Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Quattro grandi industrie si sono rivolte al Tribunale, tra cui ENI

Pet coke, 4 società chiedono dissequestro

Il pet-coke, scarto industriale derivante dalla raffinazione del petrolio proveniente dagli stabilimento Eni di Gela, avrebbe fatto scalo a Taranto per poi essere distribuito presso stabilimenti che lo hanno acquistato da un broker.
22 gennaio 2008
Fonte: Corriere del Mezzogiorno

Rettifica per la SAIF di Alessandria
Provvediamo ad inserire con evidenza e in grassetto un riquadro di rettifica in questo articolo che, pur non essendo nostro, ha costituito la fonte della distorsione informativa.

Associazione PeaceLink

In relazione alla notizia riportata sul Vs. sito, secondo la quale la nostra società, Saif Srl di Cantalupo (Al), sarebbe coinvolta in una vicenda legata al commercio di pet-coke e avrebbe richiesto il dissequestro del citato materiale in una vicenda penalmente rilevante attualmente pendente innanzi al Tribunale di Taranto, è assolutamente falsa e lesiva della nostra reputazione commerciale e del nostro buon nome.

La Saif di Cantalupo non ha mai commercializzato il pet-coke e, pertanto, Vi preghiamo di voler immediatamente pubblicare la relativa smentita, chiarendo che la Saif Srl di Alessandria non è coinvolta nella vicenda in questione e che la notizia è stata diffusa per Vs. negligenza, avendo cura di precisare gli esatti nominativi delle aziende coinvolte.

Ci riserviamo, in ogni caso, di adire le competenti autorità giudiziarie per la tutela dei nostri diritti.

SAIF Srl - Cantalupo - Alessandria
Il Presidente
Giancarlo Serra
Quattro grandi industrie coinvolte nel recente sequestro di pet coke ordinato dalla Procura di Taranto in diverse regioni d'Italia si sono rivolte al Tribunale del Riesame che si riunirà mercoledì 23, venerdì 25 e mercoledì 30, per occuparsi delle richieste di dissequestro provenienti dagli avvocati Rocco Maggi ed Antonio Raffo, legali delle industrie Eni, la cui sede di Gela è stata particolarmente interessata dal sequestro, Unicoal di Milano, importante azienda che si occupa di commercio internazionale, servizi e forniture industriali, Adriacoke spa di Ravenna, Saif spa, azienda di Alessandria specializzata nella produzione di vernici e smalti.

Per ora la tesi difensiva si concentra sull'ipotesi che il pet-coke sequestrato non fosse da considerare rifiuto industriale e contenesse sostanze pericolose entro i limiti di legge. Secondo dogane e carabinieri del Noe, al contrario, l'inchiesta si è focalizzata su un presunto traffico su larga scala di rifiuti altamente nocivi.

Il pet-coke, scarto industriale derivante dalla raffinazione del petrolio proveniente dagli stabilimento Eni di Gela, avrebbe fatto scalo a Taranto per poi essere distribuito presso stabilimenti che lo hanno acquistato da un broker. Il contenuto eccessivo di zolfo e di altre sostanze altamente cancerogene e teratogene, per legge modifica lo stato del pet coke da combustibile trasportabile a pericoloso rifiuto industriale da smaltire e trattare con accurate tecniche e costi.

Se sdoganato come combustibile, diventa un vero affare, sia per chi lo compra che per chi lo vende. Agli indagati, la Procura potrebbe contestare reati di traffico di rifiuti tossici, nonché violazioni di leggi in materia ambientale e fiscale.

Articoli correlati

  • Mittal, il film
    Cultura
    Davanti ai cancelli del cimitero la gente si è accalcata per vedere la storia di Mittal

    Mittal, il film

    Ieri a Taranto è stato un successo la proiezione del film "Mittal, il volto nascosto dell'Impero". Ne emerge una scalata industriale e finanziaria implacabile. Il regista fa emergere da questa storia di globalizzazione un'immagine predatoria che non fa ben sperare per il futuro di Taranto
    18 settembre 2019 - Alessandro Marescotti
  • Una figlia racconta l'amore per la terra di suo padre che poi ha dovuto combattere la diossina
    Taranto Sociale
    Per qualcuno l'amore per la terra è una vocazione

    Una figlia racconta l'amore per la terra di suo padre che poi ha dovuto combattere la diossina

    Don Angelo Fornaro è il proprietario della Masseria Carmine, una delle sette danneggiate dalla diossina. E' presente a tutte le udienze del processo "Ambiente svenduto" che deriva anche da un suo esposto. Il 13 luglio 2019 ha compiuto 85 anni e sua figlia ha voluto raccontare la sua storia.
    21 luglio 2019 - Rosanna Fornaro
  • "La salute non è d'acciaio. Il caso ILVA"
    Ecologia
    Peacelink Common Library

    "La salute non è d'acciaio. Il caso ILVA"

    Questa tesi di laurea di Nicola Petrilli è aggiornata agli ultimi eventi che hanno caratterizzato la fabbrica dopo l'avvento del governo "giallo-verde". Viene analizzata la società civile tarantina e i suoi "cittadini reattivi", mettendo in luce le difficoltà di ArcelorMittal a Taranto
    8 luglio 2019
  • I ministri pentastellati vanno a Taranto ma non incontrano le associazioni
    Ecologia
    Peccato perché volevamo discutere i dati sanitari e gli eccessi di mortalità vicino agli impianti

    I ministri pentastellati vanno a Taranto ma non incontrano le associazioni

    Vi è una differenza fra il 24 aprile e il 24 giugno 2019. Il 24 aprile furono convocate le associazioni. Oggi no. La Segreteria del Capo di Gabinetto del Ministro dello sviluppo economico ha fatto sapere tramite email a PeaceLink che "non è previsto alcun incontro".
    23 giugno 2019 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.26 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)