Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Diossine e PCB nel latte materno a Taranto. Alcune comparazioni

I risultati trovati a Taranto su 3 campioni di latte materno, di 3 puerpere, mostrano valori che, espressi come somma totale di PCDD e PCB sono 31.37pg TEQ (è un parametro che indica la tossicità equivalente media)/g di grasso, 26.18pg TEQ /g e 29.40pg TEQ/g rispettivamente . Il valore medio (media aritmetica) risulta essere 29.1 pgTEQ/g di grasso. Cerchiamo di comparare questo risultato con uno studio effettuato su campioni di sangue e latte materno di 169 puerpere tedesche.
14 aprile 2008
Vittorio Ascalone (Chimico)

Allattamento al seno

I risultati trovati a Taranto su 3 campioni di latte materno, di 3 puerpere, mostrano valori che, espressi come somma totale di PCDD (policlorodibenzodiossine) e PCB (policlorobifenili) sono 31.37pg TEQ (è un parametro che indica la tossicità equivalente media)/g di grasso, 26.18pg TEQ /g e 29.40pg TEQ/g rispettivamente . Il valore medio (media aritmetica) risulta essere 29.1 pgTEQ/g di grasso.

Cerchiamo di comparare questo risultato con uno studio (1) effettuato su campioni di sangue e latte materno di 169 puerpere tedesche, che hanno vissuto in aree industriali della Germania.

Le concentrazioni nella parte grassa del latte materno del totale di PCDD/F e PCB mostravano valori compresi tra 3.01 e 78.7 pg TEQ/g di grasso, con un valore medio pari a 27.27 pg TEQ/g di grasso.

Il confronto tra i risultati di Taranto e questi ultimi, indica che la concentrazione media di contaminante nel latte delle puerpere tarantine è più alta del 6.7 % rispetto a quella media ritrovata nello studio tedesco.

Questo studio indicava inoltre che le donne vissute lontano da aree industrializzate avevano concentrazioni nel latte di PCDD/F e PCB più basse rispetto alle altre. Ed ancora, le donne che avevano vissuto alcuni anni nella Germania Est mostravano concentrazioni più elevate di PCB.

Un altro studio effettuato su 120 puerpere giapponesi, della zona di Tokio (2), mostrava valori totali medi di PCDD/Fs e Co-PCBs (policiclobifenili complanari) nel latte materno pari a 25.6 pg TEQ/g di grasso. In questo caso i valori di Taranto sono più alti del 13.6% di quelli ottenuti in Giappone.

Non ritengo, sulla base dei risultati e dei casi esaminati (non significativi quelli di Taranto) che emergano differenze rispetto allo studio tedesco e giapponese. Si tratta , ovviamente di un giudizio relativo.

E' interessante notare che in un altro studio (3), sia stato trovato che il valore medio totale di PCDDs/PCDFs e PCBs, in diversi campioni di latte di tipo commerciale per l'infanzia, in tutti prodotti della UE, mostrava una concentrazione pari a 0.98 pg TEQ/g di grasso, al di sotto quindi dei valori trovati nel latte materno. Questo indicherebbe una minore contaminazione del latte di origine animale rispetto a quello umano.

Note: (1) PCDD/F and dioxin-like PCB in human blood and milk from German mothers.Wittsiepe J. et al.,Chemosphere, 2007 Apr; 67(9): S286-94. Epub 2007 Jan 10.

(2) PCDDs, PCdfs and Co-PCBs in human breast milk samples collected in Tokio, Japan. Tajimi M. et al.,Acta Paediatr. 2004 Aug; 93(8):1098-102

(3) PCDDs, PCDFs and dioxin-like PCBs in food of animal origin. Chovancovà J. et al., Chemosphere, 2005 Dec; 61(9)1305-11. Epub 2005 Apr.25

Articoli correlati

  • Luciana Castellina e gli ambientalisti di Taranto "poco consapevoli" sull'ILVA
    Laboratorio di scrittura
    In risposta ad un appello su Sbilanciamoci

    Luciana Castellina e gli ambientalisti di Taranto "poco consapevoli" sull'ILVA

    Si parla di "giustificata resistenza dei lavoratori (il “meglio morti per cancro che di fame” degli operai Italsider di Taranto) a chi – ambientalisti poco consapevoli – insistono per drastiche chiusure di stabilimenti senza preoccuparsi per le conseguenze sociali che possono derivarne”.
    20 ottobre 2020 - Alessandro Marescotti
  • Onore a quell'operaio ILVA che ha parlato
    Ecologia
    Come le polveri degli elettrofiltri MEEP, contenenti piombo e diossina, fecero il giro dell'Italia

    Onore a quell'operaio ILVA che ha parlato

    Ci raccontò che quelle "polveri velenose" erano state vendute e poi mescolate - da una società con tanto di partita IVA - a interiora di animali e raspi d'uva. Trasformate in palline, venivano poi rivendute come fertilizzante in tutt'Italia.
    1 giugno 2020 - Alessandro Marescotti
  • “Ilva ha venduto le polveri velenose come concimi”
    Ecologia
    Le polveri degli elettrofiltri

    “Ilva ha venduto le polveri velenose come concimi”

    Le indagini della Finanza: fatture per la vendita dei rifiuti trattenuti dai filtri ad aziende che producono fertilizzanti
    Francesco Casula e Antonio Massari
  • PeaceLink
    Si è formato sui testi di Marx ma ha poi approfondito la nonviolenza di Gandhi

    Alessandro Marescotti, una vita per l’ambiente

    Da anni è impegnato nella battaglia di informazione e denuncia del disastro sanitario e ambientale di Taranto e della sua provincia. Un impegno iniziato quando per la prima volta scoprì che l’acciaieria Ilva emetteva diossina
    Gino Martina
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)