Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Il nuovo anno si apre con una serie di problemi non risolti da affrontare con urgenza. Proviamo a riepilogarli.

Inquinamento e sviluppo: La pesante eredità del 2007

Lavoro, ambiente, prospettive di sviluppo. E’ questa l’eredità lasciata dal 2007 al nuovo anno. Aspetti spesso ritenuti in conflitto tra loro, ma che tali non sono se affrontati con una prospettiva ed un ottica di sistema
3 gennaio 2008
Michele Tursi
Fonte: Corriere del Giorno

ILVA

ILVA Taranto Non si può prescindere dallo stabilimento siderurgico. Nel bene e nel male resta il maggiore insediamento industriale non solo di Taranto, ma anche della Puglia e della nazione. Dalle acciaierie Riva traggono sostentamento oltre 13mila dipendenti diretti e altri 4mila dell’appalto. Il 2007 si è chiuso con le agitazioni per il rinnovo del contratto dei metalmeccanici. Un argomento che sicuramente riscalderà anche il confronto nei prossimi mesi. Su questa vertenza si innestano una serie di tematiche locali e che attengono in primo luogo sicurezza e l’ambiente. Il 2007 è stato segnato da una serie di eventi tragici tra cui due incidenti mortali. Un bilancio pesante in seguito al quale negli ultimi mesi dello scorso anno, la Commissione d’inchiesta sulle morti bianche ha fatto tappa a Taranto incontrando dirigenti dell’Ilva, responsabili sindacali, organi di controllo. Dall’organismo parlamentare è giunto un appello a rafforzare la vigilanza e ad osservare un ferreo rispetto delle pratiche operative. L’Inail di Taranto, lo scorso anno, dati alla mano, ha dimostrato come aumentino in maniera evidente i dati relativi alle malattie professionali ed in particolar modo quelle di tipo neoplastico. Un fenomeno che si avverte soprattutto nell’industria. E proprio le industrie sono la principale fonte di inquinamento a Taranto.

ATTO DI INTESA

Il 2007 è stato l’anno della diossina. La comunità ionica, dopo 40 anni di sider urgia, ha scoperto di avere a che fare con questo temibile agente cancerogeno e per la prima volta, nel giugno scorso, Arpa e Cnr hanno effettuato una campagna di monitoraggio sull’impianto di agglomerazione dell’Ilva. I risultati, pur essendo compresi nei valori di legge (i cui limiti sono talmente ampi che difficilmente possono essere superati), hanno confermato la presenza di livelli tali da richiedere un monitoraggio costante e continuo. I rilevamenti sono stati effettuati in virtù di quanto previsto nell’ultimo atto d’intesa tra Regione Puglia, Enti locali, Ilva e parti sociali, siglato nell’ottobre del 2006. Un documento che per il resto ha deluso le aspettative. L’Arpa ha fortemente criticato il progetto presentato dall’Ilva per la creazione di un barrieramento aggiuntivo al di sopra del muro di cinta del siderurgico per contenere lo spargimento delle polveri pesanti. Gravissimi ritardi si registrano anche nel piano di risanamento urbanistico del rione Tamburi. La Regione Puglia ha rischiato di perdere i 49 milioni di euro stanziati per la realizzazione di aree verdi, impianti pubblici e abitazioni. I finanziamenti sono stati trasferiti su un altro capitolo di spesa e dovranno essere utilizzati entro il 2008. In materia ambientale da segnalare l’iniziativa del comitato Taranto Futura che ha promosso un referendum sulla chiusura dell’Ilva. L’iniziativa è stata presentata al Comune di Taranto cui compete indire la consultazione.

PORTO

Lo scalo marittimo rischia di diventare un’eterna chimera per il territorio ionico. Allo sviluppo dei traffici ed alla manipolazione delle merci sono legate le maggiori possibilità di sviluppo. Il nuovo piano regolatore, approvato dal Consiglio comunale, licenziato in via definitiva dal Comitato portuale e presentato al Consiglio superiore delle Opere pubbliche, prevede un’adeguata programmazione in tal senso a cominciare dai raddoppi del 4 e del 5 sporgente e dalla realizzazione della piastra logistica. Il 2007, però, si è chiuso con i traffici in calo per effetto della mancanza di fondali adeguati che non hanno consentito alla Tct di completare il piano industriale con un vettore aggiuntivo a Evergreen. Il presidente dell’Autorità portuale Michele Conte, sull’argomento ha più volte lanciato l’allarme. Se il porto di Taranto entro il 2010 non sarà dotato di fondali di 16.5 metri, rischia di perdere la sfida nei confronti delle altre realtà del Mediterraneo. Il vero problema è costituito dalla classificazione di Taranto come sito di interesse comunitario che vincola lo smaltimento dei fanghi di dragaggio. Secondo una stima della stessa Autorità portuale conferire in discarica i fanghi contaminati costerebbe circa 300milioni di euro una cifra che stroncherebbe qualsiasi possibilità di sviluppo del porto. La strada che Conte sta cercando di percorrere è quella della realizzazione di una vasca di colmata secondo moderne tecniche di compattamento utilizzate in Finlandia.

ARSENALE

Quale sarà il futuro degli storici impianti tarantini? In una recente riunione del tavolo istituzionale per Taranto svoltosi in prefettura, il professore Francesco Boccia, in rappresentanza del Governo, ha ribadito la centralità dell’Arsenale ionico ed i vertici militari hanno annunciato un piano di rilancio della struttura che prevede investimenti per 66 milioni di euro. Resta da vedere dove saranno reperite le risorse necessarie. Per ora, le uniche certezze sono, i 7 milioni di euro stanziati nella Finanziaria per l’adeguamento delle strutture alle legge 626 ed i 15 milioni di budget per le manutenzioni navali. Resta l’incognita anche sui 250 lavoratori dell’appalto Arsenale per i quali è stata prorogata la cassa integrazione per tutto il 2008 e che dovrebbero entrare in un bacino di crisi che consentirà il progressivo rientro in attività.

Dal Comitato TarantoFutura

“L’anno 2008 sarà molto probabilmente l’anno del Referendum cittadino contro l’inquinamento dell’Ilva, per la tutela della salute dei cittadini e dei lavoratori dell’Ilva, nonchè per la tutela dell’occupazione di questi ultimi, a fronte di nuovi orizzonti lavorativi nel campo del turismo”.

Lo afferma, in una nota l’avvocato Nicola Russo, portavoce del comitato Taranto Futura promotore del referendum. “Il nuovo anno - scrive - ha avuto inizio con l’augurio del Procuratore della Repubblica Aggiunto dott. Franco Sebastio a tutti i cittadini, nel sottolineare, in particolare, che il diritto alla vita e, quindi, il diritto alla salute è un diritto assoluto che ha il primato su ogni altro diritto.

Il Comitato referendario Taranto Futura, nel dare una spinta propulsiva per l’effettuazione democratica del Referendum cittadino, nel rispetto della legge e dello Statuto del Comune di Taranto, auspica naturalmente una fattiva collaborazione con la stampa e le televisioni locali, nel rispetto di quanto statuito dalla Carta dei doveri del Giornalista, sottoscritta dal Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti e della Federazione Nazionale della Stampa Italiana l’8 luglio 1993, al fine di favorire il dialogo, all’insegna della verità e della imparzialità”. Il Comitato “Taranto Futura” ringrazia vivamente gli organi di informazione che si sono adeguati a detti principi deontologici e di democrazia.

Articoli correlati

  • Proiezione a Taranto del documentario ‘Mittal, il volto nascosto dell’Impero’
    Taranto Sociale
    Ingresso libero alle ore 20.30 del prossimo 17 settembre

    Proiezione a Taranto del documentario ‘Mittal, il volto nascosto dell’Impero’

    Il film è frutto della lunga ricerca del regista Jérôme Fritel su Lakshmi Mittal, di cui ripercorre la scalata che da zero l’ha reso in quindici anni il primo produttore d’acciaio mondiale. Il film sarà presentato dal regista Jérôme Fritel e da Alessio Giannone (alias Pinuccio)
    1 settembre 2019 - Alessandro Marescotti
  • "Di Maio ha realizzato cose che noi umani non immaginavamo"
    Laboratorio di scrittura
    Botta e risposta online

    "Di Maio ha realizzato cose che noi umani non immaginavamo"

    "Marescotti! Che figura barbina per tre minuti di celebrità sulle spalle dei tarantini e del PIÙ giovane, bravo, preparato, onesto e capace Ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico!"
    6 agosto 2019 - Alessandro Marescotti
  • Polmoni d'acciaio
    Legami di ferro
    Un documentario sul ciclo internazionale dell'acciaio

    Polmoni d'acciaio

    "Polmoni d'acciaio" è un video su tre impianti siderurgici collegati fra loro da problematiche molto simili. Racconta la devastazione ambientale che accomuna la Foresta Amazzonica e gli impianti siderurgici alimentati dalla multinazionale Vale, fra cui l'ILVA di Taranto
    26 maggio 2018 - Redazione PeaceLink
  • Porto di Augusta, in programma tre nuovi pontili per la Marina militare
    Disarmo
    Dopo il progetto di rifacimento del poligono a Punta Izzo e nuove antenne nel Siracusano

    Porto di Augusta, in programma tre nuovi pontili per la Marina militare

    Da mesi si susseguono incontri e trattative istituzionali, ma nessuna trasparenza sui progetti e sulle potenziali ricadute ambientali. Eppure i cittadini hanno il diritto e il dovere di sapere.
    19 luglio 2019 - Gianmarco Catalano
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.26 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)