Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Latte contaminato

«Psicosi diossina» nel tarantino

La Procura ipotizza il disastro colposo. La popolazione è molto spaventata dopo aver appreso - da Peacelink - che tracce di diossina e di Pcb sono state trovate nei giorni scorsi nel latte proveniente da uno dei due allevamenti che si trovano a poca distanza dall'Ilva
21 marzo 2008
Fonte: Gazzetta del Mezzogiorno, Corriere del Giorno, Taranto Sera

Oggi s'è svolto un incontro in Regione in cui è stato annunciato un monitoraggio dell'Arpa. Il dirigente dell'Arpa Puglia, prof.Giorgio Assennato: caso isolato, non c'è rischio per la salute. Nichi Vendola: non siamo a Caserta. Il ministro De Castro: caso isolato

- BARI - “Quello che vogliamo assicurare è che la situazione non desta nessun allarme di tipo sanitario”: lo sottolinea il dirigente dell’Arpa Puglia, prof.Giorgio Assennato, a proposito di tracce di diossina e di Pcb trovate nei giorni scorsi in un formaggio prodotto artigianalmente con latte proveniente da uno dei due allevamenti che si trovano a poca distanza dallo stabilimento Ilva di Taranto.

La denuncia è stata fatta nei giorni scorsi da Peacelink ed è stata confermata dalle analisi fatte dall’istituto zooprofilattico di Teramo indicato dal ministero della salute.

Sulla vicenda si è tenuto in tarda mattinata un incontro alla Regione tra lo stesso Assennato, il presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, l’assessore regionale alla Sanità, Alberto Tedesco, e l’assessore all’Ecologia, Michele Losappio, oltre a funzionari della Asl di Taranto che ha prelevato i campioni di latte.

“Gli eventuali eccessi ambientali – ha detto Assennato – saranno identificati e aspettiamo anche di riuscire a comprendere con esattezza le sorgenti industriali e non industriali responsabili di questi superamenti che sono estremamente localizzati”.

Il ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali, Paolo De Castro: caso isolato
ROMA – «Massimo rigore ma no agli allarmismi che rischiano di penalizzare i prodotti dell’agroalimentare pugliesi che da sempre si contraddistinguono per qualità e genuinità». Così il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Paolo De Castro interviene a proposito delle tracce di diossina e di Pcb trovate nei giorni scorsi in un formaggio prodotto artigianalmente con latte proveniente da un allevamento che si trovano a poca distanza dallo stabilimento Ilva di Taranto.

«Si tratta di un episodio isolato - sottolinea De Castro – che dimostra quanto i controlli siano importantissimi e quanto in Puglia siano applicati con attenzione e regolarità. Sono una garanzia di sicurezza per i consumatori e per i tantissimi produttori pugliesi che ogni giorno lavorano nel rispetto delle normative sanitarie e della regolarità.

È importante proteggere gli allevatori dall’uso inconsapevole di mangimi e foraggi contaminati – ha concluso il Ministro – e le Istituzioni e gli Enti competenti sono in prima linea nel garantire tutto questo, assicurando ai prodotti pugliesi quella qualità e quella genuinità che da sempre li contraddistingue».
Oltre alla diossina – ha confermato Assennato – sono stati registrati eccessi dovuti a policlorobifenile “che non derivano dai fumi, dai camini industriali, ma derivano – ha spiegato il dirigente dell’Arpa – dall’uso negli anni, ora per fortuna non più esistenti, di questi composti nei trasformatori per i quali, in alcune aree adiacenti l’area industriale tarantina, possono esserci degli effetti come pure ci sono degli effetti nei sedimenti marini del Mar Piccolo”.

“Ciò nondimeno - ha proseguito Assennato – questo non determina nessun effetto di tipo acuto nella popolazione; merita sicuramente l’approfondimento dal punto di vista ambientale perchè va inserito in un programma che consenta la bonifica delle aree inquinate nelle diverse matrici, che sono terreno, vegetazione, colture ma anche i sedimenti marini”.

“Comunque, ripeto: questo superamento certamente – ha detto Assennato – non ha alcun significato per quanto riguarda l'esposizione della popolazione tarantina, sia perchè non si tratta di prodotti che entrano nel circuito commerciale sia perchè comunque quei valori non si accompagnano ad effetti acuti.

C'è anche da dire che ci sono sempre state concentrazioni di diossina nel latte, prima non si potevano misurare perchè non c'erano le strumentazioni sufficientemente sensibili, per fortuna con le nuove strumentazioni ora si misurano bene ed è possibile arrivare alla definizione di livelli quantitativi assolutamente certi”.

“Bisogna comunque assolutamente tranquillizzare la popolazione tarantina che potrebbe essere erroneamente indotta – ha sottolineato Assennato – a un allarme immotivato”. L’Arpa predisporrà un piano di monitoraggio per verificare se quello registrato a Taranto è un episodio isolato o se il problema è diffuso. “Il campione prelevato da un’altra masseria della zona - ha concluso Assennato – è risultato negativo e dalle analisi fatte nel terreno di quella zona nello scorso anno sono risultati tutti valori bassi”.

Vendola: non siamo a Caserta
A Taranto “non c'è un’emergenza”: lo ha detto il presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, a proposito della diossina e delle tracce di Pcb riscontrate nei giorni scorsi in un formaggio fatto con latte prodotto in una masseria nei pressi dell’Ilva.

“Non siamo in provincia di Caserta, – ha detto Vendola – abbiamo disposto il fermo sanitario solo per un’azienda zootecnica di Statte. La produzione di latte e derivati nelle aziende del Tarantino è assolutamente normale per i dati da inquinamento da diossina”. “In quell'azienda – ha continuato – i capi di bestiame avevano pascolato solo in terreni ben definiti e individuati e già sottoposti a analisi”.“Non si tratta di un’emergenza – ha aggiunto – ma stiamo monitorando in maniera continua tutta la produzione zootecnica della provincia di Taranto. Abbiamo chiesto un aiuto anche all’Istituto superiore di sanità”.

Per Vendola comunque “i livelli di diossina emessi dall’Ilva devono calare, si deve passare dal 4,5% di emissione globale all’1%. Daremo anche impulso alle attività di bonifica nel sito di interesse nazionale di Taranto”.

Aldo Pugliese (Uil) chiede interventi certi e urgenti per contenere le emissioni inquinanti

ILVA di Taranto Il segretario generale della Uil regionale, Aldo Pugliese. “Non cedere ancora una volta alle promesse - afferma - ma imporre all’Ilva le cose da fare in tema di tutela dell’ambiente e naturalmente anche di sicurezza dei lavoratori”. Secondo il sindacalista “le rilevazioni effettuate dal 26 al 28 febbraio scorsi registrano policloro di benzodiossina e cloro di benzofurami nei fumi del reparto Agglomerazione. Si tratta di valori significativamente superiori a quelli rilevati nel monitoraggio del giugno 2007. Per cui risulta del tutto fuori luogo qualsiasi tipo di enfasi sulla situazione ambientale a Taranto, a cominciare da quella di un ministro che recentemente ha visitato lo stabilimento e che ha sostenuto che l’Ilva presto ridurrà le emissioni di diossina, incidendo su ambiente e salute. Se questi sono i risultati, stiamo freschi”.

A giudizio di Pugliese l’esperienza insegna che non è il caso di attenersi alle promesse dell’azienda: “Intanto non dobbiamo dimenticare che siamo in campagna elettorale – precisa il segretario Uil – e quindi non si può dare alcun credito alle promesse, da qualsiasi parte arrivino. Sono quindici anni che Taranto ed i tarantini attendono interventi migliorativi sul piano ambientale, senza che vi siano novità di alcun tipo.

Non è del resto un caso che siano stati firmati ripetuti accordo tra Ilva e Regione Puglia, senza che i vertici del siderurgico abbiamo mantenuto gli impegni presi. In realtà i fatti suggeriscono che a Taranto bisogna fare come è stato fatto a Servola di Trieste, dove le emissioni sono di fatto scomparse per una precisa volontà politica delle istituzioni locali. Il che dimostra che volere è potere. Se a Taranto non accade è perché evidentemente tale volontà non è così forte”.

Articoli correlati

  • Cinque modi per fare del 2019 un anno migliore
    Editoriale
    Una guida all'uso di PeaceLink

    Cinque modi per fare del 2019 un anno migliore

    Primo: conoscere e verificare. Secondo: allargare la consapevolezza. Terzo: attivarsi e costruire una strategia. Quarto: condividere il proprio piano con un gruppo di persone fidate. Quinto: generare empowerment e non collaborare con il potere quando mette in atto azioni ingiuste.
    Redazione PeaceLink
  • Come le pecore
    Laboratorio di scrittura
    Taranto, riflessioni leopardiane

    Come le pecore

    Siamo andati a scuola, abbiamo fatto le traduzioni di latino, ci siamo cimentati in matematica con i polinomi e le disequazioni, abbiamo fatto in chimica le nostre ossidoriduzioni. Ma tavola abbiamo mangiato diossina, sempre diossina. Con lo stesso livello di informazione delle pecore.
    15 febbraio 2019 - Alessandro Marescotti
  • Domani terzo giorno consecutivo di Wind Day
    Taranto Sociale
    Oggi folate di vento a 50 km/h

    Domani terzo giorno consecutivo di Wind Day

    Continua a finire sulla città la polvere dell'ILVA. Si tratta non solo di carbone e di minerale di ferro ma anche di polverino d'altoforno e di rifiuti speciali
    13 febbraio 2019 - Redazione PeaceLink
  • Su Taranto Wind Day fortissimo
    Ecologia
    Ecco come appariva oggi il quartiere Tamburi

    Su Taranto Wind Day fortissimo

    Venti a 50 km/h hanno sradicato alberi e fatto volare su Taranto le polveri dell'ILVA. Oggi è il secondo giorno di Wind Day a Taranto. Domani si preannuncia un'altra giornata terribile.
    13 febbraio 2019 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.10 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)