Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Uno dei promotori della consultazione popolare conferma la volontà di interrogare la comunità sulla fabbrica

ILVA, referendari all’attacco di Stefàno

Russo: «In tv affermazioni gravi, intervenga il prefetto. I cittadini hanno diritto ad esprimersi. Quelle affermazioni, forse pronunciate in buona fede, minacciano certamente, e in ogni caso, il diritto di parola spettante alla cittadinanza».
10 novembre 2007
Fonte: Gazzetta del Mezzogiorno

Quale futuro per Taranto ? «Le affermazioni del sindaco di Taranto, nella trasmissione serale di Studio 100 TV dell’8 novembre, in ordine al fatto che, se dovessero passare i quesiti referendari, scoppierebbe la rivoluzione da parte di alcuni lavoratori, sono di inaudita gravità. Questo atteggiamento potrebbe essere interpretato come un invito per alcuni ad agire in tal senso».

Aspre le dichiarazioni di Nicola Russo, uno dei promotori del referendum sull’Ilva del comitato «Taranto futura». Russo critica il sindaco: «Quelle affermazioni, forse pronunciate in buona fede, minacciano certamente, e in ogni caso, il diritto di parola spettante alla cittadinanza attraverso l’istituto democratico del Referendum consultivo previsto dalla legge (decreto legislativo 267/2000 ) e dallo Statuto comunale, tenendo presente che la Corte Costituzionale e la Comunità Europea più volte hanno dichiarato la tutela del diritto alla salute preminente su ogni altro diritto (per tanto, sarebbe opportuno un intervento del prefetto per correggere il comportamento istituzionale del sindaco, di cui non si discute, naturalmente, l’onestà intellettuale)».

«E’ ben noto - spiega ancora Russo - che la città di Taranto è costituita da oltre duecentomila abitanti e che una buona parte di questi ha certamente una salute compromessa dall’inquinamento, tanto da richiamare l’ obbligo per il sindaco (e ciò anche per il principio di precauzione ovvero quel principio che ha portato il Consiglio di Stato a confermare la chiusura dell’industria siderurgica a Genova nel 2001, con conseguente chiusura dell’area a caldo) di salvaguardare l’incolumità delle persone e dei lavoratori dal punto di vista sanitario, soprattutto di fronte agli ultimi rilevamenti dell’Ar pa sul Pm 10 (che, per i non addetti ai lavori, costituisce un insieme di sostanze solide e liquide che vanno ad accasarsi nei nostri polmoni)».

«E allora la domanda: come si fa - chiede Russo - a fare un patto sulla parola con l’Ilva quando quest’ultima (diciamo così) è stata condannata con sentenza definitiva per inquinamento? Caro sindaco è accettabile tutto questo?». «Ebbene, tornando ai quesiti referendari, si deve dire che, fermo restando la radicale e ottimale soluzione del primo quesito, è l’occasione buona per indurre Luigi D’Isabella, segretario provinciale della Cgil il governo italiano e la Comunità europea (e questo spetta esclusivamente ai politici locali e non ai cittadini) a prendere una seria decisione per la tutela della salute dei tarantini, perché, se è vero che l’Italia e l’Europa si nutrono economicamente anche dalla produzione dell’acciaio, è altrettanto vero che tale attività produttiva da 40 anni si ripercuote tragicamente sulla pelle dei cittadini e dei lavoratori dell’Ilva, tanto da rendersi immediatamente necessaria (e fattibile) la chiusura dell’area a caldo (con conseguente lavorazione a freddo dell’acciaio) e procedere allo smantellamento dei parchi minerali (fonti inquinanti per eccellenza), così come è stato fatto per
Genova.

Il tutto nel rispetto - conclude Nicola Russo - di una severa tutela dell’occupazione». Russo ricorda infine i due quesiti del referendum «ancora provvisori». Il primo: «Volete Voi, cittadini di Taranto, al fine di tutelare la vostra salute e quella dei lavoratori contro l’inquinamento, la chiusura dell’Ilva, con l’impegno del governo di tutelare l’occupazione, e, quindi, con l’impiego dei lavoratori per la bonifica dell’area in cui sono attualmente situati gli impianti industriali e la destinazione dell’ area stessa per altre attività economiche non inquinanti , nonchè per lo sviluppo del Porto ?». Il secondo: «O volete solo la chiusura dell’area a caldo dell’Ilva, con conseguente smantellamento dei parchi minerali e con l’impiego dei lavoratori in altre attività?».

Articoli correlati

  • Il momento più duro
    Ecologia
    Riflessioni dopo la condanna di Nichi Vendola

    Il momento più duro

    Sono stata portavoce di Nichi nel 2005 la prima volta che si è candidato alla presidenza della Puglia. Il problema vero è che Nichi ha cercato di avere come interlocutori, e di più, come alleati, i Riva. All’epoca già sotto inchiesta. Parlava di stima reciproca.
    7 giugno 2021 - Francesca Borri
  • Una donna controcorrente, la Pastora di Altamura
    Ecologia
    A pochi giorni dall'uccisione di Agitu emerge un'altra storia di una donna dedita alla pastorizia

    Una donna controcorrente, la Pastora di Altamura

    Una storia che fa il paio con quella di Agitu e anche in Puglia si tratta di una donna. La mia generazione è cresciuta convinta che la terra non fosse un lavoro adatto alle donne anche se già allora c'erano delle eccezioni ed ora le ragazze del ventunesimo secolo sono in prima linea.
    19 gennaio 2021 - Fulvia Gravame
  • La stima di Nichi Vendola verso Emilio Riva
    Ecologia
    La dichiarazione di Vendola è apparsa sulla rivista trimestrale "Il Ponte" nel 2011

    La stima di Nichi Vendola verso Emilio Riva

    "Chiesi ad Emilio Riva, nel mio primo incontro con lui, se fosse credente, perché al centro della nostra conversazione ci sarebbe stato il diritto alla vita. Credo che dalla durezza di quei primi incontri sia nata la stima reciproca che c’è oggi".
    24 luglio 2020 - Redazione PeaceLink
  • Fabio Riva sta facendo la radioterapia
    Processo Ilva
    Processo Ilva

    Fabio Riva sta facendo la radioterapia

    Il processo slitta al 18 luglio per dargli in tempo di curarsi
    14 giugno 2016 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)