Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Tra una settimana pronti i nuovi dati sulla diossina Ilva

Arpa per la Regione e Cnr per l’azienda hanno concluso il terzo campionamento. Il responso arriverà da un laboratorio di Marghera. L’Arpa ha a Taranto l’attrezzatura adatta per questo tipo di lavoro ma non è ancora accreditata
1 luglio 2008
Maria Rosaria Gigante
Fonte: Gazzetta del Mezzogiorno

- Completate sabato scorso le operazioni di prelievo nell’ambito della terza campagna di monitoraggio delle emissioni di diossina al camino dell’impianto di agglomerazione dell’Ilva. Le operazioni avevano subito uno slittamento di oltre una settimana a causa delle condizioni meteorologiche. Due gli autori anche di quest’ultimo campionamento: l’Ilva che per le analisi si è affidata al Cnr e l’Arpa Puglia per conto istituzionale. «Potremo avere i primi risultati di questo ultimo campionamento - dicono il direttore generale dell’Arpa, Giorgio Assennato, ed il responsabile del dipartimento locale, Gioacchino Di Natale - nel giro di un paio di settimane». E’ media - mente questo il tempo richiesto dal laboratorio dell’Inca di Marghera per effettuare tali analisi.

Nonostante l’attrezzatura di cui attualmente dispone il Dipartimento tarantino, che è in grado di eseguire le analisi dei campioni di fumi ma non è ancora accreditata allo scopo, e per garantire continuità di criteri di analisi con il passato, l’Arpa anche stavolta ha preferito affidarsi allo stesso laboratorio a cui si era rivolta per i primi due campionamenti. Non sarà così la prossima volta, assicurano i responsabili dell’Arpa. Invece saranno eseguite questa volta a Taranto le analisi delle polveri presenti nei campioni di aria che anche nel corso dell’ultimo campionamento, come ccaduto per il precedente, sono stati prelevati dall’Arpa.

E’ stata utilizzata in questo caso la nuova strumentazione di cui il Dipartimento locale si è dotato. La volta precedente, invece, anche queste indagini furono effettuate in un laboratorio esterno, l’Inca di Lecce.

Le modalità di campionamento dei fumi dal camino dell’impianto di agglomerazione dell’Ilva sono state simili a quelle seguite nei primi due campionamenti: tre interventi da parte dell’Arpa, effettuati alternativamente ai campionamenti da parte del Cnr, operazioni avvenute alla presenza dei tecnici dell’altra istituzione. «Sarebbe auspicabile che questa volta fosse l’Ilva a fornire i dati delle indagini fatte effettuare al Cnr prima di noi - commenta Assennato -. Le nostre indagini sono effettuate per spirito di servizio. Non è per noi un obbligo istituzionale, nel senso che dovrebbe essere l’Ilva ad effettuare le indagini sotto il nostro coordinamento».

I controlli incrociati svolti in passato hanno evidenziato una sostanziale convergenza. I valori di diossina dell’Ilva rimangono al di sotto del limite posto dalla norma italiana, ma ben al di sopra del limite previsto dalle indicazioni comunitarie, peraltro adottato dalla Regione Friuli. Da qui l’invito da più parti rivolto anche alla stessa Regione Puglia perché siano adottati i valori europei. La campagna di monitoraggio della i diossina del camino si intreccia con il campionamento di diossina anche negli alimenti.

Articoli correlati

  • Onore a quell'operaio ILVA che ha parlato
    Ecologia
    Come le polveri degli elettrofiltri MEEP, contenenti piombo e diossina, fecero il giro dell'Italia

    Onore a quell'operaio ILVA che ha parlato

    Ci raccontò che quelle "polveri velenose" erano state vendute e poi mescolate - da una società con tanto di partita IVA - a interiora di animali e raspi d'uva. Trasformate in palline, venivano poi rivendute come fertilizzante in tutt'Italia.
    1 giugno 2020 - Alessandro Marescotti
  • “Ilva ha venduto le polveri velenose come concimi”
    Ecologia
    Le polveri degli elettrofiltri

    “Ilva ha venduto le polveri velenose come concimi”

    Le indagini della Finanza: fatture per la vendita dei rifiuti trattenuti dai filtri ad aziende che producono fertilizzanti
    Francesco Casula e Antonio Massari
  • PeaceLink
    Si è formato sui testi di Marx ma ha poi approfondito la nonviolenza di Gandhi

    Alessandro Marescotti, una vita per l’ambiente

    Da anni è impegnato nella battaglia di informazione e denuncia del disastro sanitario e ambientale di Taranto e della sua provincia. Un impegno iniziato quando per la prima volta scoprì che l’acciaieria Ilva emetteva diossina
    Gino Martina
  • Una figlia racconta l'amore per la terra di suo padre che poi ha dovuto combattere la diossina
    Taranto Sociale
    Per qualcuno l'amore per la terra è una vocazione

    Una figlia racconta l'amore per la terra di suo padre che poi ha dovuto combattere la diossina

    Don Angelo Fornaro è il proprietario della Masseria Carmine, una delle sette danneggiate dalla diossina. E' presente a tutte le udienze del processo "Ambiente svenduto" che deriva anche da un suo esposto. Il 13 luglio 2019 ha compiuto 85 anni e sua figlia ha voluto raccontare la sua storia.
    21 luglio 2019 - Rosanna Fornaro
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)