Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

I Carabinieri del Noe hanno apposto i sigilli ad una montagna di 7.000 ton

Sequestrato Pet-Coke al Porto

Il provvedimento della Procura è scattato per la presenza di alcune sostanze superiore ai limiti consentiti dalla legge. Dopo quello di Gela dei giorni scorsi, altri sequestri sono stati effettuati dalla magistratura tarantina a Firenze, Livorno e Caserta per complessive 90.000 tonnellate
12 gennaio 2008
Fonte: Corriere del Giorno

Petrolchimico di Gela Ancora un sequestro di pet coke. I sigilli sono scattati per una montagna di carbone, del peso complessivo di 7.000 tonnellate, al molo polisettoriale di Taranto. Il decreto, firmato dal pm della Procura di Taranto Matteo Di Giorgio, è stato eseguito dai carabinieri del Nucleo operativo ecologico di Lecce e dell’Agenzia delle Dogane di Taranto col supporto dei carabinieri del Reparto operativo del Comando provinciale di Taranto e della Polizia Provinciale.

La magistratura ha ravvisato la necessità di procedere al sequestro non ritenendo quei quantitativi di pet coke conformi alle norme ambientali. Gli investigatori hanno rilevato la presenza di zolfo superiore del 6% rispetto al limite consentito dalle disposizioni legislative e di sostanze volatili superiore in una percentuale pari al 14%.

Gli investigatori hanno contestato violazioni del Decreto Ronchi. Comunque, si sono limitati a localizzare i siti finiti nel mirino della magistratura e ad eseguire i provvedimenti di sequestro (eseguiti dai Carabinieri del Noe a Livorno, Caserta e Firenze) infatti al momento, stando a quanto si è appreso, non ci sono indagati.

I sequestri effettuati ieri costituiscono una seconda tranche di quelli scattati mercoledì scorso quando i sigilli sono scattati per una montagna di pet coke di Gela (80.000 tonnellate a cui oggi se ne sono aggiunte altre 10.000), come riferito nell’edizione di giovedì scorso. Un segnale dell’attenzione che la Procura di Taranto continua a riservare al molo carbonifero del porto di Taranto e che, in questo caso, è stata rivolta anche ad altre località in cui è presente il pet coke proveniente dal capoluogo ionico.

Le indagini sulla vicenda sono ancora in corso e potrebbero riservare ulteriori sviluppi anche in tempi brevi. Non è la prima volta che la Procura di Taranto fa scattare i sigilli al molo carbonifero. Infatti, anche a maggio del 2006, fu adottato lo stesso provvedimento con contestazioni analoghe. In quel caso, il pm Antonella Montanaro dispose il sequestro contestando lo sversamento in mare e la diffusione nell’atmosfera di polveri sottili inquinanti provenienti proprio dalle montagne di carbone.

Il pet coke viene definito la “feccia del petrolio” in quanto è il prodotto dell’ultima fase di trasformazione del petrolio. Viene considerato un materiale pericoloso per la presenza di idrocarburi policiclici aromatici, (in particolare il benzopirene) e di metalli pesanti (nichel e vanadio).

Articoli correlati

  • Cittadinanza globale a partire da Taranto
    Cittadinanza
    Taranto un esempio educativo virtuoso e virtuale

    Cittadinanza globale a partire da Taranto

    A Cortona nel 2008 l’esperienza fondante di un summit sulla cittadinanza attiva e globale
    22 ottobre 2020 - Laura Tussi
  • ArcelorMittal: flash mob contro fabbrica sabato a Taranto
    Taranto Sociale
    I cittadini protesteranno perché il sindaco Rinaldo Melucci non risponde

    ArcelorMittal: flash mob contro fabbrica sabato a Taranto

    Il Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto: "Si chiede ancora una volta che il sindaco dichiari l'incompatibilità dell’area a caldo dell’Ilva con la salute pubblica. Ricordiamo che l'area a caldo dell'Ilva venne già dichiarata fuorilegge fin dal 2012 dalla Magistratura".
    15 ottobre 2020 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Solidarietà agli attivisti di Extinction Rebellion
    Editoriale
    Azione nonviolenta a Roma davanti all’ENI

    Solidarietà agli attivisti di Extinction Rebellion

    Gli attivisti chiedono di incontrare i ministri Patuanelli e Gualtieri, che detengono la Golden Share con cui si può indirizzare l’ENI verso la fuoriuscita dal fossile e verso nuove politiche sostenibili in Italia e nel mondo
    9 ottobre 2020 - Alessandro Marescotti
  • Sandro ci mancherai
    Taranto Sociale
    Perdiamo una delle sue persone più buone che ci ha accompagnato in questi anni

    Sandro ci mancherai

    Sorridente e scoppiettante come pochi, sapeva rendere colorate e leggere le manifestazioni che facevamo assieme per combattere l'inquinamento a Taranto
    8 ottobre 2020 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)