Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

A Massafra arrivano 300 ecoballe al giorno da Napoli e dintorni

Vendola «In Puglia nessuna ecomafia»

L'ecomafia non abita qui. Parola del governatore Nichi Vendola. "Qui la situazione più delicata è quella di Brindisi, che va tenuta sotto controllo. Il no ai termovalorizzatori di Bari, Trani e Brindisi non è stato ideologico, tanto che ce ne sono cinque pronti a bruciare combustibile da rifiuti".
2 febbraio 2008
Piero Ricci
Fonte: Repubblica

- Ai componenti della commissione parlamentare d´inchiesta sul ciclo dei rifiuti, durante le audizioni in prefettura a Bari, Vendola spiega che la Puglia non è la Campania e chiuderà in modo moderno il ciclo dei rifiuti. Compresi i termovalorizzatori. E non è il solo a dirlo. Anche i commissari, in modo bipartisan, confermano che nel ciclo dei rifiuti in Puglia non c´è infiltrazione delle cosche: solo qualche leggerezza nel rispetto della normativa ambientale. «C´è un sistema di imprese che talvolta ha i suoi momenti di spregiudicatezza o può violare le procedure - afferma Vendola - ma noi non siamo nella condizione in cui un intero comparto ricchissimo, lucroso dell´economia sia prigioniero della criminalità organizzata».

Dopo un´ora e mezzo di audizione, annuisce il vicepresidente Camillo Piazza (Verdi). E anche l´altro vicepresidente, il pugliese Pietro Franzoso (Forza Italia), che pure aveva osteggiato Vendola in consiglio regionale prima della promozione parlamentare. La Puglia non è la Campania: non c´è camorra dietro la monnezza che si produce in Puglia e non ci saranno i sacchetti della spazzatura per strada. «È stato saggio chiudere la lunga stagione del commissariamento perché la Campania sta lì a dimostrare che dove c´è un´autorità monocratica, il territorio si deresponsabilizza», si compiace il governatore.

Gli Ambientalisti: “Ascoltandoci hanno riconosciuto il nostro ruolo”
«La commissione parlamentare sul ciclo dei rifiuti, ascoltandoci, ha riconosciuto il presidio permanente “No discariche”». A dichiararlo, a margine dell’audizione, è stato il dottor Ciro D’Alò del presidio permanente. «L’audizione – dichiara D’Alò – si è aperta con il riconoscimento del presidio. Siamo soddisfatti per questo riconoscimento che puntualmente arriva dopo quello del Consiglio comunale dell’altra mattina e dell’Assessorato all’Ambiente della Regione Puglia.

Alla commissione parlamentare – ha puntualizzato D’Alò – abbiamo illustrato le osservazioni che saranno esaminate lunedì prossimo a Bari, nel corso della conferenza dei servizi convocata per il rilascio dell’A.I.A. (Autorizzazione Integrata Ambientale) relativa al terzo lotto della discarica “La Torre – Caprarica” di Grottaglie, gestita dalla “Ecolevante s.p.a.”.

La commissione parlamentare ha apprezzato il lavoro svolto dal presidio, tuttavia hanno precisato che non possono far nulla in merito al terzo lotto». La commissione parlamentare ha ascoltato anche la professoressa Etta Ragusa, in rappresentanza del comitato “Vigiliamo per la discarica” di Grottaglie. «In continuità con la memoria presentata alla precedente audizione del 2 febbraio 2005 ed in aggiunta alla copiosa documentazione prodotta dal presidio permanente “No discariche” – ha dichiarato Etta Ragusa – abbiamo documentato i principali eventi intercorsi negli ultimi tre anni».

In particolare, la coordinatrice del comitato “Vigiliamo per la discarica” ha ricordato la sentenza del Tar Lecce che ha annullato il piano di adeguamento dei rifiuti, la sentenza del Tribunale di Milano del 23 marzo 2006, la legge regionale di iniziativa popolare approvata dal Consiglio regionale che applica il principio comunitario di prossimità, in base al quale i rifiuti devono essere smaltiti negli impianti prossimi a quelli di produzione.
Corriere del Giorno 02/02/07
Che ha ancora qualche potere commissariale, ma solo per chiudere ciò che ha avviato. Poca cosa per farne un «target»: aver chiuso la parentesi commissariale esattamente un anno fa, ha spuntato le ali ai suoi avversari politici che ancora gli rimproverano di aver cassato i tre termovalorizzatori pubblici dal piano del suo predecessore. «Se li avessi autorizzati, sì che saremmo diventati la discarica d´Italia», dice Vendola, perché la Puglia non ce l'avrebbe fatta a produrre tutti i rifiuti necessari per farli funzionare.

Il no ai termovalorizzatori di Bari, Trani e Brindisi non è stato ideologico, tanto che ce ne sono cinque pronti a bruciare cdr, il combustibile da rifiuti. Uno è già in esercizio ed è quello di Massafra, l´unico mobilitato in Puglia per alleviare l´emergenza rifiuti in Campania. Un secondo è stato autorizzato a Modugno. Altri tre sono in fase di autorizzazione tra Manfredonia, Borgo Mazzanone e Statte.

È singolare che sia proprio Vendola a mandare in soffitta i termovalorizzatori pubblici per fare spazio a quelli privati. Ma la risposta del governatore è immediata: «In quelli pubblici sarebbero stati bruciati i rifiuti talquale, in quelli privati ci va il cdr, il rifiuto trattato». Inquinano meno e non hanno bisogno di importare troppi rifiuti. Insomma, non sono più un tabù.

Anzi: «Abbiamo fatto partire i cantieri di tutti gli impianti che devono servire a costruire un ciclo moderno dello smaltimento dei rifiuti e che riguardano il pretrattamento, la selezione della frazione umida dalla frazione secca, la biostabilizzaizone, il compostaggio, il cdr. Abbiamo nella parte privata, tra termovalorizzatori autorizzati e termovalorizzatori in via di autorizzazione, cinque termovalorizzatori che ci fanno guardare con tranquillità al futuro».

Citando un passo della relazione della Corte dei conti, Vendola spiega che il piano dei rifiuti è stato cominciato nel 2001 poi è stato ultimato e consegnato nel 2004. «Sono stati fatti i bandi - dice il governatore - sono state fatte le gare, tutte impugnate. Mi sono insediato che avevo tutte le gare impugnate e le discariche sostanzialmente verso l´esaurimento. Ho dovuto aspettare le sentenze del Consiglio di Stato, ho firmato tutti i contratti e quindi oggi, tranne in un caso, a Corigliano d´Otranto, dove c´è da fare un approfondimento per via della falda, abbiamo cantierizzato tutti gli impianti».

Vendola ammette: «Non è il paradiso ma è un processo che stiamo costruendo, che ci fa mettere nella condizione perfino di esprimere solidarietà alla Campania». Perché a Massafra le prime ecoballe sono già arrivate. E stanno ancora arrivando. Lo dice Franzoso prima che cominci l´audizione di Vendola e del suo assessore all´Ecologia, Michele Losappio. «Ne arrivano 300 al giorno - afferma - e sappiamo tutti che si tratta di un cdr non adeguato dal punto di vista tecnico: quelle ecoballe dovranno essere disfatte, dividere l´umido dal secco, e affinate per produrre un cdr appropriato per essere bruciate nel termovalorizzatore di Massafra».

E la Puglia che aiuta la Campania non diventerà come la Campania. «Ma il fatto che la situazione ora non desti preoccupazione - spiega Franzoso - non significa che fra un anno non si verifichino emergenze in territori come Brindisi».

Articoli correlati

  • La stima di Nichi Vendola verso Emilio Riva
    Ecologia
    La dichiarazione di Vendola è apparsa sulla rivista trimestrale "Il Ponte" nel 2011

    La stima di Nichi Vendola verso Emilio Riva

    "Chiesi ad Emilio Riva, nel mio primo incontro con lui, se fosse credente, perché al centro della nostra conversazione ci sarebbe stato il diritto alla vita. Credo che dalla durezza di quei primi incontri sia nata la stima reciproca che c’è oggi".
    24 luglio 2020 - Redazione PeaceLink
  • Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle coscienze assopite è di fatto complicità
    PeaceLink Abruzzo

    Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle coscienze assopite è di fatto complicità

    12 mesi dopo “Isola felice” contro la terza cosca del vastese in 11 anni tutto scorre come nulla fosse
    11 settembre 2017 - Alessio Di Florio
  • Le dichiarazioni presunte di Graviano e la certa colonizzazione discreta delle mafie nell’isola felice Abruzzo
    PeaceLink Abruzzo

    Le dichiarazioni presunte di Graviano e la certa colonizzazione discreta delle mafie nell’isola felice Abruzzo

    Ci sono capitoli della storia di questa Regione troppo spesso rimossi e/o sottovalutati cullandosi ancora nell’illusione dell’isola felice. Un’isola felice che non esiste (come dimostrato anche negli ultimi mesi dopo le due grandi operazioni che hanno sgominato organizzazioni mafiose a Francavilla e Vasto). Senza dimenticare che, prima di quella del settembre scorso (tra l’altro la seconda nei confronti dei Ferrazzo, la prima nel 2011), ci furono tra le tante due maxi operazioni contro organizzazioni facenti riferimento a Cozzolino e due inchieste sull’organizzazione creata da Pasqualone (arrestato nel 2007 ma la cui presenza era segnalata in una relazione parlamentare già 13 anni prima)
    7 luglio 2017 - Alessio Di Florio
  • Abruzzo, non è la 'ndrangheta che mancava, è la coscienza diffusa che manca
    Editoriale

    Abruzzo, non è la 'ndrangheta che mancava, è la coscienza diffusa che manca

    La recente scoperta di una vera e propria rete ‘ndranghetista, che ha cercato di dominare e opprimere la città di Francavilla e il circondario, è l’ultima (in ordine di tempo) dimostrazione che l’Abruzzo “isola felice” (come già scritto mesi fa) esiste solo nelle menti ipocrite di chi non vuol vedere, di chi vuol cullarsi in una pax borghese e disinteressata alle sorti comuni. La realtà dell’Abruzzo è questa da tantissimi anni.
    4 marzo 2017 - Alessio Di Florio
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)