazione parlamentare sulla diossina a Taranto

“Troppa tolleranza per la diossina”: il senatore Fernando Rossi presenta una interpellanza urgente. L’Ilva blocca l’impianto di agglomerazione sospettato di produrre il 90% della diossina stimata in Italia per le grandi industrie. Rischiano di saltare i controlli dell’Arpa
23 maggio 2007
Daniele Marescotti

“Troppa tolleranza per la diossina”: il senatore Fernando Rossi presenta una interpellanza urgente. L’Ilva blocca l’impianto di agglomerazione sospettato di produrre il 90% della diossina stimata in Italia per le grandi industrie. Rischiano di saltare i controlli dell’Arpa

Il problema della diossina a Taranto è giunto nelle aule del Parlamento. Il senatore Fernando Rossi del gruppo Misto ha presentato infatti un’interpellanza parlamentare urgente al Presidente del Consiglio e al Ministro dell’Ambiente.
Redattore Sociale aveva dato notizia in anteprima nazionale dell’”allarme diossina” a Taranto il 3 maggio 2007 riportando il dato secondo il quale nella città jonica si concentrerebbe il 90,3% della diossina nazionale stimata per la grande industria.
Con l’interpellanza, il senatore Rossi si rivolge al Governo e punta ad un intervento urgente per eliminare gli elevati valori di tolleranza per le diossine PCDD e PCDF previsti dagli allegati al decreto legislativo 152 del 2006 (centomila volte superiori per metro cubo rispetto a quelli consentiti per gli inceneritori).
Il senatore, riferendosi a tali valori di tolleranza, parla di un “vestito su misura per l’ILVA” e chiede al Governo “se intenda ripristinare una corretta funzione sociale tra “esperti” e bene comune, prendendo i necessari provvedimenti verso chi ha operato per inserire nelle leggi italiane valori così alti e così assurdamente contrari ad ogni logica di rispetto della salute dei cittadini”.

Il senatore è delle Marche e con la città jonica non ha legami, mentre i parlamentari locali si sono astenuti dall’occuparsi della questione.

Nel frattempo il monitoraggio sulla diossina dell’Ilva - che era in programma a partire dall’11 giugno e che vede impegnata l’Arpa Puglia - rischia di saltare. Il colosso siderurgico ha infatti comunicato all’ente di controllo che dal prossimo 5 giugno una delle due linee dell’impianto di agglomerazione sarà bloccata per consentire l’adeguamento dell’impianto alle migliori tecniche disponibili. Proprio dall’impianto di agglomerazione l’Arpa suppone che fuoriescano le diossine PCDD e PCDF. La fermata di una delle due linee dell’impianto di agglomerazione dimezzerebbe i valori di inquinamento e potrebbe influire sulla validità dei controlli relativi alla diossina.
Visto lo stato attuale delle cose il direttore generale dell’Arpa Giorgio Assennato sta valutando il da farsi. Maria Spartera, chimico dell’Arpa Puglia, ha dichiarato: “Occorre recuperare un rapporto fiduciale con la popolazione, applicando strumenti di confronto, di condivisione e di verifica del consenso, come forum, conferenze cittadine, ecc. peraltro previsti da molte norme in materia ambientale”. Intanto a Taranto, dopo il dossier diossina diffuso da PeaceLink, le associazioni si sono mobilitate creando un coordinamento locale che comprende anche Wwf, Libera, Amici di Beppe Grillo, TarantoViva, l’Osservatorio della Legalità e il Comitato Vigiliamo per la Discarica.


Note: In seguito alle perplessità espresse verso l'Ilva - che cercava di vanificare i controlli sulla diossina - l'impianto di agglomerazione è stato riattivato a pieno regime e l'11 giugno comincerà il monitoraggio.

Intanto in Italia viene messo in atto un depistaggio informativo sulla "cocaina" nell'aria per non parlare di "diossina", come hanno denunciato PeaceLink e il Comitato contro il rigassificatore di Taranto. E come ha rilanciato Beppe Grillo nel suo spettacolo nella città ionica.

Sul Messaggero del 3/6/2007 si legge che il Codacons (un'associazione di consumatori) a Roma chiede al sindaco di "bonificare e migliorare l'aria riducendo le tracce di droghe nell'atmosfera".
In piazza Fermi è infatti stata trovata cocaina nell'aria per 0,007 nanogrammi.
Quanto è un nanogrammo? E' 0,000000001 grammi ossia un miliardesimo di grammo.
E a Cinecittà hanno trovato 0,02 nanogrammi.
"Tocca al sindaco Veltroni tutelare la salute dei cittadini", ha dichiarato il presidente degli eurodeputati di Forza Italia, Antonio Tajani.

"Non fatevi prendere per il culo, parlano di cocaina nell'aria per non parlare di diossina", ha gridato il comico al Palamazzola di Taranto.

Link: http://www.tarantosociale.org
http://www.massimosozzi.it/blog/2007/06/01/cocainao-diossina

Articoli correlati

  • Onore a quell'operaio ILVA che ha parlato
    Ecologia
    Come le polveri degli elettrofiltri MEEP, contenenti piombo e diossina, fecero il giro dell'Italia

    Onore a quell'operaio ILVA che ha parlato

    Ci raccontò che quelle "polveri velenose" erano state vendute e poi mescolate - da una società con tanto di partita IVA - a interiora di animali e raspi d'uva. Trasformate in palline, venivano poi rivendute come fertilizzante in tutt'Italia.
    1 giugno 2020 - Alessandro Marescotti
  • “Ilva ha venduto le polveri velenose come concimi”
    Ecologia
    Le polveri degli elettrofiltri

    “Ilva ha venduto le polveri velenose come concimi”

    Le indagini della Finanza: fatture per la vendita dei rifiuti trattenuti dai filtri ad aziende che producono fertilizzanti
    Francesco Casula e Antonio Massari
  • PeaceLink
    Si è formato sui testi di Marx ma ha poi approfondito la nonviolenza di Gandhi

    Alessandro Marescotti, una vita per l’ambiente

    Da anni è impegnato nella battaglia di informazione e denuncia del disastro sanitario e ambientale di Taranto e della sua provincia. Un impegno iniziato quando per la prima volta scoprì che l’acciaieria Ilva emetteva diossina
    Gino Martina
  • Una figlia racconta l'amore per la terra di suo padre che poi ha dovuto combattere la diossina
    Taranto Sociale
    Per qualcuno l'amore per la terra è una vocazione

    Una figlia racconta l'amore per la terra di suo padre che poi ha dovuto combattere la diossina

    Don Angelo Fornaro è il proprietario della Masseria Carmine, una delle sette danneggiate dalla diossina. E' presente a tutte le udienze del processo "Ambiente svenduto" che deriva anche da un suo esposto. Il 13 luglio 2019 ha compiuto 85 anni e sua figlia ha voluto raccontare la sua storia.
    21 luglio 2019 - Rosanna Fornaro
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)