Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Monitoraggio dell'ARPA per l'esplosione nelle Cave

Il recupero degli inerti da demolizione e costruzione è una chimera nel nostro paese e per produrre il cemento richiesto dalle imprese edili, si continuano ad aprire cave e l'attività è in costante aumento. Le aziende faranno in modo di diminuire il disagio degli scoppi.
18 aprile 2008
Fonte: Corriere del Giorno

- STATTE - Il problema delle esplosioni di mine nelle cave è stato l’argomento discusso ieri mattina, in municipio, in una conferenza dei servizi a cui il Comune di Statte ha invitato sia le aziende interessate alla questione, sia gli enti e gli organismi competenti.

L’incontro si è concluso positivamente, ci ha riferito l’assessore all’ambiente, Vincenzo Chiarelli, in quanto in tempi brevi l’Arpa Puglia dovrebbe iniziare un monitoraggio costante per i rilevamenti acustici in quelle abitazioni più vicine alle zone di cava.

Inoltre la aziende invitate, tutte presenti (Ilva, Cava due Mari, Italcave, Calcestruzzi e CMA) si sono impegnate ad acquisire tutti gli ausili tecnici, che saranno suggeriti dall’ufficio minerario della Regione, per ridurre al minimo i disagi delle deflagrazioni. Ancora, il Comune di Statte, avvierà una ricerca per affidare ad un centro universitario specialistico, una indagine seria sulle vibrazioni.

Le aziende coinvolte comunque si sono rese disponibili a sostenerne la spesa economica. " Un punto di partenza importante - sostiene Chiarelli - che pone finalmente la problematica anche all’attenzione degli organismi preposti. Alla conferenza di oggi erano presenti tutti, anche una rappresentanza di cittadini residenti nella contrada Feliciolla, la zona più vicina alle cave. Oggi abbiamo avuto le prime risposte e registrato l’impegno delle aziende, dell’Agenzia Regionale per l’Ambiente, del settore minerario della Regione nonché l’attenzione delle forze dell’ordine: la Questura di Taranto.

Il problema delle esplosioni è stato sollevato da tempo agli organismi preposti - prosegue - in quanto rappresenta un serio pericolo per i cittadini stattesi che risiedono specialmente in quella contrada. E’ dal 2002 che i cittadini lamentano, a causa delle forti esplosioni dovute probabilmente dai lavori di estrazione mineraria nelle cave limitrofe, importanti lesioni sulle strutture murarie delle proprie abitazioni, crepe e lesioni che possono rappresentare un grave pericolo per la loro incolumità.

Bisogna anche non trascurare i boati delle esplosioni, prosegue l’assessore. Nel corso degli anni, le diverse amministrazioni si sono impegnate nella ricerca di una soluzione: nel 2004 l’allora assessore all’ecologia Marinò, nel 2005 il Commissario prefettizio dott. Paglialonga e il primo giugno 2007 , il sindaco Miccoli inoltra all’Arpa Puglia e all’Ufficio Minerario della Regione un ennesimo sollecito allegando anche un dettagliato elenco di residenti che hanno subito lesioni alle proprie abitazioni e le testimonianze sui disagi causati dalle deflagrazioni.

La conferenza dei servizi - conclude l’assessore Chiarelli - ci è parsa un’occasione di confronto indispensabile perché ha messo insieme tutte le parti interessate. Siamo certi che possa essere l’inizio della via risolutiva. I cittadini sono esasperati e bisogna fornire risposte concrete che arriveranno non appena saranno avviate queste prime tre fasi di controllo, di studio e di contenimento a cui il Comune di Statte parteciperà attivamente".

Alla conferenza erano inoltre presenti il responsabile del settore ambiente del Comune di Statte, ing. De Molfetta, il tecnico De Felice e il consigliere comunale Adeo Ostilio.

Note: Pubblichiamo a tal proposito un articolo di Greenreport

Il business delle cave, tra regi decreti e concessioni di pochi centesimi

LIVORNO. Il recupero degli inerti da demolizione e costruzione è una chimera nel nostro paese e per produrre il cemento richiesto dalle imprese edili, si continuano ad aprire cave e l'attività è in costante aumento. Lo descrive bene Legambiente che ha presentato oggi a Ferrara, nell'ambito del Festival della città e del territorio, un dossier che raccoglie tutti i numeri sulla gestione dell'attività estrattiva in Italia. 10 mila le cave abbandonate, 5.725 quelle in funzione; tariffe di concessione ridicole, (addirittura inesistenti al Sud) a fronte di un giro di affari di circa 5 miliardi di euro l'anno per il solo settore degli inerti. Per regolarne la gestione un regio decreto del 1927 e metà delle Regioni senza nemmeno un piano cave, che fissi le quantità estraibili.

La Puglia, con 617 cave attive, è la regione che estrae di più inerti; la seguono il Veneto (594), la Sicilia (580), la Lombardia (494, che guida anche la classifica delle cave dismesse con 2.543 aree abbandonate) la Sardegna (397), il Piemonte (332) e il Lazio (318). Ma il primo posto per quantità estratta spetta alla Sicilia con oltre 113 milioni di metri cubi nel 2006, con il dato impressionante della provincia di Palermo con più di 57 milioni di metri cubi di calcare estratto. E spicca anche la Provincia di Trento, con oltre 32milioni di metri cubi di inerti cavati.

In Provincia di Livorno invece, sono dieci anni che si preferisce cavare dalle colline di Campiglia, quanto si potrebbe recuperare materiale dai residui di processo della Lucchini: circa 1 milione di tonn/anno. La piattaforma della Tap non è ancora in funzione, la Sales continua a cavare e al materiale che la Lucchini potrebbe vendere e riutilizzare gli vengono messe barriere di ogni tipo.

Nel 2006 sono state consumate quasi 47 milioni di tonnellate di cemento, per una media di 813 chili per ogni cittadino a fronte di una media europea di 625. Tutto questo in assenza di piani cava in ben 10 regioni, con la conseguenza di dare pieno potere discrezionale a chi rilascia le autorizzazioni (e di renderlo vulnerabile nei confronti delle ecomafie del cemento) e con tariffe di concessione che valgono in media pochi centesimi di euro e alimentano invece un mercato che solo per gli inerti vale almeno 5 miliardi l'anno.

«Ridurre il prelievo di cava si può, come dimostrano le esperienze di altri Paesi europei - spiega Edoardo Zanchini, responsabile del settore urbanistica di Legambiente - Quasi il 60% di quanto viene cavato sono inerti, principalmente ghiaia e sabbia e altri materiali per il cemento. Occorre ridurre il prelievo di materiali dal suolo grazie al riciclo degli inerti e rivedere profondamente i canoni di concessione. In molti Paesi europei il riciclo di inerti ha già superato il 90%; l'Italia è solo al 10% ma grazie a macchinari e centri di riciclo più grandi e organizzati può fare un salto di qualità a standard europei».

Per Legambiente è poi necessario definire al più presto un nuovo quadro normativo, mirato a ridurre il consumo di inerti di cava nell'industria delle costruzioni, rafforzare controllo e tutela del territorio, spingere l'innovazione del settore, rivedere il meccanismo di fiscalità. È anche necessario definire per tutto il territorio nazionale alcuni standard minimi relativi alle aree in cui l'attività di cava è vietata ed estendere le procedure di VIA a tutte le richieste di cava, senza limiti di dimensione. Così come è urgente definire i criteri per il recupero delle diverse tipologie di cave dismesse.

Importante per Legambiente l'aspetto legato ai meccanismi di fiscalità.

«Non solo perché è assurdo che il costo del prelievo sia così basso o addirittura pari a zero - conclude Zanchini - ma anche per il costo eccessivo del conferimento in discarica dei rifiuti provenienti dall'edilizia. Grazie a un'attenta incentivazione, occorre favorire il riutilizzo dei materiali di scavo e di demolizione come aggregati riciclati per tutti gli usi compatibili. La prospettiva è quella di una moderna filiera dove, al posto del conferimento in discarica, siano le stesse imprese a gestire il processo di demolizione selettiva e di riciclo dei materiali, che correttamente lavorati possono diventare una eccellente alternativa agli inerti e agli aggregati per il cemento. E' la strada intrapresa nei principali Paesi europei».

Articoli correlati

  • Aiuti di Stato, Alitalia e ILVA
    Economia
    Il Trattato di funzionamento dell'UE vieta gli aiuti di Stato

    Aiuti di Stato, Alitalia e ILVA

    Per il Financial Times l'Antitrust Ue avrebbe deciso di ritenere aiuti illegali i 900 milioni incassati nel 2017 da Alitalia. Per i restanti 400 del 2019 bisognerà attendere. La questione riguarda anche la più grande acciaieria italiana e il M5S per il finanziamento da 705 milioni di euro all'ILVA.
    10 settembre 2021 - Alessandro Marescotti
  • Edoardo Bennato: "Mio padre ha lavorato nell’Italsider e mi sento vicino alla vicenda ILVA"
    Cultura
    "Vendo Bagnoli" è la canzone dedicata alla chiusura del polo siderurgico napoletano

    Edoardo Bennato: "Mio padre ha lavorato nell’Italsider e mi sento vicino alla vicenda ILVA"

    "L'Italsider di Bagnoli - ha detto a Taranto - poi fu chiusa e si disse che si sarebbe valorizzato il turismo in quell’area perchè si poteva fare. Anche Taranto è una bella città che ha potenzialità turistiche e io mi auguro che si possa delineare un futuro migliore per tutti voi”.
    Redazione PeaceLink
  • Cokeria ILVA, la batteria più grande verrà fermata
    Ecologia
    Intervento di PeaceLink al TAR Lazio è andato a buon fine

    Cokeria ILVA, la batteria più grande verrà fermata

    La batteria 12 è una delle quattro attualmente in funzione in fabbrica che servono ad alimentare di carbon coke gli altiforni. “La batteria 12 - dicono le fonti dell’azienda - avvierà la fase finale di ambientalizzazione l’1 settembre. Tale fase richiede la sospensione della produzione".
    26 agosto 2021
  • "Piantare alberi per compensare la CO2 dello stabilimento ILVA"
    Taranto Sociale
    Dopo il rapporto ONU sui cambiamenti climatici per PeaceLink occorre porre fine al carbone

    "Piantare alberi per compensare la CO2 dello stabilimento ILVA"

    Partendo dal fatto che “Taranto è maglia nera delle città italiane con solo 9 metri quadri di verde urbano per abitante”, Peacelink propone: “Sarebbe straordinario vedere i lavoratori dell'Ilva in esubero ripagare la città dei danni inferti con un programma di riassorbimento della CO2”.
    9 agosto 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)