Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Intervento sugli impegni assunti da Ilva nell'incontro tenutosi tra l'ing. Riva ed il Sindaco Ezio Stefano

Legambiente: Stefàno - Riva, incontro fra luce ed ombre

Resta in piedi la partita dei controlli e dei monitoraggi. In proposito il Circolo Legambiente di Taranto chiede da tempo e con forza un monitoraggio costante e sistematico delle emissioni inquinanti in città (non solo di quelle dell’ILVA), che consentirebbe la rilevazione dei miglioramenti, nonché il rispetto della tempistica promessa.
8 novembre 2007

Legambiente Circolo di Taranto Gli impegni manifestati dall’ing. Riva nell’incontro avuto con il Sindaco Stefano e l’Assessore all’Ambiente Pastore, presentano, come spesso avviene, luci ed ombre.

Inutile dire che è ancora presto per “cantar vittoria”, ma che l’impegno assunto a ridurre le emissioni di diossina entro il 2008, portandole sostanzialmente a raggiungere i parametri previsti dalla normativa europea e quelli indicati nelle BAT (laddove alla voce agglomerazione i valori di emissione ottenibili in termini di diossina, una volta apportate le innovazioni sull’impianto sono quantificati in 0,5 ng TEQ/Nmc.) è indubbiamente un impegno importante e, se mantenuto, contribuirà in maniera non trascurabile a migliorare la sostenibilità ambientale dell’impianto.

La riduzione delle emissioni di diossina entro quei parametri è una richiesta che abbiamo fatto in tutti i nostri interventi sulla questione e che ci auguriamo preluda all’adozione di tecnologie che consentano ulteriori abbattimenti, simili a quelli ottenuti in ben quattro impianti siderurgici britannici.

Resta però in piedi, ancora, la partita dei controlli e dei monitoraggi.

In proposito il Circolo Legambiente di Taranto chiede da tempo e con forza un monitoraggio costante e sistematico delle emissioni inquinanti in città (non solo di quelle dell’ILVA), che consentirebbe la rilevazione dei miglioramenti, nonché il rispetto della tempistica promessa.

La concessione al Comune di strumenti per la rilevazione della diossina nell’ambiente da gestire in assoluta autonomia dall’azienda (ci auguriamo che il Comune opti per affidarne la gestione a soggetti di incontrovertibile caratura scientifica e che non abbiano rapporti di committenza con l’ILVA) è pure un’apertura che sembra meritare credito.

In merito all’attuazione delle BAT per “una drastica riduzione degli idrocarburi”, invece, dobbiamo rilevare la genericità del pur apparentemente ambizioso impegno, che non si discosta da quelli, per lo più dello stesso tenore, contenuti nell’Atto d’Intesa, laddove non sono indicati né il punto di partenza in termini di dati certi sulle emissioni degli IPA (idrocarburi policiclici aromatici), né gli obiettivi a breve, medio e lungo termine.

Infine, anche a fronte dei recenti preoccupanti dati emersi sui media in merito agli sforamenti nelle emissioni di polveri sottili, c’è da rilevare, a meno di ulteriori aggiunte e precisazioni, la totale assenza di provvedimenti in merito al problema delle polveri sottili, pericolosissime per la salute non solo in quanto tali, ma anche come “veicolo” di altri agenti inquinanti che attraverso di esse si introducono nell’organismo.

Articoli correlati

  • Il momento più duro
    Ecologia
    Riflessioni dopo la condanna di Nichi Vendola

    Il momento più duro

    Sono stata portavoce di Nichi nel 2005 la prima volta che si è candidato alla presidenza della Puglia. Il problema vero è che Nichi ha cercato di avere come interlocutori, e di più, come alleati, i Riva. All’epoca già sotto inchiesta. Parlava di stima reciproca.
    7 giugno 2021 - Francesca Borri
  • Una donna controcorrente, la Pastora di Altamura
    Ecologia
    A pochi giorni dall'uccisione di Agitu emerge un'altra storia di una donna dedita alla pastorizia

    Una donna controcorrente, la Pastora di Altamura

    Una storia che fa il paio con quella di Agitu e anche in Puglia si tratta di una donna. La mia generazione è cresciuta convinta che la terra non fosse un lavoro adatto alle donne anche se già allora c'erano delle eccezioni ed ora le ragazze del ventunesimo secolo sono in prima linea.
    19 gennaio 2021 - Fulvia Gravame
  • La stima di Nichi Vendola verso Emilio Riva
    Ecologia
    La dichiarazione di Vendola è apparsa sulla rivista trimestrale "Il Ponte" nel 2011

    La stima di Nichi Vendola verso Emilio Riva

    "Chiesi ad Emilio Riva, nel mio primo incontro con lui, se fosse credente, perché al centro della nostra conversazione ci sarebbe stato il diritto alla vita. Credo che dalla durezza di quei primi incontri sia nata la stima reciproca che c’è oggi".
    24 luglio 2020 - Redazione PeaceLink
  • Fabio Riva sta facendo la radioterapia
    Processo Ilva
    Processo Ilva

    Fabio Riva sta facendo la radioterapia

    Il processo slitta al 18 luglio per dargli in tempo di curarsi
    14 giugno 2016 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)