Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Teatro, urbanistica e letteratura per un laboratorio di cittadinanza attiva

Taranto: «La città possibile»

Perché un centro di produzione e fruizione teatrale in un quartiere martoriato dalle industrie come i Tamburi? Per indagare sul presente e, al contempo, per non rinunciare al futuro. Come? Con il contributo di autorevoli esponenti dell’urbanistica, della letteratura e dell’architettura, per rifondare radici, disegnare scenari di una città (ancora) possibile.

Città possibile E, non di meno, con le testimonianze e le pratiche di autori/attori teatrali che negli ultimi anni hanno operato la scelta di un teatro “civile”, cioè direttamente volto a sensibilizzare le coscienze attorno a drammi sociali, oppure quella di raccontare la realtà attraverso lo sguardo sapientemente strabico della satira.

A chi è rivolto il progetto?

Dentro il ragionamento che andremo a sviluppare risulta evidente il ruolo centrale del territorio nel ridefinire l’identità di una comunità solidale, a partire dalle risorse che si trovano da sempre o da poco tempo su quel dato luogo. Cuore pulsante del territorio, che scegliamo quale interlocutore, è la scuola. Sono i suoi “abitanti”, ovvero gli studenti. Ad essi è destinato in via privilegiata questo nuovo percorso progettuale che intende arricchire la proposta culturale della città e coniugare la formazione culturale e teatrale dei giovani con le problematiche forti che appartengono all’oggi ed al futuro di Taranto. Anche per avviare un confronto sulla eticità dell’antica polis, per riappropriarsi oggi di un senso di appartenenza capace di ridare diritto di cittadinanza alla dignità in una città violata e derubata.

Ogni workshop elaborerà un proprio percorso di ricerca e di lavoro – pur rimanendo nell’ambito dello specifico tema contenitore e giungerà a proprie risultanze. Sarà compito del tutor del "gruppo di ascolto", Alfredo Traversa, assemblare le riflessioni prodotte dagli studenti e dare forma alle stesse in una comunicazione finale.

Offriranno il loro contributo:

Ulderico Pesce. Più che attore, ama definirsi cronista. I temi di attualità che affronta nei suoi spettacoli sono frutto di una vera sudata ricerca, di personali indagini, di denunce e petizioni. Fra i suoi lavori “Storie di scorie”, “FIATo sul collo” (Premio Riccione Teatro 2005) e il più recente “Asso di monnezza”, che parla di inceneritori, termovalorizzatori, termoutilizzatori.

Dario Vergassola è uno di quegli intervistatori, e non ce ne sono molti, che ha il coraggio e la faccia di bronzo per domandare a un maestro dell'architettura: "Lei si occupa del degrado delle periferie. Precisamente: quante è riuscito a degradarne?". E loro, i poveri guru spiazzati da tanta sfacciataggine, non possono che prestare diligentemente il fianco alle sue interviste-cilicio.

Pier Luigi Cervellati, architetto urbanista, è docente di Progettazione e riqualificazione urbana e territoriale all’Università di Venezia. Nel suo libro - L'arte di curare la città - indica la necessità di rileggere le radici della storia del territorio, del suo modo di essere - e di essere stato – affinché si inneschi un riordino urbano in grado di recuperare e conservare quelle peculiarità che hanno sempre connotato la città.

Bernardo Rossi Doria, architetto urbanista, direttore del Dipartimento Città e Territorio dell'Università di Palermo; da sempre impegnato, anche come Segretario Generale di “Italia Nostra”, contro le pratiche cieche di urbanizzazione distruttiva, incapaci di incorporare la memoria dei luoghi interessati. Crede in una urbanistica capace di dare risposte a bisogni e problemi del futuro a partire dall’eredità territoriale che ci è data.

Francesco Erbani, giornalista di Repubblica (Premio di Giornalismo Civile 2003), ha realizzato un viaggio ideale tra i custodi dei paesaggi italiani. E’ un narratore dell’oggi, racconta l’hic et nunc dell’assalto ai beni culturali ed ambientali in Italia, nella stessa linea di impegno culturale e civile che fu di Antonio Cederna.

Alessandro Langiu, giovane attore e regista teatrale tarantino. Nel 2003 mette in scena “Venticinquemila granelli di sabbia”, ambientato nel quartiere operaio Tamburi. Da allora continua con i suoi spettacoli a svegliare le coscienze e a denunciare i disastri ambientali e le vittime del lavoro che tristemente appartengono alla nostra città.

Marco Baliani, autore, attore e regista teatrale. Nel 1989 con il suo “Kholhaas”, tratto da Kleist, apre la strada a quello che sarà poi chiamato “teatro di narrazione”. La forma teatrale che più di tutte darà voce alle urgenze del teatro civile, perfetto connubio tra l’arte del teatro e l’espressione di una forte partecipazione etica dell’attore/autore ai problemi del nostro tempo. Il suo “Pinocchio nero”, nato da un progetto di recupero dei ragazzi di strada in uno slum di Nairobi, è l’ultimo in ordine di tempo importante spettacolo approdato in tante città italiane e non solo.

Alfredo Traversa, regista e attore grottagliese. Formatosi all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica “Silvio D’Amico”, è approdato al teatro di poesia, passando attraverso il teatro popolare e la scena contemporanea. Al centro della sua attività l’apertura di spazi teatrali “altri” come le cave di Fantiano di Grottaglie, le masserie di Crispiano, l’hangar della Marina Militare e vari impianti industriali in uso e disuso.

Fortemente voluto dalla Provincia di Taranto e dal Teatro Pubblico Pugliese il progetto La città possibile è stato programmato dal Teatro Crest

Teatro Crest. Dal 1977 il C.r.e.s.t. porta avanti in un ambiente difficile - sia socialmente che culturalmente, un discorso teatrale coerente e innovativo, raccontando vite complicate, sogni ostinati, incontri tra culture e condizioni differenti, cercando di coniugare i linguaggi della tradizione con quelli della ricerca teatrale contemporanea. Interlocutori privilegiati della sua attività sono i bambini, i ragazzi, i giovani, gli operatori della scuola (insegnanti, dirigenti, educatori), con l’intento di creare in un contesto privo di strutture teatrali un punto di riferimento culturale e professionale forte.

Calendario:
12 marzo ore 15.30 Dario Vergassola
27 marzo ore 15.30 Pier Luigi Cervellati
10 aprile ore 9.30 Ulderico Pesce
22 aprile ore 9.30 Bernardo Rossi Doria
6 maggio ore 9.30 Francesco Erbani
13 maggio ore 9.30 Marco Baliani
20 maggio ore 9.30 Alessandro Langiu

Gli incontri si terranno presso l'Auditorium Scienze della Formazione, via Grazia Deledda - Taranto

Articoli correlati

  • No alla discarica, Riva fa ricorso al Tar
    Taranto Sociale

    No alla discarica, Riva fa ricorso al Tar

    La decisione dopo lo stop della Provincia di Taranto all'avvio del nuovo sito di smaltimento. La Provincia ha bloccato l'avvio di una nuova discarica per rifiuti pericolosi denomitata «Cava Mater Gratiae» nello stabilimento Ilva e il gruppo Riva, che ne è proprietario, si è rivolto al Tar.
    8 ottobre 2008 - Nazareno Dinoi
  • Processo Enichem, la Provincia di Foggia in appello
    Taranto Sociale

    Processo Enichem, la Provincia di Foggia in appello

    L'Amministrazione provinciale, attraverso l’avvocatura interna, impugna dunque la sentenza “errata in fatto ed in diritto”. I fatti contestati risalgono all’incidente verificatosi nello stabilimento Enichem di Manfredonia il 26 settembre 1976.
    30 settembre 2008
  • La Provincia "scopre" le Gravine
    Taranto Sociale

    La Provincia "scopre" le Gravine

    Dai progetti europei “Caves Network” e “Naodomia” alla manifestazione “Habitat rupestri e percorsi bizantini”. Gli interventi dell’assessore Colaninno, dei proff. Caprara e Dell’Aquila, e dell’avv. Mastrangelo
    22 maggio 2008 - Francesca Piccolo
  • Martedì 20 maggio «Di fabbrica si muore» a Taranto
    Taranto Sociale

    Martedì 20 maggio «Di fabbrica si muore» a Taranto

    E' in libreria “Di fabbrica si muore” di Alessandro Langiu Maurizio Portaluri. La storia esemplare e drammatica di un operaio. Un reportage e un testo teatrale che ricostruiscono. La presentazione del libro si terrà c/o il Salone degli Specchi di Palazzo di Città alle ore 18 a Taranto.
    18 maggio 2008 - A. Langiu & Maurizio Portaluri
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.29 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)