Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Inquinamento Ilva, rischio infrazione per l'Italia

Il caso alla Ue L'europarlamentare Vernola: «Accordo fuori tempo, pericolo multa da 500 milioni. Dopo il primo richiamo e in assenza di una risposta adeguata dovrebbe scattare la sanzione per l'Italia - spiega Vernola - quantificabile in centinaia di milioni»
22 luglio 2008
Rosanna Lampugnani
Fonte: Corriere del Mezzogiorno

- ROMA — Secondo Marcello Vernola è molto probabile che il governo italiano non abbia ancora ottemperato alle richieste dell'Unione europea, non abbia cioè ancora recepito appieno la direttiva IPPC sulle emissioni industriali e non l'abbia quindi applicata, nonostante il primo avvertimento scritto che obbligava l'Italia a presentare entro il 6 luglio eventuali osservazioni allo stesso richiamo. Di qui l'interrogazione presentata dall'eurodeputato Pdl - segue altre sulla stessa materia - il 14 scorso, con cui chiede di avere certezza sul comportamento italiano e, nel caso di negligenza, «quali misure intende imporre la Commissione per sanzionare i ritardi e le inadempienze dello Stato italiano ».

Interrogazioni di Vernola, risposte del commissario Dimas si sono intrecciate dal giugno 2007, in merito alle emissioni inquinanti degli impianti industriali tarantini. Vernola pone l'accento sul colosso siderurgico dell'Ilva, ma il tema riguarda anche Cementir, Eni/Power, Eni, Amiu chiamate ad adeguare il livello delle loro emissioni ai parametri europei. In realtà un provvedimento cogente in tal senso - per dotarsi cioè dell'Aia, Autorizzazione integrata ambientale - non è stato mai predisposto dal governo italiano, nè in Puglia nè nel resto del Paese, e anche l'accordo di programma sottoscritto l'11 aprile scorso - fuori tempo massimo e a due giorni dal voto - tra la Regione e il ministero dell'Ambiente guidato da Alfonso Pecoraro Scanio (capolista Arcobaleno nel Tacco) di fatto non è altro che un'ulteriore dilazione delle prescrizioni, perchè disciplina tempi e modalità autorizzativi. Di fatto, in base ai testi delle interrogazioni e delle risposte del commissario Ue, è davvero probabile che l'Italia sia inadempimenti. Questo cosa può comportare?

«Dopo il primo richiamo e in assenza di una risposta adeguata dovrebbe scattare la sanzione per l'Italia - spiega Vernola - quantificabile in centinaia di milioni. Soldi che verrebbero decurtati dai fondi destinati al nostro Paese e di cui lo Stato si avvarrebbe sulla Regione. Non dimentichiamo - aggiunge l'europarlamentare Pdl - che si sta ancora parlando della vecchia direttiva. A settembre cominceremo a discutere di quella nuova, ancora più severa, perchè la Ue in materia ambientale e di tutela della salute non fa sconti a nessuno». Conclude Vernola: «A questo punto dobbiamo chiederci: è preferibile pagare 500, 600 milioni di penale o piuttosto dare incentivi ad Ilva perché si metta in regola? ». Il colosso dell'acciaio, di suo, starebbe già lavorando in questa direzione (500 milioni di investimento) per presentarsi all'appuntamento del nuovo accordo di programma fissato nel 2009 nelle migliori condizioni.

Articoli correlati

  • Danni neurotossici causati da piombo e arsenico nei bambini di Taranto
    Taranto Sociale
    Nuovo studio italiano pubblicato sullo Scientific Report di Nature

    Danni neurotossici causati da piombo e arsenico nei bambini di Taranto

    Disturbi da deficit di attenzione, autismo e iperattività, sarebbero riscontrati in numero maggiore, nei quartieri più vicini al siderurgico: Tamburi e Paolo VI. Siamo stanchi di prestare le nostre vite e quelle dei nostri figli, come se fossimo cavie da laboratorio.
    19 giugno 2021 - Giustizia per Taranto
  • Ex Ilva: Peacelink, rischio cancerogeno inaccettabile
    Taranto Sociale
    I dati relativi alle polveri sottili (PM2,5 e PM10) e al biossido di azoto (NO2)

    Ex Ilva: Peacelink, rischio cancerogeno inaccettabile

    “L’aria di Taranto non rispetta i limiti dell'Organizzazione mondiale della sanità” dice Peacelink, per la quale “a fronte di una situazione sanitaria fortemente compromessa, la popolazione di Taranto dovrebbe godere di una protezione particolare".
    18 giugno 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Richiesta di fermo batteria 12 cokeria ILVA per mancata messa a norma
    Taranto Sociale
    Lettera al Ministro della Transizione Ecologica Roberto Cingolani

    Richiesta di fermo batteria 12 cokeria ILVA per mancata messa a norma

    E' stato autorizzato uno scenario emissivo (6 milioni di tonnellate annue di acciaio) a cui corrisponde un rischio cancerogeno inaccettabile. Tutto ciò è acclarato dalla nuova VDS (Valutazione Danno Sanitario) sarà segnalato alla Procura della Repubblica
    15 giugno 2021 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
  • Anche 6 milioni di tonnellate di acciaio sono troppe
    Ecologia
    Produzione ILVA a Taranto

    Anche 6 milioni di tonnellate di acciaio sono troppe

    E adesso come faranno ad autorizzare 8 milioni di tonnellate/anno se già 6 mettono a rischio la salute della popolazione? Arpa Puglia, Aress e Asl fanno i calcoli ed emerge ciò che era ovvio. La VIIAS del 2019 aveva dato rischio sanitario inaccettabile a 4,7 milioni di tonnellate/anno di acciaio.
    20 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)