Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Il fuoco e l'estate, allarme di Legambiente

Negli ultimi quattro anni gli incendi in Puglia sono pressoché triplicati. Il bilancio «Nel 70 per cento dei casi ci sono fini speculativi. In quattro anni i roghi sono triplicati «Bene Alberobello, Altamura e Gravina»
11 luglio 2008
Vincenzo Damiani
Fonte: Corriere del Mezzogiorno

- BARI — Negli ultimi quattro anni gli incendi in Puglia sono pressoché triplicati (da 203 a 576), mentre gli ettari di verde andati in fumo sono passati dai 1.766 del 2004 ai 18.028 dell'anno scorso. Quattromilioni gli alberi bruciati nel 2007, circa quattro miliardi di chili di anidride carbonica in più nell'atmosfera (ogni albero, in media, riesce ad assorbire 10 chili di Co2).

Dal 1997 non si registrava un numero così alto di incendi nel Tacco d'Italia, un dato di fatto che fa salire il livello d'allerta. Anche perché nel 70 per cento dei casi le fiamme vengono fatte divampare per fini speculativi.

A stagione estiva inoltrata, Legambiente e il corpo forestale puntano i riflettori su una piaga che sembrava essere stata debellata. E che invece negli ultimi quattro anni è tornata prepotente. «Quella del 2007 dice il presidente di Legambiente Puglia, Francesco Tarantini, nel presentare il rapporto "Ecosistema incendi 2008" - è stata una delle estati più roventi e drammatiche». Al questionario inviato dall'associazione e dalla Forestale solo 39 Comuni su 122 hanno risposto (tra questi non ci sono Vieste e Peschici, flagellate dai roghi di un anno fa).

Nonostante salga la percentuale delle amministrazioni che svolgono un buon lavoro di mitigazione del rischio incendi boschivi (circa il 77 per cento dei Comuni svolge attività di avvistamento e prevenzione, possiede un catasto delle aree distrutte dal fuoco e punta sulle campagne informative, così come prevede la legge 353 del 2000), quest'anno nessun paese si è aggiudicato la bandiera «Bosco sicuro».

Alberobello, Altamura e Gravina in Puglia i centri che hanno lavorato meglio. Dei 576 roghi del 2007, 188 hanno colpito la Capitanata, 169 sono divampati a Bari, 101 nel Tarantino, 100 nel Leccese, 18 a Brindisi. Mentre nella classifica degli ettari bruciati, prima è la provincia di Foggia con 9.591, seguita da Bari (5.444). Anche quest'anno, i piromani non si sono fatti attendere e sono entrati in azione. La Forestale svolge quotidianamente azione repressiva, di controllo e d'investigazione. Ma gli uomini sono contati. «In Puglia sono a lavoro 500 agenti, dovrebbero essere circa mille», ammette Giovanni Misceo, vice questore del corpo forestale.

Articoli correlati

  • Inquinavano e credevano in Dio
    Ecologia
    Il fervido cattolicesimo dei Riva

    Inquinavano e credevano in Dio

    E' crollato definitivamente il sistema di potere che veniva benedetto e celebrato a Pasqua e Natale in fabbrica, con generose donazioni dai Riva all'ex arcivescovo di Taranto monsignor Benigno Papa.
    11 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
  • Taranto, cronaca di un disastro ambientale
    PeaceLink
    Relazione sul webinar di PeaceLink

    Taranto, cronaca di un disastro ambientale

    Di fronte all'inquinamento del polo industriale e in particolare dello stabilimento siderurgico vi è stata, dal 2008 in poi, una crescita della cittadinanza attiva. La società civile organizzata, supportata dai dati scientifici dell'Arpa Puglia, ha saputo contrastare lo strapotere dei Riva.
    10 giugno 2021 - Laura Tussi
  • Sentenza Ambiente Svenduto, confiscati gli impianti dell'area a caldo ILVA
    Editoriale
    Condanne durissime, condannati anche i politici

    Sentenza Ambiente Svenduto, confiscati gli impianti dell'area a caldo ILVA

    Nessuno aveva mai parlato della diossina a Taranto prima del 2005. Fummo noi a prenderci la responsabilità e i rischi di denunciarlo pubblicamente. Oggi è una grande giornata di liberazione dopo una lunga resistenza e tante vittime. Venivamo chiamati "allarmisti" ma avevamo ragione noi.
    31 maggio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Il momento più duro
    Ecologia
    Riflessioni dopo la condanna di Nichi Vendola

    Il momento più duro

    Sono stata portavoce di Nichi nel 2005 la prima volta che si è candidato alla presidenza della Puglia. Il problema vero è che Nichi ha cercato di avere come interlocutori, e di più, come alleati, i Riva. All’epoca già sotto inchiesta. Parlava di stima reciproca.
    7 giugno 2021 - Francesca Borri
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)