Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Lettera al Direttore di TarantoSera

La sicurezza non si può barattare

"Il 'pianeta sicurezza' non poteva e non può essere merce da barattare con un semplice carrello pieno di pasta, ma va perseguito e raggiunto con iniziative più intelligenti e dignitose".
30 gennaio 2008
Lorenzo Semeraro
Fonte: TarantoSera

Gentile Direttore,

- La direzione Ilva ha comunicato alle segreterie di Fim-Fiom e Uilm l’intenzione di premiare i 10 reparti che hanno subito meno infortuni nell’anno 2007. Il premio che sarà distribuito nei prossimi giorni ai lavoratori dei reparti più meritevoli, consiste in un buono spesa di euro 100 da consumare presso l’ipercoop.

Il numero dei lavoratori interessati è pari a 2.467 che tradotto in euro raggiunge la somma di 246.700,00. Si tratta di una spesa interessante, ma che non ha subito alcuna contrattazione con le forze sindacali e, quindi, di mero carattere unilaterale. I 2.467 operai fortunati che riceveranno il “buono spesa”, con i tempi che corrono, sembrano gradire l’iniziativa dell’azienda che, in qualche maniera dimostra di voler alleviare la spesa quotidiana delle famiglie operaie. Resta, però, da capire cosa pensano tutti gli altri esclusi (12.000 circa) da questa scelta unilaterale.

Già i rappresentanti sindacali cominciano a fare i conti con le critiche dei lavoratori che vedono in essa una sorta di discriminazione, giustamente, e che nel marasma generale di una condizione di vita in fabbrica non più esaltante, indica tra i responsabili di tali atteggiamenti anche il sindacato.

Voglio ricordare che alla stessa maniera, in forma più ridotta, anche l’anno scorso, l’azienda aveva elargito il “buono Ipercoop” da 100 euro per alcuni reparti, tra cui il mio. Nell’occasione rifiutai il buono motivando quello che secondo me era il senso di quel gesto “amorevole” nei confronti degli operai.

Secondo me, asserivo allora e confermo oggi, il “pianeta sicurezza” non poteva e non può essere merce da barattare con un semplice carrello pieno di pasta, ma va perseguito e raggiunto con iniziative più intelligenti e dignitose.

Fermo restando sulla volontà legittima e pacifica dell’azienda che è naturalmente libera di disporre delle proprie finanze come crede, resta da comprendere, però, che fine, una volta consumati i cento euro, abbia potuto avere quella iniziativa e quale messaggio sulla prevenzione e sulla sicurezza del lavoro possa essere giunto nella testa di quei lavoratori premiati.

Lorenzo Semeraro
Taranto

La risposta del Direttore di TarantoSera

Sig. Semeraro, semplicemente, dissentiamo da lei. La sua opinione è legittima, per carità, e TarantoSera la riporta integralmente. Secondo noi è sbagliata. Lei lo ammette: i lavoratori cominciano a mettere in discussione il sindacato. Forse è arrivato il momento che il sindacato si faccia un esame di coscienza.

Articoli correlati

  • Aiuti di Stato, Alitalia e ILVA
    Economia
    Il Trattato di funzionamento dell'UE vieta gli aiuti di Stato

    Aiuti di Stato, Alitalia e ILVA

    Per il Financial Times l'Antitrust Ue avrebbe deciso di ritenere aiuti illegali i 900 milioni incassati nel 2017 da Alitalia. Per i restanti 400 del 2019 bisognerà attendere. La questione riguarda anche la più grande acciaieria italiana e il M5S per il finanziamento da 705 milioni di euro all'ILVA.
    10 settembre 2021 - Alessandro Marescotti
  • Edoardo Bennato: "Mio padre ha lavorato nell’Italsider e mi sento vicino alla vicenda ILVA"
    Cultura
    "Vendo Bagnoli" è la canzone dedicata alla chiusura del polo siderurgico napoletano

    Edoardo Bennato: "Mio padre ha lavorato nell’Italsider e mi sento vicino alla vicenda ILVA"

    "L'Italsider di Bagnoli - ha detto a Taranto - poi fu chiusa e si disse che si sarebbe valorizzato il turismo in quell’area perchè si poteva fare. Anche Taranto è una bella città che ha potenzialità turistiche e io mi auguro che si possa delineare un futuro migliore per tutti voi”.
    Redazione PeaceLink
  • Cokeria ILVA, la batteria più grande verrà fermata
    Ecologia
    Intervento di PeaceLink al TAR Lazio è andato a buon fine

    Cokeria ILVA, la batteria più grande verrà fermata

    La batteria 12 è una delle quattro attualmente in funzione in fabbrica che servono ad alimentare di carbon coke gli altiforni. “La batteria 12 - dicono le fonti dell’azienda - avvierà la fase finale di ambientalizzazione l’1 settembre. Tale fase richiede la sospensione della produzione".
    26 agosto 2021
  • "Piantare alberi per compensare la CO2 dello stabilimento ILVA"
    Taranto Sociale
    Dopo il rapporto ONU sui cambiamenti climatici per PeaceLink occorre porre fine al carbone

    "Piantare alberi per compensare la CO2 dello stabilimento ILVA"

    Partendo dal fatto che “Taranto è maglia nera delle città italiane con solo 9 metri quadri di verde urbano per abitante”, Peacelink propone: “Sarebbe straordinario vedere i lavoratori dell'Ilva in esubero ripagare la città dei danni inferti con un programma di riassorbimento della CO2”.
    9 agosto 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)