Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

La denuncia di Assennato, direttore generale di Arpa Puglia.

«Il Registro tumori non è ancora operativo»

Le emissioni industriali di Brindisi e Taranto interessano in modo pesante l’area a nord del capoluogo. Assennato: "Purtroppo non si riesce a capire bene con quali volontà mandare avanti il Registro tumori, visto che manca anche una cabina di regia e una organizzazione più definita".
7 febbraio 2008
Cesare Mazzotta
Fonte: Gazzetta del Mezzogiorno

- Un incontro in Provincia per affrontare il quadro delle patologie tumorali, legate ai fattori ambientali. Ne hanno parlato il professore Giorgio Assennato, direttore generale di Arpa Puglia, il commissario della Asl di Lecce Rodolfo Rollo, l’assessore all’Ambiente della Provincia Gianni Scognamillo, il presidente della commissione Ambiente di palazzo dei Celestini, Nicolino Sticchi e l’allergologo Mauro Minelli.

Al centro delle discussioni i vari aspetti dell’insorgenza dei tumori nel territorio. «In particolare è stato fatto il punto sull’atttività istituzionale in campo tumorale - spiega l’assessore Scognamillo - La Provincia ha sostenuto con 50mila euro l’accordo siglato a metà gennaio per l’istituzione del registro tumori». Nell’incontro Rollo ha parlato della rete sanitaria che la Asl sta avviando per fronteggiare le allergie collegate alle possibili patologie tumorali.

Da parte sua il responsabile dell’Arpa, Assennato, ha sottolineato che «il registro tumori non è ancora operativo. I ritardi - ha spiegato - sono dell’assessorato regionale. L’Arpa, la Provincia e il Cnr, hanno messo a punto un programma per il monitoraggio delle diossine e dell’impatto delle polveri, per definire un quadro più chiaro del ruolo delle aree industriali e dell’inquinamento atmosferico.

Oggetto di interesse le attività industriali di Taranto e di Brindisi. Un progetto che noi abbiamo in corso, insieme alla Provincia e con altri finanziamenti. Purtroppo - aggiunge - non si riesce a capire bene con quali volontà mandare avanti il Registro tumori, visto che manca anche una cabina di regia e una organizzazione più definita».

I risultati, supportati dai dati e dalle statistiche epidemiologiche, riportati dallo studio di Minelli, sono preoccupanti. Sotto accusa la presenza di particolato disperso nell’aria, contenente metalli pesanti, soprattutto mercurio e nichel. «Abbiamo studiato l’azione dei metalli sulla popolazione, nei vari stadi - riferisce Minelli - Prima come allergie da contatto a carico della pelle e poi come nichel, cromo, cobalto e mercurio a carico del sistema osteo articolare, neurologico, autistico ed endocrino, tiroide soprattutto».

Nel novembre scorso, una patologia imputabile alla presenza di mercurio, è stata diagnosticata a una donna di Bari proprio nell’ospedale di Campi. «La signora ha dovuto recarsi a Dallas - riferisce Minelli - presentava una
ipersensibilità a un sale di mercurio, il Thimerosal. A Campi abbiamo fatto la diagnosi, ma poi ci siamo arresi di fronte alla mancanza delle strutture terapeutiche idonee. Prima gli autistici venivano curati con farmaci neuropsichiatrici. Fino al ricovero nelle case protette. Oggi si è visto che è coinvolto il mercurio».

Per tornare al territorio, uno studio commissionato al Multilab della Camera di commercio nel 2003, ha messo in evidenza che le emissioni industriali di Taranto e di Brindisi, interessano in modo pesante l’area nord jonica e nord brindisina di Lecce, dove circa il 50 per cento dei pazienti seguiti dall’ambulatorio di Campi, sono risultati affetti da patologie collegate al mercurio. « D’altra parte - dice Minelli - circa la metà del mercurio che viene disperso dalla grande industria, 1.400 tonnellate, proviene da Taranto, che già detiene il record della diffusione di diossina».

Articoli correlati

  • Onore a quell'operaio ILVA che ha parlato
    Ecologia
    Come le polveri degli elettrofiltri MEEP, contenenti piombo e diossina, fecero il giro dell'Italia

    Onore a quell'operaio ILVA che ha parlato

    Ci raccontò che quelle "polveri velenose" erano state vendute e poi mescolate - da una società con tanto di partita IVA - a interiora di animali e raspi d'uva. Trasformate in palline, venivano poi rivendute come fertilizzante in tutt'Italia.
    1 giugno 2020 - Alessandro Marescotti
  • “Ilva ha venduto le polveri velenose come concimi”
    Ecologia
    Le polveri degli elettrofiltri

    “Ilva ha venduto le polveri velenose come concimi”

    Le indagini della Finanza: fatture per la vendita dei rifiuti trattenuti dai filtri ad aziende che producono fertilizzanti
    Francesco Casula e Antonio Massari
  • PeaceLink
    Si è formato sui testi di Marx ma ha poi approfondito la nonviolenza di Gandhi

    Alessandro Marescotti, una vita per l’ambiente

    Da anni è impegnato nella battaglia di informazione e denuncia del disastro sanitario e ambientale di Taranto e della sua provincia. Un impegno iniziato quando per la prima volta scoprì che l’acciaieria Ilva emetteva diossina
    Gino Martina
  • Sofia Ashraf: la rapper indiana che attacca le multinazionali
    Ecologia
    Con la musica ha parlato anche della tragedia di Bhopal

    Sofia Ashraf: la rapper indiana che attacca le multinazionali

    Il 30 luglio 2015, lanciò su YouTube un singolo di denuncia contro la multinazionale Unilever accusata, 14 anni fa, di contaminare con il mercurio la popolazione di Kodaikanal, nel sud dell’India.
    2 agosto 2019 - Théo Chapuis
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)