Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Insabbiò una pratica, condannato ex direttore Inail

L’accusa è pesante e l’ex operaio dell’Ilva è stato costretto ad andare in pensione con quattro anni di ritardo ed ha vinto anche sette cause in sede civile. La storia di Cosimo Semeraro, ex lavoratore Ilva, presidente dell’Associazione «12 giugno»
17 aprile 2008
Fonte: Gazzetta del Mezzogiorno

- L’accusa è pesante. Avrebbe insabbiato una pratica relativa alla richiesta di prepensionamento presentata da un lavoratore dell’Ilva esposto all’amianto. L’ex direttore dell’Inail Giovanni Sulpizio è stato condannato a 10 mesi di reclusione dal giudice monocratico Valeria Ingenito. L’imputato, difeso dall’avv. Cesare Mattesi, rispondeva di occultamento di atto pubblico.

L’inchiesta fu avviata in seguito a una denuncia presentata da Cosimo Semeraro, ex lavoratore dell’Ilva, attuale presidente dell’Associazione «12 giugno», che coordina i familiari delle vittime del lavoto all’Ilva. Semeraro, affetto da asbestosi, presentò richiesta di prepensionamento in quanto lavorava a contatto con l’amianto. L’operaio prima ottenne il riconoscimento del diritto ad andare in pensione per malattia professionale, poi il provvedimento fu revocato dall’Inail per problemi burocratici.

La sua pratica fu bloccata e Semeraro protestò anche in maniera plateale chiedendo a una banda musicale di suonare le marce funebri sotto la sede dell’Inail. Secondo la tesi dell’accusa, l’allora direttore dell’istituto, Giovanni Sulpizio, prese in antipatia Semeraro e occultò il fascicolo relativo alla richiesta di prepensionamento avanzata dal lavoratore.

Il pm Italo Pesiri, che avviò l’indagine, chiese all’Inail copia della pratica del sig. Semeraro, ma il direttore rispose che non c’era alcuna pratica a nome Semeraro. I carabinieri perquisirono la sede dell’istituto e trovarono il fascicolo nell’ar madietto personale del direttore, chiuso a chiave.

A quel punto scattò l’imputazione di occultamento di atto pubblico per il direttore Sulpizio e per il funzionario Giovanni Cavallini. Quest’ultimo è stato assolto perchè non c’era prova che avesse consapevolezza dell’esistenza del fascicolo incriminato. Cosimo Semeraro, costituitosi parte civile tramite l’avv. Massimo Saracino, ha ottenuto anche il riconoscimento del danno da liquidarsi in separata sede.

L’ex operaio dell’Ilva è stato costretto ad andare in pensione con quattro anni di ritardo ed ha vinto anche sette cause in sede civile

Note: Taranto, 17 aprile 2008

La sentenza dà ragione al signor Cosimo Semeraro

Si è concluso oggi il processo intentato dal Signor Cosimo Semeraro per occultamento e soppressione dei fascicoli relativi all'amianto: nessuna assoluzione per l'ex direttore Inail, ma la condanna a dieci mesi di reclusione.

Articoli correlati

  • Arcelor Mittal: Usb denuncia azienda per mancata sicurezza lavoro
    Taranto Sociale
    Amianto

    Arcelor Mittal: Usb denuncia azienda per mancata sicurezza lavoro

    La denuncia è stata presentata “dopo aver constatato la presenza di dispersione di amianto in una zona in cui operavano diversi lavoratori nello stabilimento di Taranto di ArcelorMittal”. Nel capannone - dice l’Usb - c'erano lavoratori delle ditte in appalto che hanno operato ignari dell'accaduto.
    3 aprile 2019 - AGI
  • Terremoto 2009, non c’è memoria senza giustizia
    PeaceLink Abruzzo

    Terremoto 2009, non c’è memoria senza giustizia

    Nel novembre 2009, grazie all’associazione Kabawil e all’Abruzzo Social Forum, Hebe de Bonafini a nome delle Madres de Plaza de Mayo incontrò i familiari delle vittime della Casa dello Studente. Le Madres hanno insegnato al mondo che memoria fa rima con giustizia, che non c’è vera memoria senza giustizia. E’ quel che hanno testimoniato nell’Argentina post dittatura. E’ quello che, nell’infinita notte mai giunta all’alba e rimasta ferma alle 3.32 del 6 aprile 2009, che L’Aquila, l’Abruzzo e tutti i territori teatri di “tragedie” impongono.
    6 aprile 2017 - Alessio Di Florio
  • "Stragi occultate in nome del profitto" di Moni Ovadia
    Pace

    "Stragi occultate in nome del profitto" di Moni Ovadia

    23 settembre 2016 - Laura Tussi
  • Quel processo avvolto nella nebbia
    Taranto Sociale
    Un mio intervento pubblicato nell'edizione tarantina del Quotidiano di Puglia e Basilicata

    Quel processo avvolto nella nebbia

    A Taranto ci sentiamo solidali con le vittime dell'amianto che hanno visto la Cassazione giudicare prescritto il reato di disastro per cui erano imputati i vertici dell'Eternit.
    27 novembre 2014 - Fulvia Gravame
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)