Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

«L´amaro addio delle tute blu»

"Il sindacato fa quello che vuole il padrone, nessuno pensa più a noi, ci hanno tradito e votiamo Lega". Ai Cancelli, ad ascoltare la classe operaia, prima del voto non è andato nessuno, tranne Lotta Comunista che predica il non-voto. E i siderurgici hanno ascoltato o cambiato bandiera votando Lega.
16 aprile 2008
Giuseppe Filetto
Fonte: L'Espresso

Sinistra L'Arcobaleno "Sono caduto da cinque metri mentre lavoravo e nessuno è venuto a trovarmi". AI Cancelli, ad ascoltare la classe operaia, prima del voto non è andato nessuno, tranne Lotta Comunista che predica il non-voto. E i siderurgici hanno ascoltato o cambiato bandiera votando Lega.

«Rimane la destra e basta - sentenzia Marcel Tosi - la sinistra non esiste più ed io che sono sempre stato di sinistra, senza alternativa non sono andato alle urne». Tosi, cassintegrato e 2 bambine da crescere, vive nello stesso quartiere di Fabio Di Leo, che non è andato a votare neppure lui: «Con mia moglie aspettiamo un bimbo e siamo preoccupati per il nostro ed il suo futuro». Stanno a Voltri, fino a domenica roccaforte rossa. A Voltri, Sampierdarena, San Fruttuoso, Quezzi "dormono" gli operai dell´Ilva: rimasti in 2158, di cui 614 cassintegrati, dopo la chiusura del "caldo".

Molti votavano Rifondazione, Pdci, e coi pennarelli nei bagni delle acciaierie scrivevano "Lega a morte". Dallo spoglio di lunedì sera in questi quartieri la Sinistra Arcobaleno esce con le ossa rotte. Non c´è stato l´effetto risucchio del Pd, ma l´abbraccio con Bossi. A Cornigliano la classe operaia il gioeno dopo le elezioni ridiscende nell´inferno. «Perché questa sinistra non dà più niente - sentenzia Ivano Bonadies, sette anni "bruciati" in colata - così gli operai votano Berlusconi, delusi anche dai sindacati che fanno ciò che ordina il padrone: sono caduto da 5 metri mentre lavoravo e nessuno è venuto in ospedale a chiedere come stavo».

Mastella, Prodi, Veltroni, Burlando, Vincenzi. Tutti in fila. D´altra parte «La gente vuole chiarezza, non confusione e promesse», per dirla come Paolo Cuceli. «Potevano essere più rigidi sugli immigrati - ripete uno dei giovani di Riva, assunto 4 anni fa - a Genova è il problema più grosso, perciò la gente vota destra, come faccio da anni». «Come a Sampierdarena, una valanga di voti alla Lega», osserva Paolo, 56 anni di cui 30 all´Ilva, orecchino al lobo sinistro, capelli argentati sulla schiena. Da ex sessantottino.

La sicurezza è di destra? «Questo Paese deve avere una linea di lecito e di illecito - dice Maria Teresa Patrone, una delle ultime donne (se ne contano solo 4) rimaste in acciaieria - io non sono razzista ed ho votato Veltroni, ma la sinistra che difende tutti, non è credibile». Tessera della Fiom, voto alla Lega: «Ne abbiamo tanti», conferma Armando Palombo, delle Rsu. E la classe operaia, chi la difende? «Nessuno, perciò il giorno delle elezioni rimango a casa», confessa Daniele Tibaldi, 27 anni. E la sinistra? «Rispondo con una domanda: dov´è?», ribatte un collega che preferisce interrogare e scappare.

Le gru smantellano le linee a caldo, tirano su la "zincatura", e la gente cambia casacca. O non vota. «Governo, Regione e Comune hanno cancellato l´altoforno e il lavoro - si sbraccia l´anonimo siderurgico - per la prima volta in vita mia mi sono astenuto». Come Giovanni Caviglia: «La sinistra non ha soddisfatto le aspettative degli operai, perciò non credo più a nulla». Lo hanno copiato i più giovani, assunti dopo il 2000.

Molti coi capelli grigi hanno resistito: «Occorre ammettere che ci siamo confrontati male con la realtà di oggi», cerca di spiegare Giorgio Biasotto di 52 anni. Lui abita a San Fruttuoso, è militante di Rifondazione: «Ma la nostra generazione non è riuscita a trasmettere la coscienza di classe: vedo ragazzi-operai con auto da 35 mila euro, che pensano di essere dei piccoli Berlusca...».

Articoli correlati

  • In ricordo di Alessandro Leogrande
    Cultura

    In ricordo di Alessandro Leogrande

    Il giornalista e scrittore è stato ricordato a Roma a un anno dalla sua prematura scomparsa
    6 dicembre 2018 - Lidia Giannotti
  • Anche gli operai dell'Ilva devono venire alla marcia del 25 febbraio!
    Taranto Sociale
    "Giustizia per Taranto: bonifiche, risarcimenti per la città e la provincia di Taranto, chiusura delle fonti inquinanti e riconversione."

    Anche gli operai dell'Ilva devono venire alla marcia del 25 febbraio!

    Andiamo incontro ad un periodo difficile ed è inutile manifestare separati, gli abitanti di Taranto per la salute da una parte e gli operai dall'altra contro i tagli che sembrano ormai una certezza.
    Chiediamo tutti insieme che si facciano le bonifiche e che gli operai siano reimpiegati in questo settore, dopo la formazione necessaria.
    Altrimenti i lavori non saranno fatti oppure saranno appaltati a ditte del nord.
    11 febbraio 2017 - Fulvia Gravame
  • Manifestazione "Giustizia per Taranto"
    Taranto Sociale
    Il 25 febbraio Taranto scenderà in piazza di nuovo

    Manifestazione "Giustizia per Taranto"

    Prossimi appuntamenti:
    Assemblea pubblica / Riunione organizzativa: giovedì 16 febbraio, ore 19.00, presso Associazione Contro le barriere, Taranto, Via Cugini n. 40;
    Conferenza stampa: sabato 18 febbraio, ore 10,30, presso Associazione ABFO, Via Lago di Montepulciano n.1.
    16 febbraio 2017
  • Poesia, lavoro in fabbrica, sicurezza sul lavoro
    Ecodidattica
    Parole dure come l'acciaio

    Poesia, lavoro in fabbrica, sicurezza sul lavoro

    Incontro di Ecodidattica con il poeta-operaio Vincenzo De Marco
    25 febbraio 2016 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.23 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)