Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Massafra (TA)

PRC: per l'inceneritore avviare la consultazione dei cittadini

Il Sindaco e Presidente ATO/1 Tamburrano deve avviare la consultazione dei cittadini e favorire la loro partecipazione alla procedura di V.I.A., dichiari se intende farlo. Un sindaco non deve sfuggire a questioni di questa rilevanza liquidandole come semplici procedure di carattere burocratico.
12 giugno 2008
Maurizio Baccaro (Segreteria Provinciale PRC Taranto)

- L'Unione Europea conferma che l'inceneritore di Massafra andava sottoposto alla Valutazione di Impatto Ambientale (V.I.A.) prima di essere autorizzato e che la procedura avviata nel 2007, con l'impianto già in esercizio, non garantisce il diritto di partecipazione dei cittadini. Il Sindaco e Presidente ATO/1 Tamburrano deve avviare la consultazione dei cittadini e favorire la loro partecipazione alla procedura di V.I.A., Dichiari se intende farlo.

Un sindaco non deve sfuggire a questioni di questa rilevanza liquidandole come semplici procedure di carattere burocratico ma deve garantire innanzitutto la tutela della salute dei cittadini e la trasparenza degli atti.

Questa situazione è stata causata dalla scelta sbagliata con la quale l'ex governatore Fitto decise che per quell'impianto non serviva la V.I.A. ma una procedura semplificata che di fatto la raggirava.

La Corte di Giustizia Europea ha già condannato l'Italia (sentenza del 23 novembre 2006) per la violazione della Legge sulla Valutazione d’Impatto Ambientale.

Le affermazioni di Tamburrano, secondo il quale all'epoca dell'autorizzazione le leggi non prevedevano che si facesse la V.I.A., si infrangono sulla realtà della sentenza della Corte di Giustizia, d'altra parte se c'era una procedura semplificata alla quale Fitto aveva fatto ricorso è del tutto evidente che c'era anche una procedura ordinaria che poteva e doveva essere seguita.

Apprendiamo dalla stampa che le emissioni dell'inceneritore sarebbero "costantemente monitorate": Possiamo sapere allora dal Presidente ATO e dal Sindaco Tamburrano quali sono i livelli di emissioni e dove si possono consultare? A noi non risulta che il Comune di Massafra e l'ATO/1 abbiano fatto mai richiesta di controlli all'ARPA sulle emissioni dal camino.

Tamburrano ha dichiarato che l'aumento della tassa per i cittadini sarebbe giustificato dal fatto che "essere eccellenti costa"! Avere nel proprio Comune un inceneritore autorizzato senza Valutazione d'Impatto Ambientale e una percentuale di raccolta differenziata del 1,2% sarebbe l'eccellenza?

Tamburrano dovrebbe iniziare a dare spiegazioni sul suo operato e trarne le conseguenze, considerando che: l'ATO/1 è quello più indietro con la raccolta differenziata e il Comune con la percentuale più bassa (Massafra) è proprio quello, da lui amministrato, dove è in funzione l'inceneritore in questione.

Se tutto questo significa "essere eccellenti", ecco forse spiegato il perchè nei 12 Comuni dell'ATO/1 (da Taranto a Ginosa) i cittadini, non solo non traggono benefici dalla produzione tanto sbandierata di energia elettrica dall'inceneritore ma fanno la raccolta differenziata più bassa della Regione e di conseguenza pagano una tassa rifiuti altissima.

Articoli correlati

  • Ecodidattica

    Curriculum di Alessandro Marescotti

    27 novembre 2016
  • Il comunicato di PeaceLink sul latte vaccino contaminato
    Ecologia
    Diossina nei bovini a Massafra, in provincia di Taranto

    Il comunicato di PeaceLink sul latte vaccino contaminato

    Fino a ora la diossina era stata considerata solo un problema delle pecore e delle capre che avevano pascolato attorno all'ILVA: Adesso si scopre che la contaminazione è arrivata a oltre dieci chilometri, nelle campagne di Massafra. Ma come è arrivata lì la diossina?
    27 gennaio 2015 - Alessandro Marescotti
  • Abruzzo, alza la testa, la VIA è la Lotta
    PeaceLink Abruzzo
    Martedì 10 è solo l'inizio di una lotta di popolo e dignità

    Abruzzo, alza la testa, la VIA è la Lotta

    La mobilitazione di oltre cento persone da tutt'Abruzzo, partita dal WWF e da Rifondazione Comunista, sotto la sede della Regione ha ottenuto la bocciatura da parte della Commissione VIA(Valutazione d'Impatto Ambientale) di due progetti che minacciavano la Riserva di Punta Aderci(Vasto) e il lago di Bomba
    12 aprile 2012 - Alessio Di Florio
  • L'Isde ancora sul progetto Moniter
    Ecologia
    Precauzione prima dei nuovi impianti

    L'Isde ancora sul progetto Moniter

    Una comunicazione più dettagliata della società italiana di medici per l'ambiente a proposito del progetto Moniter per il controllo delle emissioni degli inceneritori dell'Emilia Romagna
    30 gennaio 2012 - Andrea Aufieri
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)