Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

L’impianto è stato fermo per 14 mesi

Tecnici al lavoro, riparte in primavera l'inceneritore

Inceneritore, scatta il conto alla rovescia. Da alcuni giorni, infatti, sono al lavoro i 5 tecnici per definire le pratiche amministrative.
14 gennaio 2008
Angelo Di Leo
Fonte: Gazzetta del Mezzogiorno

- Indispensabili per rimettere in esercizio l’inceneritore di Taranto. Dopo quasi 14 mesi di chiusura e, soprattutto dopo il passaggio di consegne dalla Tme all’Amiu spa, in queste settimane questi tecnici stanno avviando i contatti per definire il capitolo delle utenze (Enel ed altri operatori) che ora devono essere necessariamente intestate all’azienda multiservizi per l’igiene urbana. Tempi burocratici permettendo, per concludere tutte queste operazioni ci vorrà almeno un mese e mezzo. Successivamente, questo prevede il cronoprogramma stilato dall’azienda, inizierebbe un attento monitoraggio tecnico dell’impianto.

In altre parole, questi tecnici ex Tme devono verificare se (dopo un periodo così lungo di chiusura) nella struttura ci sono dei danni ingenti oppure se è sufficiente svolgere solo degli interventi di manutenzione.

Se, appunto, non ci dovessero essere dei problemi strutturali, gli interventi potrebbero concludersi nel giro di un mese o poco più. Certo, anche in questo caso, i tempi sono strettamente legati alla natura dell’intervento. Se non ci dovessero, quindi, particolari intoppi burocratici prima e tecnici poi, l’inceneritore di Taranto potrebbe tornare in esercizio tra aprile e maggio. Poi l’impianto avrebbe bisogno di un’ulteriore settimana prima di andare a regime. Terminato anche questo (breve) periodo, le due linee del termovalorizzatore potrebbero bruciare complessivamente circa 200-220 tonnellate giornaliere di rifiuti solidi urbani.

Contestualmente, l’Amiu riattiverà anche il meccanismo che consente di produrre energia elettrica da rivendere poi sul mercato. Ma non solo. Sempre per cercare di raggiungere il duplice obiettivo che porta alla riduzione dei costi del costi del servizio e ad incamerare nuove risorse finanziarie, l’Amiu intende attivare anche la linea di compostaggio.

E’ questo un segmento dell’impianto, a dire il vero, mai utilizzato dalle precedenti gestione dell’azienda di igiene urbana. Si tratta di una linea d’incenerimento che attraverso i rifiuti «umidi» (quelli provenienti dai mercati e dalla potatura degli alberi) produce il compost. Ovvero, un fertilizzante da poi da vendere al mercato agricolo. Questi, in sintesi, gli obiettivi dell’Amiu. A questo punto, non resta che attendere.

Articoli correlati

  • Il comunicato di PeaceLink sul latte vaccino contaminato
    Ecologia
    Diossina nei bovini a Massafra, in provincia di Taranto

    Il comunicato di PeaceLink sul latte vaccino contaminato

    Fino a ora la diossina era stata considerata solo un problema delle pecore e delle capre che avevano pascolato attorno all'ILVA: Adesso si scopre che la contaminazione è arrivata a oltre dieci chilometri, nelle campagne di Massafra. Ma come è arrivata lì la diossina?
    27 gennaio 2015 - Alessandro Marescotti
  • L'Isde ancora sul progetto Moniter
    Ecologia
    Precauzione prima dei nuovi impianti

    L'Isde ancora sul progetto Moniter

    Una comunicazione più dettagliata della società italiana di medici per l'ambiente a proposito del progetto Moniter per il controllo delle emissioni degli inceneritori dell'Emilia Romagna
    30 gennaio 2012 - Andrea Aufieri
  • Vivere all'ombra degli inceneritori
    Ecologia
    L'Isde commenta i dati del Moniter

    Vivere all'ombra degli inceneritori

    Aumento di tumori nella popolazione adulta, rischio di nascite premature e aborti spontanei: l'Emila Romagna è l'isola felice che Regione e Arpa raccontano?
    22 gennaio 2012 - Andrea Aufieri
  • Sono disposto ad affrontare Vendola e la Marcegaglia in un contradittorio pubblico
    Ecologia
    Inceneritore

    Sono disposto ad affrontare Vendola e la Marcegaglia in un contradittorio pubblico

    Non è stata consultata la popolazione residente in violazione della Convenzione di Aarhus, ratificata dallo Stato italiano con legge 108/2001
    20 maggio 2010 - Gianni Lannes
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.25 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)