Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

La Canzone di Caparezza? Losappio: canta la Puglia

Dopo le polemiche sollevate dall'assessore provinciale al Turismo di Foggia nei confronti del rapper "Caparezza" autore della canzone "Vieni a ballare in Puglia", interviene a favore del cantante l'assessore regionale all’Ecologia Losappio.
24 luglio 2008
Fonte: Gazzetta del Mezzogiorno

- BARI - Dopo le polemiche sollevate dall'assessore provinciale al Turismo di Foggia nei confronti del rapper "Caparezza" autore della canzone "Vieni a ballare in Puglia", definita «di una violenza inaudita», ora a favore del cantante interviene l'assessore regionale all’Ecologia Michele Losappio.

«La denuncia delle difficili situazioni ambientali - dice Losappio - e delle altrettanto difficili condizioni di lavoro, contenute nelle poesie, nelle canzoni e nelle musiche di Caparezza – ha affermato – risponde alla realtà di una situazione costruita in decenni di sottovalutazioni e di vere e proprie aggressioni al territorio e ai pugliesi». Per Losappio «impegnati come siamo a cambiare questa situazione per garantire serenità nel futuro della nostra Regione, non possiamo che esprimere la solidarietà del governo regionale a un artista profondamente legato alla sua terra e alfiere di una denuncia che aiuta il cambiamento possibile».

La sua partecipazione a «Festambiente Sud», il festival nazionale di Legambiente, era stata considerata insultante, oltraggiosa dalla Provincia che si era dissociata ufficialmente dalla presenza dell’artista molfettese che canterà domenica sera nel centro storico di Monte Sant’Angelo.

«Il testo della sua canzone “Vieni a ballare in Puglia” - aveva detto l'assessore provinciale Nicola Fascello - è di una violenza inaudita, capisco la denuncia ma questa supera ogni limite».

ECCO IL TESTO DELLA CANZONE

I delfini vanno a ballare sulle spiagge. Gli elefanti vanno a ballare in cimiteri sconosciuti. Le nuvole vanno a ballare all'orizzonte. I treni vanno a ballare nei musei a pagamento. E tu, dove vai a ballare?/ Vieni a ballare in Puglia Puglia Puglia, tremulo come una foglia foglia foglia. Tieni la testa alta quando passi vicino alla gru, perché può capitare che si stacchi e venga giù./ Ehi turista, so che tu resti in questo posto italico. Attento, tu passi il valico ma questa terra ti manda al manicomio. Mare Adriatico e Ionio, vuoi respirare lo iodio ma qui nel golfo c'è puzza di zolfo, che sta arrivando il demonio. Abbronzatura da paura con la diossina dell'ILVA, qua ti vengono poi più rossi di Milva e dopo assomigli alla Pimpa. Nella zona spacciano la moria più buona: c'è chi ha fumato veleni all'ENI, chi ha lavorato ed è andato in coma; fuma persino il Gargano, con tutte quelle foreste accese. Turista tu balli e tu canti, io conto i defunti di questo Paese, dove quei furbi che fanno le imprese, no, non badano a spese; pensano che il protocollo di Kyoto sia un film erotico giapponese. / Vieni a ballare in Puglia Puglia Puglia dove la notte è buia buia, tanto che chiudi le palpebre e non le riapri più. Vieni a ballare e grattati le palle pure tu, che devi ballare in Puglia Puglia Puglia, tremulo come una foglia foglia foglia. Tieni la testa alta quando passi vicino alla gru perché può capitare che si stacchi e venga giù. / È vero, qui si fa festa, ma la gente è depressa e scarica: ho un amico che per ammazzarsi ha dovuto farsi assumere in fabbrica. Tra un palo che cade ed un tubo che scoppia, in quella bolgia si accoppa chi sgobba; e chi non sgobba si compra la roba e si sfonda, finché non ingombra la tomba. Vieni a ballare, compare, nei campi di pomodori, dove la mafia schiavizza i lavoratori, e se ti ribelli vai fuori. Rumeni ammassati nei bugigattoli come pelati in barattoli. Costretti a subire i ricatti di uomini grandi ma come coriandoli. Turista tu resta coi sandali, non fare scandali se siamo ingrati e ci siamo dimenticati d'essere figli di emigrati. Mortificàti, non ti rovineremo la gita. Su, passa dalla Puglia, passa a miglior vita. / Vieni a ballare in Puglia Puglia Puglia dove la notte è buia buia buia, tanto che chiudi le palpebre e non le riapri più. Vieni a ballare e grattati le palle pure tu, che devi ballare in Puglia Puglia dove ti aspetta il boia boia boia. Agli angoli delle strade spade più di re Artù, si apre la voragine e vai dritto a Belzebù. / O Puglia Puglia mia tu Puglia mia, ti porto sempre nel cuore quando vado via. E subito penso che potrei morire senza te. E subito penso che potrei morire anche con te.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)