Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

«C'è la diossina anche nei latticini»

L'associazione presenta un suo studio. Marescotti: già informata la magistratura. La denuncia di Peacelink: esami su un campione, superati i limiti. L'iniziativa ha il sostegno di una delegazione di produttori agricoli e imprenditori zootecnici
4 marzo 2008
Nazareno Dinoi
Fonte: Corriere del Mezzogiorno

- TARANTO — «Il latte e quindi i latticini che si producono nell'area di Taranto contengono una quantità di diossine e di apirolio superiori alla norma consentita». Ad essere pericolosamente inquinato, dunque, sarebbe uno degli alimenti fondamentali nella dieta umana e animale. Ed ancora una volta è la presenza industriale ad essere additata quale fonte d'inquinamento incompatibile con la vita. Peacelink diffonde così un nuovo allarme per l'uomo e l'ambiente.

«Abbiamo fatto analizzare un campione di formaggio locale, e visto che i risultati hanno registrato un superamento dei limiti di legge per diossine e Pcb, abbiamo già informato la Procura della Repubblica». Così si legge nel breve comunicato con cui l'associazione ambientalista annuncia per domani una conferenza stampa nel corso della quale saranno comunicati i risultati delle analisi effettuare su un campione di latticini. All'incontro, nella sede della Uil in piazza Dante a Taranto, saranno presenti gli attivisti di Peacelink con il presidente Alessandro Marescotti ma anche diverse associazioni ambientaliste e di tutela dei consumatori della provincia.

Ad affiancare l'iniziativa ci sarà anche una delegazione di produttori agricoli e imprenditori zootecnici del «Tavolo Verde » rappresentati dall'ex deputato della Quercia, Paolo Rubino. Le analisi «allarmanti» che documenterebbero valori «di molto superiori» ai limiti imposti dalle leggi sugli alimenti, sono stati eseguiti a Lecce nei laboratori di analisi microinquinanti del «Consorzio Inca», lo stesso organismo che ha studiato il fenomeno delle diossine e del Pcb di Porto Marghera per conto dell'ex pubblico ministero Felice Casson.

Il presidente Marescotti, che domani leggerà i dati, è consapevole dell'importanza della notizia ma anche della sua pericolosità dal punto di vista sociale. «Siamo tutti d'accordo, ambientalisti, consumatori e produttori - dice - per dire basta alla politica del rinvio perché l'obiettivo principale rimane la salute e quindi far mangiare prodotti sani e puliti». Altrettanto consapevole di un possibile crollo nelle vendite dei prodotti caseari ed alimentari prodotti nel tarantino, il numero uno e fondatore di Peacelink anticipa così le contromisure. «Diciamo subito che la frutta, verdura ed ortaggi non possono contenere diossina o apirolio in quanto sono elementi che si legano alle particelle grasse quindi a carne, derivati e pesce».

L'allarme per ora è indirizzato solo ai prodotti da latte. «Proporremo programmi di tutela alimentare che partono dal blocco delle emissioni inquinati sino alla limitazione delle aree di pascolo e la loro recinzione e messa in sicurezza». Si attende ora la contromossa dell'Arpa, agenzia regionale dell'ambiente, e del servizio igiene della Asl.

Note: Precisazione di PeaceLink inviata alla testata e all'autore in data 4/3/08

La frase iniziale «Il latte e quindi i latticini che si producono nell'area di Taranto contengono una quantità di diossine e di apirolio superiori alla norma consentita» non è stata rilasciata da alcuno di PeaceLink. E' invece corretta la frase: «Abbiamo fatto analizzare un campione di formaggio locale». La limitatezza della nostra indagine non consente di effettuare generalizzazioni sul latte e i latticini. La presentazione dei dati in conferenza stampa ha proprio l'obiettivo promuovere un monitoraggio generale di routine che consenta di avere un quadro globale della situazione alimentare e della sua sicurezza. Un principio di prudenza spinge PeaceLink a esprimere giudizi solo su ciò che si è analizzato, come, nel nostro caso, il campione di formaggio che abbiamo portato in laboratorio. E' altrettanto vero che il "principio di precauzione" dovrebbe spingere tutti gli enti preposti ad adottare cautele e ad attivare celermente le più estese indagini, come del resto sta facendo la magistratura, in cui riponiamo la nostra fiducia e con la quale abbiamo inteso collaborare portando le analisi del nostro campione, in quanto risultato purtroppo al di fuori dei limiti di legge.

Articoli correlati

  • Onore a quell'operaio ILVA che ha parlato
    Ecologia
    Come le polveri degli elettrofiltri MEEP, contenenti piombo e diossina, fecero il giro dell'Italia

    Onore a quell'operaio ILVA che ha parlato

    Ci raccontò che quelle "polveri velenose" erano state vendute e poi mescolate - da una società con tanto di partita IVA - a interiora di animali e raspi d'uva. Trasformate in palline, venivano poi rivendute come fertilizzante in tutt'Italia.
    1 giugno 2020 - Alessandro Marescotti
  • “Ilva ha venduto le polveri velenose come concimi”
    Ecologia
    Le polveri degli elettrofiltri

    “Ilva ha venduto le polveri velenose come concimi”

    Le indagini della Finanza: fatture per la vendita dei rifiuti trattenuti dai filtri ad aziende che producono fertilizzanti
    Francesco Casula e Antonio Massari
  • PeaceLink
    Si è formato sui testi di Marx ma ha poi approfondito la nonviolenza di Gandhi

    Alessandro Marescotti, una vita per l’ambiente

    Da anni è impegnato nella battaglia di informazione e denuncia del disastro sanitario e ambientale di Taranto e della sua provincia. Un impegno iniziato quando per la prima volta scoprì che l’acciaieria Ilva emetteva diossina
    Gino Martina
  • Una figlia racconta l'amore per la terra di suo padre che poi ha dovuto combattere la diossina
    Taranto Sociale
    Per qualcuno l'amore per la terra è una vocazione

    Una figlia racconta l'amore per la terra di suo padre che poi ha dovuto combattere la diossina

    Don Angelo Fornaro è il proprietario della Masseria Carmine, una delle sette danneggiate dalla diossina. E' presente a tutte le udienze del processo "Ambiente svenduto" che deriva anche da un suo esposto. Il 13 luglio 2019 ha compiuto 85 anni e sua figlia ha voluto raccontare la sua storia.
    21 luglio 2019 - Rosanna Fornaro
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)