Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

30 mila tonnellate di rifiuti da bruciare dell'inceneritore di Massafra: grazie Regione Puglia!

Come bruciare monnezza a Taranto senza consultare la popolazione interessata. La Regione Puglia sta compiendo l'ennesima azione che mostra tutta l'inconsistenza di una campagna di promesse e abbatte l'ennesimo colpo mortale sulla martoriatissima area tarantina.
2 luglio 2008
Comitato per Taranto

- Non bastano il 90 e passa per cento della diossina, le quantità stratosferiche di mercurio e pcb, la CO2, tutti i metalli pesanti e le polveri ad evitare che il territorio Jonico, dichiarato già ad alto rischio di crisi ambientale, diventi anche la spazzatura d'Italia!

Non vogliamo le letterine dei bambini pubblicate nella bella collana regionale, vogliamo i fatti che parlano chiaro. Nei fatti si legge che mentre non è ancora attivata nessuna strategia efficace e provata di riduzione dell'impatto di tutta l'attività industriale, la Regione Puglia, "accoglierà" 30 milioni di chili di immondizia indifferenziata della peggior specie, che saranno bruciati tutti sotto al naso di tarantini e massafresi!

Come non rilevare la debolezza della "pregiatissima" classe politica locale che si vanta di appoggiare la legge di iniziativa popolare per il diritto alla prossimità nello smaltimento dei rifiuti (poi bocciata) per poi, alla prima occasione, coprirci di monnezza senza consultare la popolazione interessata, senza valutare l'impatto in termini di diossina (quella trovata nei formaggi, nella carne, nei pozzi e anche nel latte delle mamme tarantine), di nanopolveri e di altri inquinanti tossici che l'impianto obsoleto di Massafra scaricherà su cittadini, aranceti, uliveti, terra, aria e acqua.
Cosa pensare, allora, di tutta la campagna sull'emergenza rifiuti con la quale stanno cercando di riaprire il vecchio e decrepito inceneritore di Taranto, se poi si permettono il lusso di caricarci 30.000 tonnellate di rifiuti forestieri (e pensare che la Lombardia ne accoglierà solo 6.000!).

Perchè poi tutti a Taranto che già, nonostante l'emergenza, si prende la gran parte dei rifiuti leccesi e li conserva nelle sue discariche, mentre il leccese si vanta di essere il territorio a maggiore vocazione turistica della Puglia?
Perchè quegli stessi rifiuti campani, i foggiani non vogliono neanche vederli passare sulla loro terra e organizzano manifestazioni e presidi?

Perchè i tedeschi hanno chiuso le porte alle ecoballe dopo aver riscontrato, ben mescolati, rifiuti tossici speciali e persino materiale radioattivo?

I cittadini tarantini sono stanchi di essere raggirati dietro il miraggio dello sviluppo, del turismo e della sostenibilità mentre la realtà è quella di una politica debole, che non è più in grado di accogliere e rappresentare le aspirazioni della gente, che non costruisce se non per distruggere ancora e peggio di prima.

Mentre scriviamo, un altro operaio si è spento all'Ilva mentre lavorava, approfittiamo per esprimere alla sua famiglia tutto il cordoglio dei suoi concittadini e per gridare a chi non ha più orecchi per sentire l'allarme di una città e di un territorio segnato, ancora una volta, da scie di morte, distruzione e malattie.

Per il Comitato per Taranto

Michele Carone
Giulio Farella
Lucrezia Maggi
Luigi Oliva
Antonietta Podda

Articoli correlati

  • Inquinavano e credevano in Dio
    Ecologia
    Il fervido cattolicesimo dei Riva

    Inquinavano e credevano in Dio

    E' crollato definitivamente il sistema di potere che veniva benedetto e celebrato a Pasqua e Natale in fabbrica, con generose donazioni dai Riva all'ex arcivescovo di Taranto monsignor Benigno Papa.
    11 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
  • Taranto, cronaca di un disastro ambientale
    PeaceLink
    Relazione sul webinar di PeaceLink

    Taranto, cronaca di un disastro ambientale

    Di fronte all'inquinamento del polo industriale e in particolare dello stabilimento siderurgico vi è stata, dal 2008 in poi, una crescita della cittadinanza attiva. La società civile organizzata, supportata dai dati scientifici dell'Arpa Puglia, ha saputo contrastare lo strapotere dei Riva.
    10 giugno 2021 - Laura Tussi
  • Sentenza Ambiente Svenduto, confiscati gli impianti dell'area a caldo ILVA
    Editoriale
    Condanne durissime, condannati anche i politici

    Sentenza Ambiente Svenduto, confiscati gli impianti dell'area a caldo ILVA

    Nessuno aveva mai parlato della diossina a Taranto prima del 2005. Fummo noi a prenderci la responsabilità e i rischi di denunciarlo pubblicamente. Oggi è una grande giornata di liberazione dopo una lunga resistenza e tante vittime. Venivamo chiamati "allarmisti" ma avevamo ragione noi.
    31 maggio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Il momento più duro
    Ecologia
    Riflessioni dopo la condanna di Nichi Vendola

    Il momento più duro

    Sono stata portavoce di Nichi nel 2005 la prima volta che si è candidato alla presidenza della Puglia. Il problema vero è che Nichi ha cercato di avere come interlocutori, e di più, come alleati, i Riva. All’epoca già sotto inchiesta. Parlava di stima reciproca.
    7 giugno 2021 - Francesca Borri
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)