Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

L'emergenza De Gennaro emana l'ordinanza: in arrivo all'inceneritore cento tonnellate al giorno di ecoballe

A Massafra i primi rifiuti dalla Campania

Con il provvedimento si definiscono modalità di trasporto e quantità di rifiuti da conferire. Si tratta di cento tonnellate al giorno, ovvero tre camion. Si tratta delle note «ecoballe», realizzate con la sola frazione secca del pattume. E non invece i rifiuti solidi urbani (Rsu) che da giorni sono accatastati lungo le strade delle città campane
20 gennaio 2008
Fonte: Corriere del Mezzogiorno

- BARI — I primi rifiuti campani destinati alla Puglia viaggeranno tra qualche ora verso Massafra, nel Tarantino. Al riguardo è stata emanata un'apposita ordinanza da parte del commissario all'emergenza ambientale, il prefetto Gianni De Gennaro. Con il provvedimento si definiscono modalità di trasporto e quantità di rifiuti da conferire.

Si tratta di cento tonnellate al giorno, ovvero tre camion, visto che ogni autotreno possiede una capacità di circa 35 tonnellate. Si tratta delle note «ecoballe», realizzate con la sola frazione secca del pattume. E non invece i rifiuti solidi urbani (Rsu) che da giorni sono accatastati lungo le strade delle città campane.

La meta
La destinazione, individuata dal commissario De Gennaro, è l'impianto Cisa di Massafra, dove la famiglia Albanese gestisce un impianto per la produzione di Cdr (combustibile da rifiuti). Qui le ecoballe (quelle provenienti dalla Campania non sono perfettamente idonee ad essere incenerite) dovranno essere ulteriormente trattate. Solo dopo andranno nel vicino termovalorizzatore di proprietà della Appia Energy (51% gruppo Marcegaglia, 49% Cisa). «Ai nostri uffici - informa l'imprenditore Antonio Albanese, contitolare di entrambe le società - non è stato ancora notificato alcun atto. Ad ogni modo, non appena saremo a conoscenza dei dettagli, pianificheremo ogni attività. Occorrerà qualche giorno prima di riuscire ad accogliere materialmente il materiale».

Il trattamento
Le «ecoballe» dovranno essere ulteriormente private della parte umida (materiale biodegradabile). Si adopera un trattamento detto di «separazione balistica». In parole povere, una sorta di setaccio con cui si divide la parte umida e più pesante (un 20% che finisce in discarica per rifiuti speciali) da quella più leggera. Ossia la parte destinata all'incenerimento e che si trasforma in Cdr. A questo punto entra in scena il termovalorizzatore. A pieno regime, su due turni e con 12 addetti, la Cisa riesce a trattare fino a 250 tonnellate al giorno. In condizione ordinarie, l'attività è ridotta alla metà, un turno con sei operai.

La priorità
Il materiale ritirato dalla Cisa arriva prevalentemente dal Nord. Per la maggior parte si tratta di Cdr già pronto per finire nel termovalorizzatore. Dunque, non dovrebbe essere un problema trattare i rifiuti campani. «Diversamente - spiega Albanese - potremmo anche rallentare l'accoglienza del Cdr dal Settentrione per dare priorità alla Campania». Ma sempre che se ne ravvisi la necessità. «La nostra potenzialità complessiva -rassicura Albanese - è di dieci/dodici camion al giorno».

Le ordinanze
«Da quel che possiamo comprendere - spiega il dirigente della Regione Luca Limongelli - il Commissariato campano si sta orientando verso la scelta di emanare una ordinanza per ciascuno impianto contattato per lo smaltimento». Sembra di capire che si costruiscono le norme (e le deroghe) a seconda delle situazioni date: impianto per impianto. «Per ora prosegue Limongelli - la priorità della Campania è lo smaltimento degli Rsu». Ma su questo, cioè sull'arrivo in Puglia dei rifiuti urbani, non si è raggiunta alcuna intesa preventiva tra la Puglia e il governo.

Lo scontro con Prodi
Fonti ben informate riferiscono di una gelida telefonata, una decina di giorni fa, tra il premier Prodi e il governatore Vendola. Il primo avrebbe chiesto ospitalità per almeno cinque/ seimila tonnellate di Rsu. Il secondo ha negato qualsiasi possibilità al riguardo, per non intasare le nostre discariche prima del completamento dei nuovi impianti di smaltimento alla fine del 2008. Via libera invece agli speciali (come le ecoballe) anche fino a 50mila tonnellate. Sullo sfondo il risentimento della Puglia verso Palazzo Chigi per come il governo ha respinto la richiesta di diluire in tre anni il deficit sanitario del 2007 (circostanza che ha poi indotto la giunta regionale ad aumentare le addizionali fiscali). Insomma Vendola, anche per non mettere a rischio la Puglia, ha detto no ai rifiuti urbani ed ha aperto le porte agli speciali. Ma un rifiuto completo non sarebbe stato opportuno. La solidarietà, hanno ragionato in Regione, è d'obbligo. Anche perché, come è noto, dalla Campania arriva una larga parte dell'acqua che serve a dissetare la Puglia

Articoli correlati

  • PeaceLink Abruzzo

    A Maggio l'Arap chiese lo stop

    Appello delle associazioni: bloccate l’attuale procedimento, l’Ente ci comunica che in 3 mesi non ci sono state novità
    29 agosto 2018 - Arci Vasto, Cobas Chieti, Gruppo Fratino Vasto, Italia Nostra del Vastese, Stazione Ornitologica Abruzzese, Associazione Antimafie Rita Atria, PeaceLink Abruzzo
  • PeaceLink Abruzzo
    Verso l'importazione stabile dei rifiuti da fuori regione?

    Rifiuti in Abruzzo, privati subito all'attacco del nuovo Piano Regionale

    Proposta una nuova mega-discarica da ben 480.750 mc a Cupello non prevista dal Piano; le associazioni depositano durissime osservazioni alla V.I.A.
    29 agosto 2018 - PeaceLink Abruzzo, Associazione Antimafie Rita Atria, Stazione Ornitologica Abruzzese, Nuovo Senso Civico Onlus
  • Abruzzo, non è la 'ndrangheta che mancava, è la coscienza diffusa che manca
    Editoriale

    Abruzzo, non è la 'ndrangheta che mancava, è la coscienza diffusa che manca

    La recente scoperta di una vera e propria rete ‘ndranghetista, che ha cercato di dominare e opprimere la città di Francavilla e il circondario, è l’ultima (in ordine di tempo) dimostrazione che l’Abruzzo “isola felice” (come già scritto mesi fa) esiste solo nelle menti ipocrite di chi non vuol vedere, di chi vuol cullarsi in una pax borghese e disinteressata alle sorti comuni. La realtà dell’Abruzzo è questa da tantissimi anni.
    4 marzo 2017 - Alessio Di Florio
  • Abruzzo e mafie, quando si scuoteranno (e muoveranno) le coscienze?
    PeaceLink Abruzzo

    Abruzzo e mafie, quando si scuoteranno (e muoveranno) le coscienze?

    Le recenti parole di Claudio Fava, vicepresidente della Commissione parlamentare antimafia, sembrano calzare perfettamente anche alla nostra Regione: le mafie ci sono ma si preferisce troppo spesso non vedere, non cercare, girare la testa dall’altro. Per cullarsi nell’inganno dell’isola felice
    26 gennaio 2017 - Alessio Di Florio
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.23 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)