Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Stop a discariche e inceneritori.

Rifondazione Comunista: NO ampliamento delle discariche

Conferenza stampa di Rifondazione comunista sul problema rifiuti. Stop a nuovi siti e a inceneritori. Sì alla differenziata spinta e alla legge di prossimità per i rifiuti del Salento
29 novembre 2007
Fonte: Corriere del Giorno

Emergenza Rifiuti No agli ampliamenti di "Vergine" e "Ecolevante". Via, libera, invece, alla differenziata "spinta". E sui rifiuti dal Salento: "Va rispettato il principio di prossimità dello smaltimento". Questi, in sintesi, i contenuti della conferenza stampa tenuta ieri dai Franco Gentile e Maurizio Baccaro, rispettivamente consigliere provinciale e responsabile del dipartimento ambiente di Rifondazione comunista.

"In questi giorni - ha dichiarato Gentile - è in atto la strategia dei partiti di centrodestra (il riferimento è all’interrogazione presentata da An e in Provincia e Mottola, ndr) che vorrebbero trasformare la Regione in una grande centrale di incenerimento dei rifiuti, speculando ad arte sulla fase di uscita dell’emergenza alla quale la Puglia si sta lentamente avviando dopo 12 anni di commissariamento. Con la gestione di centrodestra ci erano quasi riusciti. Il piano Fitto, infatti, prevedeva la realizzazione di diversi impianti, tutti avviati senza valutazione di impatto ambientale a monte".

No agli inceneritori, invece, - hanno dichiarato dal gruppo provinciale di Rifondazione - che "andrebbero a creare ulteriori danni all’ambiente ed alla salute dei cittadini". Si, piuttosto, alla "raccolta differenziata spinta, unica strategia per il futuro, e all’obbiettivo del 50 per cento entro il 2009, così come prevede la legge regionale, meritoria di aver bloccato la logica dei termovalorzzatori. Prospettare oggi una situazione di emergenza è una operazione culturalmente e politicamente sbagliata". E ancora:" I tenaci sostenitori della combustione di rifiuti - ha proseguito Baccaro- dovrebbero spiegarci come mai continuano a ritenere "utopistici" gli obiettivi da raggiungere con la raccolta differenziata che sono stabiliti secondo tutte le leggi italiane ed europee in vigore.

La scusa dei costi effettivi crolla miseramente dinanzi alla considerazione che costruire un termovalorizzatore costa infinitamente di più ed il costo per il conferimento in tali impianti è infinitamente più elevato. Se si considera poi che gli organi preposti ad attuare le pratiche per il raggiungimento delle differenziata sono gli Ato - per la quale la Regione ha trasferito cinque milioni di euro - tra le cui fila ci sono sindaci pro- teoria della combustione e che in sei anni non hanno ottenuto nessun risultato, si capisce da dove vengono i problemi".

Quindi l’iniziativa: "Nel prossimo consiglio provinciale- ha incalzato Gentile - chiederemo, in via di tutela, l’annullamento delle autorizzazioni alla realizzazione dei nuovi lotti nelle discariche di Fragagnano e Grottaglie."

Un annuncio, quello del consigliere del Prc - che potrebbe diventare un pericoloso fattore di instabilità per il governo provinciale. Ma Gentile ha assicurato: "Non vogliamo destabilizzare la tenuta della maggioranza, ma non possiamo nemmeno fare finta che i comitati di lotta, presenti in quelle aree, non esistano. Proprio noi che da sempre siamo fautori delle contaminazioni dei movimenti". Parole al miele, ma che confermano rifondazione partito di "lotta e di governo". Infine il punto sulla recente ordinanza del Tar - che ha disposto lo smaltimento dei rifiuti speciali extraregionali in puglia - e sull’emergenza del bacino Le/2 che smaltirà i rifiuti nelle discariche ioniche fino al prossimo 31 dicembre e - si teme- anche oltre. "Le affermazioni sul pronunciamento del Tar - ha concluso Baccaro - vanno riviste.

La legge regionale sulla prossimità non è stata cancellata, è tuttora in vigore. Il Tar ha sospeso una nota della Provincia relativa alla discarica Vergine, non la legge". In ultimo, la questione dei rifiuti dal Salento: " La strategia è di continuare con il principio di prossimità". Si, insomma allo smaltimento nelle discariche ioniche.

Articoli correlati

  • Solidarietà alla troupe Rai aggredita a Carsoli
    PeaceLink Abruzzo

    Solidarietà alla troupe Rai aggredita a Carsoli

    E’ necessario impegno concreto e non retorica e dichiarazioni di circostanza
    7 ottobre 2019 - Associazione Antimafie Rita Atria - Movimento Agende Rosse “Paolo Borsellino Giovanni Falcone” Abruzzo - PeaceLink Abruzzo
  • PeaceLink Abruzzo

    A Maggio l'Arap chiese lo stop

    Appello delle associazioni: bloccate l’attuale procedimento, l’Ente ci comunica che in 3 mesi non ci sono state novità
    29 agosto 2018 - Arci Vasto, Cobas Chieti, Gruppo Fratino Vasto, Italia Nostra del Vastese, Stazione Ornitologica Abruzzese, Associazione Antimafie Rita Atria, PeaceLink Abruzzo
  • PeaceLink Abruzzo
    Verso l'importazione stabile dei rifiuti da fuori regione?

    Rifiuti in Abruzzo, privati subito all'attacco del nuovo Piano Regionale

    Proposta una nuova mega-discarica da ben 480.750 mc a Cupello non prevista dal Piano; le associazioni depositano durissime osservazioni alla V.I.A.
    29 agosto 2018 - PeaceLink Abruzzo, Associazione Antimafie Rita Atria, Stazione Ornitologica Abruzzese, Nuovo Senso Civico Onlus
  • Abruzzo, non è la 'ndrangheta che mancava, è la coscienza diffusa che manca
    Editoriale

    Abruzzo, non è la 'ndrangheta che mancava, è la coscienza diffusa che manca

    La recente scoperta di una vera e propria rete ‘ndranghetista, che ha cercato di dominare e opprimere la città di Francavilla e il circondario, è l’ultima (in ordine di tempo) dimostrazione che l’Abruzzo “isola felice” (come già scritto mesi fa) esiste solo nelle menti ipocrite di chi non vuol vedere, di chi vuol cullarsi in una pax borghese e disinteressata alle sorti comuni. La realtà dell’Abruzzo è questa da tantissimi anni.
    4 marzo 2017 - Alessio Di Florio
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.27 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)