Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Taranto, i silenzi sulla diossina

In tutto questo feriscono profondamente le debolezze di Comune e Provincia, che pur hanno a disposizione tutti gli strumenti per porre fine a questo scempio. Dal sindaco e dal presidente della Provincia un segnale per i cittadini.
27 marzo 2008
Massimo Ruggieri
Fonte: Corriere del Mezzogiorno

- Ero certo che sulla diossina nei nostri alimenti sarebbe presto calato il mantello delle rassicurazioni: Ministero, Regione, Arpa, Asl, Comune, tutti a tranquillizzarci, invero più per star tranquilli loro. La parola d'ordine è “niente allarmismi”, ma i fatti ci dicono che hanno più fondamento le notizie allarmanti che quelle tranquillizzanti.

Latte e formaggio locali contengono sostanze cancerogene e la denuncia non è arrivata né dalla Regione, né dall'Asl, né dall'Arpa (nonostante il suo preziosissimo lavoro), né da nessun altro organo preposto al controllo, bensì dalle associazioni del territorio che da anni denunciano l'inquinamento di Taranto tra l'indifferenza delle istituzioni. Cosa c'è da essere tranquilli allora?

La scoperta della diossina nei terreni di Taranto ha stupito solo chi non voleva credere (né far credere) che la situazione dalle nostre parti fosse gravissima. E' ridicolo perfino pensare che il problema sia circoscritto alle aree adiacenti all'Ilva.

Anzi, non molto tempo fa ci fu chi asserì che, considerata l'altezza dei camini del siderurgico e la volatilità delle polveri nocive, la città non avrebbe avuto da temere la diossina, in quanto questa si sarebbe depositata oltre la città (come se tra l'altro questa fosse una consolazione).

E' più che lecito pensare che fino ad ora i controlli o non sono stati fatti, o fatti male, o fatti e non denunciati. Ho anche appreso dalle letture di questi giorni che i controlli eseguiti normalmente sul latte dalle autorità competenti, non tengono in considerazione la presenza di inquinanti quali possono essere quelli di origine industriale, cosa che dalle nostre parti dovrebbe invece avere priorità assoluta.

In tutto questo feriscono profondamente le debolezze di Comune e Provincia, che pur hanno a disposizione tutti gli strumenti per porre fine a questo scempio.

Il sindaco è il maggior tutore sanitario della città e una sua parola (magari scritta) potrebbe moltissimo. Il presidente Florido, da parte sua, sempre sensibile a ciò che da visibilità, ha annunciato che parteciperà alla manifestazione del 29.

Nei fatti ritirò la città dal processo alla grande industria un passo prima della sua condanna (chi se lo scorda) e ha da poco dichiarato di aver subito pressioni da Vendola affinché influenzasse il comitato tecnico della Provincia per ottenere parere favorevole sul rigassificatore da piazzare in mezzo ad altri impianti a rischio.

Sempre i fatti dicono che quella commissione, dopo un primo orientamento negativo, si disse favorevole all'ipotesi di insediamento del rigassificatore, a dispetto dei “no” di pura facciata tuttora sbandierati.

Altro che tutto a posto, la verità è che niente è a posto in questa martoriata città, dove l'unica cosa positiva è che la gente sta capendo.
Per questo alla manifestazione del 29 ci sarò anch'io, ma per pretendere il cambiamento che meritiamo.

Articoli correlati

  • Aiuti di Stato, Alitalia e ILVA
    Economia
    Il Trattato di funzionamento dell'UE vieta gli aiuti di Stato

    Aiuti di Stato, Alitalia e ILVA

    Per il Financial Times l'Antitrust Ue avrebbe deciso di ritenere aiuti illegali i 900 milioni incassati nel 2017 da Alitalia. Per i restanti 400 del 2019 bisognerà attendere. La questione riguarda anche la più grande acciaieria italiana e il M5S per il finanziamento da 705 milioni di euro all'ILVA.
    10 settembre 2021 - Alessandro Marescotti
  • Edoardo Bennato: "Mio padre ha lavorato nell’Italsider e mi sento vicino alla vicenda ILVA"
    Cultura
    "Vendo Bagnoli" è la canzone dedicata alla chiusura del polo siderurgico napoletano

    Edoardo Bennato: "Mio padre ha lavorato nell’Italsider e mi sento vicino alla vicenda ILVA"

    "L'Italsider di Bagnoli - ha detto a Taranto - poi fu chiusa e si disse che si sarebbe valorizzato il turismo in quell’area perchè si poteva fare. Anche Taranto è una bella città che ha potenzialità turistiche e io mi auguro che si possa delineare un futuro migliore per tutti voi”.
    Redazione PeaceLink
  • Cokeria ILVA, la batteria più grande verrà fermata
    Ecologia
    Intervento di PeaceLink al TAR Lazio è andato a buon fine

    Cokeria ILVA, la batteria più grande verrà fermata

    La batteria 12 è una delle quattro attualmente in funzione in fabbrica che servono ad alimentare di carbon coke gli altiforni. “La batteria 12 - dicono le fonti dell’azienda - avvierà la fase finale di ambientalizzazione l’1 settembre. Tale fase richiede la sospensione della produzione".
    26 agosto 2021
  • "Piantare alberi per compensare la CO2 dello stabilimento ILVA"
    Taranto Sociale
    Dopo il rapporto ONU sui cambiamenti climatici per PeaceLink occorre porre fine al carbone

    "Piantare alberi per compensare la CO2 dello stabilimento ILVA"

    Partendo dal fatto che “Taranto è maglia nera delle città italiane con solo 9 metri quadri di verde urbano per abitante”, Peacelink propone: “Sarebbe straordinario vedere i lavoratori dell'Ilva in esubero ripagare la città dei danni inferti con un programma di riassorbimento della CO2”.
    9 agosto 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)