Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Assennato: presto faremo anche i controlli sugli alimenti

Il direttore generale dell’Arpa, Giorgio Assennato, auspica che a breve il Dipartimento di Taranto possa anche ottenere l’estensione dell’accreditamento per le analisi di diossina e altre sostanze inquinanti sulle matrici alimentari.
21 maggio 2008
Maria Rosaria Gigante
Fonte: Gazzetta del Mezzogiorno

- Possono finalmente essere eseguite a Taranto le analisi per diossina, Pcb (policlorobifenili) e Ipa (idrocarburi policiclici aromatici) su campioni di suolo, aria ed acqua, prima solitamente inviati in laboratori accreditati sparsi in giro per l’Italia. E’ attivo dall’inizio del mese - così come annunciato - laboratorio locale del Dipartimento dell’Arpa, l’Agenzia regionale di protezione ambientale, diventato autonomo da questo punto di vista.

Il direttore generale dell’Arpa, Giorgio Assennato, auspica che a breve il Dipartimento di Taranto possa anche ottenere l’estensione dell’accreditamento per le analisi di diossina e altre sostanze inquinanti sulle matrici alimentari. Il che significherebbe forse poter analizzare la situazione in maniera più capillare e probabilmente anche con tempi molto più rapidi rispetto a quelli attuali.

Bisognerà, invece, ricorrere ancora una volta al laboratorio Inca di Venezia per le analisi che dovranno essere eseguite col nuovo campionamento dell’Arpa sulle emissioni di diossina al camino dell’impianto di agglomerazione dell’Ilva, al via il prossimo 9 giugno. Sarà possibile visitare il nuovo laboratorio dell’Arpa il prossimo 5 maggio. Servirà a poter conoscere l’attività scientifica dell’agenzia sui microinquinanti nelle varie matrici ambientali.

Ma la giornata sarà anche l’occasione per fare il punto su un tema scottante: l’incidenza delle emissioni di diossina sulla salute umana. Un tema ancora non troppo sviscerato. Se ne parlerà nell’ambito di un convegno (in programma nel pomeriggio del 5) con l’assessore regionale alla Salute, Alberto Tedesco.

Intanto, soprattutto dopo il caso del formaggio alla diossina, che ha comportato una lunga campagna di monitoraggio su latte, formaggi, e poi olive, carni, vegetali, mitili e pesce, su cui vengono annunciate dalle autorità
competenti alcuni dati positivi, la preoccupazione dei consumatori è in crescita.

I campioni alimentari sotto esame sono stati inviati all’Istituto zooprofilattico di Teramo, a quello di Foggia e al laboratorio interuniversitario Inca di Lecce. Tecnicamente ora le analisi potrebbero essere eseguite qui, dice Assennato. «Siamo fiduciosi di poter avere presto l’estensione dell’accreditamento - chiarisce -. E’ una questione tecnica che va risolta con l’Istituto superiore di Sanità».

Un problema che in qualche misura riguarda anche la disponibilità di una sede idonea, ma Assennato non se la sente assolutamente di attribuire alcuna responsabilità agli enti locali che anzi - dice -«stanno prodigandosi». Se, al momento, infatti, il laboratorio è stato attrezzato in due locali resi idonei, entro l’inizio del nuovo anno è previsto il trasferimento del Dipartimento in alcuni locali all’interno del porto con una cessione in comodato d’uso gratuito.

Oltre all’aspetto logistico e strumentale, c'è però un aspetto legato all’organico. «C'è l’impegno della Regione - aggiunge Assennato - per l’assunzione di 15 unità. La copertura finanziaria c'è, sono fondi della Sanità. Siamo in attesa di una risposta che possa consentire una deroga ai vincoli del patto di stabilità ed assumere definitivamente questo personale»

Articoli correlati

  • Onore a quell'operaio ILVA che ha parlato
    Ecologia
    Come le polveri degli elettrofiltri MEEP, contenenti piombo e diossina, fecero il giro dell'Italia

    Onore a quell'operaio ILVA che ha parlato

    Ci raccontò che quelle "polveri velenose" erano state vendute e poi mescolate - da una società con tanto di partita IVA - a interiora di animali e raspi d'uva. Trasformate in palline, venivano poi rivendute come fertilizzante in tutt'Italia.
    1 giugno 2020 - Alessandro Marescotti
  • “Ilva ha venduto le polveri velenose come concimi”
    Ecologia
    Le polveri degli elettrofiltri

    “Ilva ha venduto le polveri velenose come concimi”

    Le indagini della Finanza: fatture per la vendita dei rifiuti trattenuti dai filtri ad aziende che producono fertilizzanti
    Francesco Casula e Antonio Massari
  • PeaceLink
    Si è formato sui testi di Marx ma ha poi approfondito la nonviolenza di Gandhi

    Alessandro Marescotti, una vita per l’ambiente

    Da anni è impegnato nella battaglia di informazione e denuncia del disastro sanitario e ambientale di Taranto e della sua provincia. Un impegno iniziato quando per la prima volta scoprì che l’acciaieria Ilva emetteva diossina
    Gino Martina
  • Una figlia racconta l'amore per la terra di suo padre che poi ha dovuto combattere la diossina
    Taranto Sociale
    Per qualcuno l'amore per la terra è una vocazione

    Una figlia racconta l'amore per la terra di suo padre che poi ha dovuto combattere la diossina

    Don Angelo Fornaro è il proprietario della Masseria Carmine, una delle sette danneggiate dalla diossina. E' presente a tutte le udienze del processo "Ambiente svenduto" che deriva anche da un suo esposto. Il 13 luglio 2019 ha compiuto 85 anni e sua figlia ha voluto raccontare la sua storia.
    21 luglio 2019 - Rosanna Fornaro
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)