Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Rifkin con Vendola, la Puglia a idrogeno

Rinnovabili - Un megaprogetto per avere auto a energia pulita. E' la prima regione al mondo. Viaggiare a bordo di auto ecologiche, spinte solo dal sole e dal vento? Finalmente si può. E tra non molto anche in Italia. In Puglia in particolare, dove è in corso la «terza rivoluzione industriale: quella dell'idrogeno».
11 aprile 2008
Stefano Milani
Fonte: Il Manifesto

Idrogeno L'annuncio è di Jeremy Rifkin, presidente della Foundation on Economic Trends, ieri a Roma per presentare questo progetto rivoluzionario, frutto di tre anni di lavoro e grazie alla supervisione tecnica dell'Università dell'idrogeno. Non parliamo di fantascienza, nè di prototipi pronti nel 2050. La costruzione dei primi cinque distributori partirà già dal mese prossimo. Così, tra qualche anno, gli eco-automobilisti italiani potranno fare il pieno della loro utilitaria scegliendo fra tre opzioni di carburante: idrogeno puro, idrometano verde (miscela al 70% di metano e 30% di idrogeno) e metano.

L'investimento previsto è, almeno per la prima fase, di cinque milioni di euro: tre dei quali stanziati dal ministero dell'Ambiente e due dalla Regione Puglia. «E' questa la strada per far crescere il paese - ha detto Pecoraro Scanio nel corso della conferenza stampa di presentazione e in una delle sue ultime apparizioni nella veste di ministro - Utilizzeremo le tecnologie più avanzate spendendo i soldi in opere pubbliche che siano veramente utili. Noi lo chiamiamo l'ambientalismo del fare bene».

Una rivoluzione che pone la Puglia all'avanguardia, persino più avanti della California che per prima ha realizzato gli impianti a idrogeno là dove l'elemento chimico più leggero in natura non viene interamente prodotto da fonti alternative ma anche ricavato da idrocarburi.

Questo nuovo sistema consentirà di abbattere le emissioni atmosferiche inquinanti del 20 per cento. Da tempo l'industria automobilistica sta testando in tutto il mondo auto a idrogeno e già nel 2014 dovrebbero essere pronti i primi modelli per la vendita al grande pubblico. Nel nostro Paese sono quasi 600mila le auto a metano omologate solo negli ultimi due anni, e che potranno usufruire della miscela senza intervenire sul motore.

«L'obiettivo idrogeno è più vicino. Nascerà una rete di energia diffusa che alleggerisce l'impatto inquinante e la bilancia commerciale», ha detto Rifkin. Ma non solo, l'obiettivo è anche quello di dare una mano al trasporto pubblico. «Costruiremo anche un servizio di taxi basato sul sistema idrogeno, fuel cell, motore elettrico. Le auto pubbliche a idrogeno aspetteranno i loro clienti negli aeroporti pugliesi e, visto che in ogni città ci sarà un distributore a idrogeno, potranno fare il pieno su tutto il territorio regionale e tornare alla base».

Articoli correlati

  • La stima di Nichi Vendola verso Emilio Riva
    Ecologia
    La dichiarazione di Vendola è apparsa sulla rivista trimestrale "Il Ponte" nel 2011

    La stima di Nichi Vendola verso Emilio Riva

    "Chiesi ad Emilio Riva, nel mio primo incontro con lui, se fosse credente, perché al centro della nostra conversazione ci sarebbe stato il diritto alla vita. Credo che dalla durezza di quei primi incontri sia nata la stima reciproca che c’è oggi".
    24 luglio 2020 - Redazione PeaceLink
  • “Basta armi al colonialismo”: il business israeliano e la cooperazione con l'Italia
    Disarmo
    Le iniziative del movimento BDS (Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni)

    “Basta armi al colonialismo”: il business israeliano e la cooperazione con l'Italia

    L’accordo per la cooperazione scientifica e tecnologica si integra con quello specificamente militare poiché le armi sono sempre più legate allo sviluppo dell’intelligenza artificiale e alla robotica
    31 marzo 2019 - Rossana De Simone
  • Ecodidattica
    Lo stato di salute della Puglia

    Analisi delle cause di decesso in Puglia

    Gli open data ed l'elaborazione statistica statistica hanno consentito questi risultati
    23 marzo 2018 - Antonello Russo
  • Disarmo
    Approvata il 4 luglio 2017

    Puglia, mozione per il disarmo nucleare

    Il Consiglio Regionale della Puglia impegnano il Presidente della Regione e la Giunta regionale a richiedere al Governo nazionale di rispettare il Trattato di non proliferazione delle armi nucleari e, attenendosi a quanto da esso stabilito, a porre in essere iniziative finalizzate alla rimozione da parte degli Stati Uniti d’America di qualsiasi arma nucleare dal territorio italiano e alla loro rinuncia a installarvi i nuovi ordigni B61-12 e qualsivoglia altra arma nucleare.
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)