Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Latte e derivati, domande e risposte su un campione analizzato

Come abbiamo trovato la diossina nel formaggio

Riportiamo i certificati delle analisi del laboratorio INCA di Lecce sul campione di formaggio analizzato. Nella foto c'è il formaggio contaminato da diossine, furani e PCB oltre i limiti di legge. La somma di diossine e PCB supera di 3 volte i limiti di legge. Un bambino di 20 kg non ne dovrebbe mangiare più di 2 grammi per non superare la DGA (Dose Giornaliera Accettabile).
5 marzo 2008
Associazione PeaceLink

Il formaggio fatto analizzare da PeaceLink. Superati i limiti di legge per diossina e PCB

Quali sono i limiti di diossina e PCB nel formaggio?

Per diossine sono 3 picogrammi per grammo di sostanza grassa. Per la somma di diossine e PCB si sale a 6 picogrammi. Tali valori sono espressi in TE (tossicità equivalente).

Questi limiti sono stati superati nel campione di formaggio fatto analizzare da PeaceLink?

Sì. I dati delle analisi sono:
diossine: 4,28 picogrammi per grammo di grasso (limite di legge 3)
diossine + pcb: 4,28+15,22 = 19,50 (limite di legge 6)
diossine e pcb sono in TE (Tossicità Equivalente).
Tali valori sono stati riscontrati in un formaggio non in vendita nei negozi o nelle normali reti di distribuzione commerciale.

Quanto è un picogrammo?

È un millesimo di un miliardesimo di grammo (10-12g). Da questi ordini di misurazione comprendiamo quanto sia pericolosa la diossina: un potente cancerogeno.

Quale è la normativa che fissa questi limiti?

È il Regolamento (CE) N. 199/2006 della Commissione Europea del 3 febbraio 2006 che modifica il regolamento (CE) n. 466/2001 che definisce i tenori massimi di taluni contaminanti presenti nelle derrate alimentari per quanto riguarda le diossine e i PCB diossina-simili. I Regolamenti non vanno ratificati dai paesi membri: entrano direttamente in vigore ed hanno valore legale (a differenza delle direttive).

Si dice diossina o "diossine"? E cosa sono i furani?

La diossina è una "famiglia". Il termine «diossine» indica un gruppo di 75 congeneri di policlorodibenzodiossine (PCDD) e 135 congeneri di policlorodibenzofurani (PCDF), 17 dei quali sono tossici, e di questi una diossina (TCDD, teraclorodibenzodiossina) è un carcinogeno del gruppo A (il più potente), così come definito dallo IARC (Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro).

Cosa sono i PCB?

I policlorobifenili (PCB) sono un gruppo costituito da 209 congeneri; 12 di questi sono indicati dall'OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) come «diossina-simili» in quanto hanno le stesse proprietà tossicologiche della diossina.

Dove si effettuano queste analisi?

Per le diossine occorrono laboratori altamente specializzati. Ve ne è una dozzina in Italia. Di questi solo un paio sono al Sud. Le analisi individuano quantità che vengono calcolate in picogrammi e questo dà l'idea del grado di precisione richiesto da tali analisi. PeaceLink si è rivolta al laboratorio INCA di Lecce.

Quante analisi ha fatto PeaceLink?

È stato effettuata una sola analisi in quanto ogni esame è costoso e complesso.

Cosa è la dose giornaliera accettabile (DGA)?

È una stima della quantità di diossine e PCB presenti nel cibo che possono essere ingeriti senza rischi apprezzabili per la salute. L'OMS valuta la DGA in una quantità variabile da 1 a 4 picogrammi giornalieri per chilogrammo di peso corporeo. Per i bambini la stima è più conservativa in quanto sono soggetti deboli. Quindi un bambino di 20 chili non dovrebbe ingerire più di 20 picogrammi giornalieri. Nel caso del formaggio fatto analizzare da PeaceLink, un bambino di 20 kg non ne dovrebbe mangiare più di due grammi per non superare la DGA.

In quali alimenti può essere presente la diossina?

In alimenti contenenti grasso. Ad esempio:
- latte e formaggi;
- carne;
- salumi;
- uova;
- pesce.

Può essere presente nella frutta e nella verdura?

Se ben lavata, normalmente no.

È possibile dire da dove proviene la diossina che è stata riscontrata nel formaggio in questione?

Esiste un "profilo di congeneri" che può essere associato ad una ben precisa sorgente di emissione (inceneritori, processi di combustione, industrie chimiche, industrie siderurgiche, ecc.). In altri termini la distribuzione dei 17 congeneri tossici costituisce l'"impronta digitale" della sorgente.

Da dove proviene il formaggio analizzato?

Un socio di PeaceLink da tempo si serviva da un pastore per procurarsi prodotti artigianali e "genuini", in particolare latte e formaggio. Un pezzo di questo formaggio è stato portato nel laboratorio INCA di Lecce per le opportune analisi dopo che sulla stampa locale erano apparse notizie circa greggi che avevano pascolato nelle aree vicine alla zona industriale.

Le analisi commissionate da PeaceLink sono state comunicate alla Procura della Repubblica di Taranto?

Sì, precisamente il 27 febbraio 2008.

Qual è l'obiettivo della conferenza stampa di PeaceLink?
L'obiettivo è elevare l'attenzione sulla questione della sicurezza alimentare. Nella conferenza stampa interverrà anche Paolo Rubino, del Tavolo Verde, in rappresentanza degli agricoltori.

PeaceLink non intende sollevare uno sterile allarme sociale: vuole avanzare proposte positive, in particolare coinvolgendo il mondo dell'agricoltura. Ambientalisti ed agricoltori, consumatori e produttori possono unire le loro forze per premere sulle autorità e sulle industrie inquinanti. Insieme è possibile perseguire i seguenti fini:
1) abbattere significativamente le emissioni di diossine e PCB;
2) delimitare le aree in cui eventualmente non dovrebbero pascolare gli animali;
3) ridurre il rischio alimentare controllando il mangime del bestiame;
4) avviare una bonifica dei terreni contaminati;
5) effettuare un monitoraggio degli alimenti.

Allegati

Articoli correlati

  • Sindacati: “Vi è stato un cedimento della struttura refrattaria dell'altoforno 2"
    Ecologia
    ArcelorMittal: "Non si è verificato alcun cedimento"

    Sindacati: “Vi è stato un cedimento della struttura refrattaria dell'altoforno 2"

    A solo mese della ripartenza e successivamente all'esecuzione degli interventi previsti dalle prescrizioni della Procura della Repubblica di Taranto i sindacati Fim Cisl, Fiom Cgil, Uilm e Usb denunciano il cedimento del rivestimento dell'altoforno appena rifatto
    1 marzo 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • La sentenza del TAR per lo stop degli impianti è stata trasmessa al Consiglio Europa
    Taranto Sociale
    ArcelorMittal

    La sentenza del TAR per lo stop degli impianti è stata trasmessa al Consiglio Europa

    Legamjonici contro l’inquinamento, una delle associazioni ambientaliste di Taranto, ha trasmesso al comitato dei ministri del Consiglio d’Europa la sentenza dello scorso 13 febbraio del Tar di Lecce che ordina ad ArcelorMittal di spegnere gli impianti inquinanti.
    25 febbraio 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • "Mancano le tute nello stabilimento siderurgico di Taranto"
    Taranto Sociale
    Denuncia della Uilm

    "Mancano le tute nello stabilimento siderurgico di Taranto"

    La denuncia, oltre che ad ArcelorMittal, è inviata anche a Spesal, il servizio sicurezza luoghi di lavoro dell’Asl. “I lavoratori da più tempo - afferma la Uilm - da più tempo non riescono ad approvvigionarsi di tute per poter svolgere la propria mansione”.
    23 febbraio 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • ArcelorMittal: Peacelink, dopo sentenza nuova fase per Taranto
    Taranto Sociale
    Dopo la sentenza del TAR di Lecce

    ArcelorMittal: Peacelink, dopo sentenza nuova fase per Taranto

    "Un'intera comunità deve richiedere che il Recovery Plan finanzi la riconversione dei lavoratori Ilva impiegandoli in attività di bonifica, di utilità sociale e di riqualificazione territoriale. Occorre chiudere definitivamente l'area a caldo così come è avvenuto a Genova e a Trieste”.
    13 febbraio 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
Licenza: Pubblico Dominio
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)