Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Arpa, 3mila domande per trentanove posti

Concorsi dell´agenzia delegata alla protezione ambientale. Caccia a tecnici e dirigenti. Settanta precari da stabilizzare, 33 tecnici e 6 dirigenti da reclutare con concorso entro fine anno.
18 giugno 2008
Fonte: Repubblica

- L´Arpa prova a darsi un´organizzazione stabile. Il calendario che darà forma compiuta all´agenzia regionale per la protezione ambientale della Puglia, è stato illustrato ieri dall´assessore regionale all´Ecologia Michele Losappio, dal direttore generale dell´Arpa, Giorgio Assennato e dal direttore amministrativo dell´agenzia, Marco De Nicolò.

Impegnata nelle emergenze ambientali a Taranto come nei casi di discariche abusive, l´Arpa sta utilizzando quanto previsto dalla legge regionale 4 ottobre 2006 che dal 16 giugno ha anche un regolamento attuativo. «Ora possiamo dire di aver messo l´agenzia - ha detto Losappio - nelle condizioni di rispondere alle funzioni previste dalla legge. Il regolamento è stato sottoposto a lunga concertazione con i sindacati. Infatti, per funzionare al meglio, l´Arpa ha bisogno di personale in una struttura pubblica dove vige il patto di stabilità. Con due leggi il consiglio regionale ha permesso le assunzioni per concorso di personale e la stabilizzazione: mentre a livello nazionale il governo ha deciso di stoppare le stabilizzazioni nell´enorme bacino della pubblica amministrazione, in Puglia si continua a lottare contro il precariato di Stato».

Da qui il via ai concorsi per 33 figure professionali e 6 dirigenti: è la prima volta che l´Arpa assume per concorso, avendo personale proveniente dalle Asl oltre ai precari di vario tipo, provenienti da progetti ministeriali (tutti già assunti) o da progetti regionali (in via di stabilizzazione mediante selezione). «L´obiettivo è di stabilizzare circa 70 persone tra i precari», ha assicurato Losappio. Il direttore Assennato ha spiegato che l´Arpa «nasce come sommatoria dei presidi multizonali di prevenzione delle Asl, una struttura che non risponde a criteri organizzativi moderni. Adesso l´Arpa è stata riorganizzata per settori ambientali e dipartimenti, separando le funzioni di laboratorio da quelle di sportello territoriale». Sui concorsi, De Nicolò ha detto che sono arrivate tremila domande per 30 posti di vario tipo, 200 le domande per i 6 posti di dirigente: «Entro fine anno, con vari step - ha concluso - le procedure saranno tutte concluse».

Articoli correlati

  • Alcune domande a Nichi Vendola sul processo ILVA
    Editoriale
    Perché non richiese alcuna indagine epidemiologica come quella commissionata dal GIP Todisco?

    Alcune domande a Nichi Vendola sul processo ILVA

    Il pubblico ministero a Taranto ha parlato di una gestione "sciagurata e criminale" dell'ILVA. Da giorni focalizza e approfondisce in modo dettagliato una lunga serie di fatti che lasciano sconcertati. Ma chi governava sapeva?
    8 febbraio 2021 - Alessandro Marescotti
  • La stima di Nichi Vendola verso Emilio Riva
    Ecologia
    La dichiarazione di Vendola è apparsa sulla rivista trimestrale "Il Ponte" nel 2011

    La stima di Nichi Vendola verso Emilio Riva

    "Chiesi ad Emilio Riva, nel mio primo incontro con lui, se fosse credente, perché al centro della nostra conversazione ci sarebbe stato il diritto alla vita. Credo che dalla durezza di quei primi incontri sia nata la stima reciproca che c’è oggi".
    24 luglio 2020 - Redazione PeaceLink
  • Come segnalare alle autorità le emissioni odorigene?
    Ecologia
    Un sito dell'Arpa Puglia per segnalare le "puzze"

    Come segnalare alle autorità le emissioni odorigene?

    Le cosiddette "puzze" perseguitano chi abita o lavora vicino a alcuni siti quali discariche, oleifici o industrie e spesso i cittadini non sanno come reagire e a chi rivolgersi.
    15 marzo 2020 - Fulvia Gravame
  • Lo Stato contro lo Stato a Taranto in materia di bonifiche interne allo stabilimento Ilva
    Ecologia
    Il TAR del Lazio interviene a tutela della salute

    Lo Stato contro lo Stato a Taranto in materia di bonifiche interne allo stabilimento Ilva

    Il TAR del Lazio accoglie le tesi di ARPA Puglia e respinge il ricorso di ILVA in A.S. e impone di intervenire sull'inquinamento della falda.
    Occorre fare la caratterizzazione e le bonifiche delle aree interne degli impianti Ilva.
    22 gennaio 2020
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)