Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Tra una settimana pronti i nuovi dati sulla diossina Ilva

Arpa per la Regione e Cnr per l’azienda hanno concluso il terzo campionamento. Il responso arriverà da un laboratorio di Marghera. L’Arpa ha a Taranto l’attrezzatura adatta per questo tipo di lavoro ma non è ancora accreditata
1 luglio 2008
Maria Rosaria Gigante
Fonte: Gazzetta del Mezzogiorno

- Completate sabato scorso le operazioni di prelievo nell’ambito della terza campagna di monitoraggio delle emissioni di diossina al camino dell’impianto di agglomerazione dell’Ilva. Le operazioni avevano subito uno slittamento di oltre una settimana a causa delle condizioni meteorologiche. Due gli autori anche di quest’ultimo campionamento: l’Ilva che per le analisi si è affidata al Cnr e l’Arpa Puglia per conto istituzionale. «Potremo avere i primi risultati di questo ultimo campionamento - dicono il direttore generale dell’Arpa, Giorgio Assennato, ed il responsabile del dipartimento locale, Gioacchino Di Natale - nel giro di un paio di settimane». E’ media - mente questo il tempo richiesto dal laboratorio dell’Inca di Marghera per effettuare tali analisi.

Nonostante l’attrezzatura di cui attualmente dispone il Dipartimento tarantino, che è in grado di eseguire le analisi dei campioni di fumi ma non è ancora accreditata allo scopo, e per garantire continuità di criteri di analisi con il passato, l’Arpa anche stavolta ha preferito affidarsi allo stesso laboratorio a cui si era rivolta per i primi due campionamenti. Non sarà così la prossima volta, assicurano i responsabili dell’Arpa. Invece saranno eseguite questa volta a Taranto le analisi delle polveri presenti nei campioni di aria che anche nel corso dell’ultimo campionamento, come ccaduto per il precedente, sono stati prelevati dall’Arpa.

E’ stata utilizzata in questo caso la nuova strumentazione di cui il Dipartimento locale si è dotato. La volta precedente, invece, anche queste indagini furono effettuate in un laboratorio esterno, l’Inca di Lecce.

Le modalità di campionamento dei fumi dal camino dell’impianto di agglomerazione dell’Ilva sono state simili a quelle seguite nei primi due campionamenti: tre interventi da parte dell’Arpa, effettuati alternativamente ai campionamenti da parte del Cnr, operazioni avvenute alla presenza dei tecnici dell’altra istituzione. «Sarebbe auspicabile che questa volta fosse l’Ilva a fornire i dati delle indagini fatte effettuare al Cnr prima di noi - commenta Assennato -. Le nostre indagini sono effettuate per spirito di servizio. Non è per noi un obbligo istituzionale, nel senso che dovrebbe essere l’Ilva ad effettuare le indagini sotto il nostro coordinamento».

I controlli incrociati svolti in passato hanno evidenziato una sostanziale convergenza. I valori di diossina dell’Ilva rimangono al di sotto del limite posto dalla norma italiana, ma ben al di sopra del limite previsto dalle indicazioni comunitarie, peraltro adottato dalla Regione Friuli. Da qui l’invito da più parti rivolto anche alla stessa Regione Puglia perché siano adottati i valori europei. La campagna di monitoraggio della i diossina del camino si intreccia con il campionamento di diossina anche negli alimenti.

Articoli correlati

  • Strategia comunitaria sulle diossine, i furani e i bifenili policlorurati
    Ecodidattica
    I limiti per la dose tollerabile sono stati abbassati di sette volte dall'EFSA nel 2018

    Strategia comunitaria sulle diossine, i furani e i bifenili policlorurati

    "In bambini esposti a diossine e/o PCB durante la fase gestazionale sono stati riscontrati effetti sullo sviluppo del sistema nervoso e sulla neurobiologia del comportamento, oltreché effetti sull’equilibrio ormonale della tiroide, ritardo nello sviluppo, disordini comportamentali".
    24 gennaio 2021 - Redazione
  • "Diossina dal camino?" Ancora nessuna risposta
    Taranto Sociale
    L'Arpa Puglia scrive nuovamente a Ministero dell'Ambiente e Ispra

    "Diossina dal camino?" Ancora nessuna risposta

    L'Agenzia regionale sollecita la revisione dell'Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) e coinvolge il sindaco Melucci, già firmatario dell'ordinanza ferma al Consiglio di Stato.
    24 aprile 2021 - Mimmo Mazza
  • "La diossina Ilva aveva contaminato suoli agricoli e pascoli”
    Processo Ilva
    Processo ILVA, quinto giorno di requisitoria del PM Mariano Buccoliero

    "La diossina Ilva aveva contaminato suoli agricoli e pascoli”

    “La diossina degli elettrofiltri” del siderurgico di Taranto “la ritrova all’esterno in ogni matrice analizzata”. Per il processo 'Ambiente Svenduto' l'accusa è quella di "disastro ambientale" ed è mossa contro l’Ilva gestita dai Riva. I fatti contestati partono dal 1995 per arrivare al 2012.
    9 febbraio 2021
  • Non un solo grammo di diossina verrà bonificato a Taranto
    Editoriale
    La beffa: gli animali si sono contaminati su terreni "a norma" in base all'ultimo decreto

    Non un solo grammo di diossina verrà bonificato a Taranto

    Avrete letto sui giornali che ripartono le bonifiche. E' un trionfalismo fuori luogo perché con un decreto del Ministero dell'ambiente viene fissato il limite della diossina per i terreni di pascolo a 6 ng/kg ma le pecore e le capre si sono contaminate con livelli di contaminazione inferiore.
    9 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)