Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Come sarebbe la città delle sirene senza il mostro d'acciaio?

Le sirene e il mostro d'acciaio

Concetta Braccioforte e Gianluca Scafa presentano una favola per l'ambiente edita dalla Scorpione Editrice.
14 dicembre 2007
Concetta Braccioforte e Gianluca Scafa

Copertina de "Le sirene e il mostro d'acciaio"

Si può affrontare il problema dell'inquinamento e degli infortuni sul lavoro in tanti modi, gli autori hanno scelto di farlo con una favola, rifugiandosi nelle immagini colorate della fantasia o...del passato. Un breve tracciato di ciò che era e di ciò che è diventata Taranto dopo lo sfregio dell'industria.

22 tavole realizzate da un disegnatore professionista, un testo semplice e lineare danno vita a questo progetto pedagogico e sociale, impreziosito dalla prefazione del Magistrato Franco Sebastio e dalla postfazione del Provveditore agli Studi di Taranto, Anna Cammalleri.

L'obiettivo è che si parli il più possibile, in tutte le lingue e con ogni mezzo espressivo del problema Taranto. Che se ne parli nelle scuole materne e nelle università. E soprattutto, all'interno dello stabilimento.

E ora, cominciamo a leggere: "C'era una volta una città magica e incantata, come se Gesù l'avesse baciata"...

Hanno detto del libro...

" ...Siamo in presenza di un documento di grande rilievo che richiama l'attenzione dei lettori su problemi importanti con la leggerezza tipica del mondo infantile ...il libro contiene un grido di dolore, poi temperato dal lieto fine che ci dà la speranza per il futuro, con la vittoria del bene sul male... Il lettore se ne allontana con un sentimento di malinconia e con un accenno di speranza..."

tratto dalla prefazione di Francesco Sebastio, Magistrato in Taranto

"...È da qui che bisogna partire, con i bambini soprattutto. Aiutarli a crescere, significa renderli consapevoli, far loro maturare il convincimento che il giudizio sulla verità va sempre accompagnato da un impegno, che non può e deve essere l'impegno di qualcun altro, ma di ognuno, perchè ognuno è responsabile della propria crescita così come di quella degli altri..."

tratto dalla postfazione di Anna Cammalleri, Provveditore agli Studi di Taranto

Note: Il volume è in vendita in tutte le librerie di Taranto e sul sito:
www.unafavolaperlambiente.com

Il progetto è proposto, come consiglio agli acquisti per il Natale, sul sito della Rai al link:

http://www.chetempochefa.rai.it/R2_popup_articolofoglia/0,7246,303^7519,00.html

Articoli correlati

  • Lettera aperta ai ministri dell'Ambiente
    Ecologia
    In occasione del vertice dei paesi del G20

    Lettera aperta ai ministri dell'Ambiente

    Di fronte ai sempre più frequenti disastri ambientali, dodici associazioni scrivono ai Ministri dell’Ambiente riunitisi a Napoli in questi giorni per esigere un’azione globale rafforzata e coordinata, non più rimandabile, per salvare il clima.
    23 luglio 2021 - Patrick Boylan
  • Vince la cittadinanza attiva
    Editoriale
    La batteria 12 della cokeria dell'ILVA di Taranto va fermata

    Vince la cittadinanza attiva

    Vince contro le pretese dell'azienda di continuare a produrre nonostante tutto, nonostante la grave situazione sanitaria dovuta all'inquinamento. Impianti fuori norma, come la cokeria 12, non possono continuare a produrre.
    21 luglio 2021 - Associazione PeaceLink
  • Ordinanza del TAR Lazio sulla batteria 12 della cokeria ILVA: occorre fermarla entro il 30 agosto
    Ecologia
    Il TAR Lazio scrive che occorre "operare per la messa fuori produzione della batteria 12"

    Ordinanza del TAR Lazio sulla batteria 12 della cokeria ILVA: occorre fermarla entro il 30 agosto

    Rigettate le motivazioni anti-covid alla base dei ritardi della messa norma della più grande batteria della cokeria ILVA. PeaceLink si era costituita "ad opponendum" rispetto all'istanza di Acciaierie d'Italia che richiedeva lo slittamento al gennaio 2022 dell'adempimento ambientale.
    21 luglio 2021 - Redazione PeaceLink
  • ILVA, la perizia epidemiologica richiesta dal gip Patrizia Todisco e il decreto di sequestro
    Processo Ilva
    Autori: Forastiere, Biggeri, Triassi

    ILVA, la perizia epidemiologica richiesta dal gip Patrizia Todisco e il decreto di sequestro

    Conclusioni: "L’esposizione continuata agli inquinanti dell’atmosfera emessi dall’impianto siderurgico ha causato e causa nella popolazione fenomeni degenerativi di apparati diversi dell’organismo umano che si traducono in eventi di malattia e di morte".
    Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)