Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

«Troppi otto anni per ridurre la diossina»

La nuova denuncia del pediatra promotore dell'associazione «Bambini contro l'inquinamento». Merico: «Enti locali e Regione si muovano, negli ultimi mesi emissioni record. Il campionamento va fatto sul ciclo delle 24 ore e senza preavviso»
29 giugno 2008
Cesare Bechis
Fonte: Corriere del Mezzogiorno

- TARANTO — «Sul cronoprogramma presentato dall'Ilva mi aspetto che gli enti locali dicano una parola chiara e precisa. Per ora ho sentito soltanto le osservazioni molto critiche delle associazioni degli ambientalisti, ma nulla da parte di chi ci amministra». Il dottor Giuseppe Merico, guida dell'associazione tarantina «Bambini contro l'nquinamento » prosegue la sua iniziativa per creare una coscienza ecologista collettiva e per svegliare sempre di più chi mostra un animo assopito o rassegnato di fronte ai problemi legati all'avvelenamento dell'ambiente in cui i tarantini vivono.

Dottor Merico, lei sollecita Comune, Provincia e Regione ad esprimersi dopo la presentazione del cronoprogramma. Perché?

«E' stato fatto un convegno nel quale sono stati portati dati ed elementi di conoscenza di fronte ai quali non si può tacere. L'Ilva ha poi illustrato pubblicamente il suo programma di interventi per abbattere l'inquinamento, ma al di là degli ambientalisti, non ho sentito una sola parola da parte di Arpa ed enti locali».

Cosa vuole che facciano?

«Secondo me, il professor Assennato (direttore generale dell'Arpa, ndr) dovrebbe manifestare il suo parere tecnico. Inoltre gli enti locali dovrebbero valutare le proposte dell'Ilva e far sapere alla cittadinanza cosa ne pensano. Fino a questo momento, se restiamo alle considerazioni fatte dagli ambientalisti, l'autorizzazione integrata ambientale non dovrebbe essere concessa perché il cronoprogramma presentato dall'azienda è lacunoso ».
Lei sa che gli ambientalisti tendono a vedere sempre nero e talvolta esagerano.

«E' probabile che gli ambientalisti siano abituati a vedere nero. Però a me sembra esagerato aspettare tanto tempo per l'abbattimento degli elementi inquinanti. In sostanza l'Ilva s'è presa otto anni di tempo per ridurre le emissioni di diossina. Francamente credo che sia troppo, ambientalisti o no. Il 2014 è una data assurda come traguardo».

Cos'altro chiede agli enti locali?

«A Regione, Comune e Provincia chiediamo di recepire le osservazioni fatte a Roma dalle associazioni che fissano limiti e tempi degli inquinanti. Non bisogna solo prendere atto, occorre fare un passo in avanti e le osservazioni devono essere fatte proprie. Inoltre gli enti locali devono fare un appello al ministero perché il campionamento delle emissioni venga effettuato sul ciclo delle 24 ore. Farlo saltuariamente e con preavviso serve a poco per ottenere il quadro reale della situazione. Secondo me tutti i consulenti devono esprimersi su questo punto».

Il consulente della Provincia di Taranto s'è già espresso. Che ne dice?

«Secondo Peacelink il consulente della Provincia, Vito Balice, ha definito idoneo il piano dell'Ilva per la riduzione dell'impatto ambientale. Secondo me, al contrario, va ritirato perché non dice di quanto devono diminuire le sostanze. Sono convinto che ad ogni consulente bisogna chiedere la massima trasparenza. Ma non c'è solo questo problema".

Che altro?

«Abbiamo il problema del superamento dei limiti del pm10. Nei primi sei mesi credo che abbiamo sforato più di quanto previsto dalle norme. Anche in questo caso non scatta alcun provvedimento, eppure la legge parla chiaro. In altre città lo fanno. Da noi no».

Articoli correlati

  • Inquinavano e credevano in Dio
    Ecologia
    Il fervido cattolicesimo dei Riva

    Inquinavano e credevano in Dio

    E' crollato definitivamente il sistema di potere che veniva benedetto e celebrato a Pasqua e Natale in fabbrica, con generose donazioni dai Riva all'ex arcivescovo di Taranto monsignor Benigno Papa.
    11 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
  • Taranto, cronaca di un disastro ambientale
    PeaceLink
    Relazione sul webinar di PeaceLink

    Taranto, cronaca di un disastro ambientale

    Di fronte all'inquinamento del polo industriale e in particolare dello stabilimento siderurgico vi è stata, dal 2008 in poi, una crescita della cittadinanza attiva. La società civile organizzata, supportata dai dati scientifici dell'Arpa Puglia, ha saputo contrastare lo strapotere dei Riva.
    10 giugno 2021 - Laura Tussi
  • Sentenza Ambiente Svenduto, confiscati gli impianti dell'area a caldo ILVA
    Editoriale
    Condanne durissime, condannati anche i politici

    Sentenza Ambiente Svenduto, confiscati gli impianti dell'area a caldo ILVA

    Nessuno aveva mai parlato della diossina a Taranto prima del 2005. Fummo noi a prenderci la responsabilità e i rischi di denunciarlo pubblicamente. Oggi è una grande giornata di liberazione dopo una lunga resistenza e tante vittime. Venivamo chiamati "allarmisti" ma avevamo ragione noi.
    31 maggio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Il momento più duro
    Ecologia
    Riflessioni dopo la condanna di Nichi Vendola

    Il momento più duro

    Sono stata portavoce di Nichi nel 2005 la prima volta che si è candidato alla presidenza della Puglia. Il problema vero è che Nichi ha cercato di avere come interlocutori, e di più, come alleati, i Riva. All’epoca già sotto inchiesta. Parlava di stima reciproca.
    7 giugno 2021 - Francesca Borri
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)