Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Riva e l'Ilva, parabola di un'economia

L'imprenditore dell'acciaio tarantino, che fa il suo ingresso anche nella complessa partita di Alitalia, è espressione di un modello capitalistico tipicamente italiano, dove responsabilità e rischio di impresa sono solo parole, perchè tutte le possibili difficoltà gravano sullo Stato e il Sud. Taranto ha oggi, in un momento cruciale della sua storia, la possibilità del cambiamento e della rinascita.
2 settembre 2008
Giancarlo Girardi (Laboratorio della Sinistra Taranto)
Fonte: Aprile Online

Emilio Riva Può essere un contributo interessante e proficuo al dibattito generale l'iniziativa che in questi giorni di fine estate, con la consueta passione e competenza, l'associazione ambientalista Taranto Viva ha organizzato in merito allo stato del degrado ambientale della città di Taranto e delle sue prospettive.

Le considerazioni e le proposte delle varie associazioni intervenute in questi due giorni di lavori hanno evidenziato, ove ce ne fosse ancora bisogno, il grado di conoscenza dei processi industriali e di analisi critica della realtà da parte dell'intero movimento ambientalista tarantino.

La città e l'Ilva recentemente sono state poste all'attenzione nazionale dai due maggiori quotidiani italiani per tre vicende che riguardano Emilio Riva: la sua irresistibile ascesa di imprenditore dell'acciaio, la sua vicenda di presunta evasione dal pagamento delle tasse comunali sugli immobili di Taranto e l'acquisizione di una parte di Alitalia. Tre questioni anche riprese nel dibattito cittadino ma che richiedono maggiore approfondimento perché di grande significato ed importanza per il futuro della nostra città e, sotto certi aspetti, del nostro Paese.

Per il Corriere della Sera la vicenda umana ed industriale di Riva è sembrata incarnare il sogno americano di chi, iniziando col raccogliere ferro nella metà degli anni 50 per le varie fonderie della sua terra, è diventato oggi uno dei primi dieci produttori mondiali del settore, vantando tra i suoi primati, di cui va oltremodo orgoglioso, un prodotto per dipendente pari a 410 mila euro. I salari dei suoi operai sono infatti i più bassi d'Europa ed incidono molto meno del 20% sui costi generali dell'azienda, mentre i livelli di inquinamento ambientale sono i più alti ed in gran parte fuori dai limiti imposti dalle leggi continentali. Queste due condizioni, fondamentali per la sua concorrenza vittoriosa in Europa e per i suoi grandi guadagni, sono però un peso per lo Stato e la collettività, costrette ogni anno a pagare, per questa ed altre aziende, multe salate per le varie infrazioni da loro commesse ed una rilevante percentuale del Pil nazionale per malattie professionali, ambientali ed infortuni da esse causate. Perciò tali presupposti vincenti sono costruiti in gran parte dalla nostra città o meglio a nostre spese. Il Cavaliere d'acciaio non sarebbe tale senza l'intervento dello Stato italiano, che prima gli ha regalato l'industria siderurgica nazionale e poi gli ha consentito, con il suo aiuto decisivo, di rimuovere, con prepensionamenti di massa, l'intera maestranza abbassandone i costi, garantendogli livelli alti di inquinamento e consentendogli, quindi, un'originale delocalizzazione dell'impianto siderurgico di Taranto. L'antica cattedrale nel deserto è diventata con Riva una straordinaria macchina di profitto.

Oggi l'industriale, contraddicendo quanto sempre da lui affermato, va oltre l'acciaio e si imbarca nell'avventura, anch'essa garantita dallo Stato, di Alitalia. Un'operazione che segue a ruota lo stravolgimento del testo unico in materia di sicurezza, che prevede meno sanzioni per i datori di impiego, e l'accentramento degli istituti del ministero dell'Ambiente con l'azzeramento di tutte le autorizzazioni a produrre: ambedue manovre fondamentali per il prosieguo dell'attuale modello di attività del manager dell'acciaio. Riva è l'espressione tutta italiana di un capitalismo assistito, storicamente determinatosi nel secolo scorso, ripresentato da un governo che è la manifestazione diretta, come altri mai prima, dei poteri forti dell'economia nostrana. D'altronde come è potuto, l'altro Cavaliere, diventare il quinto uomo più ricco del mondo scalando dieci posizioni della graduatoria nei quindici anni in cui febbrilmente si è affaccendato in politica? Una ascesa che sicuramente in America, ove tanti guardano con interesse ed ammirazione tutto ciò, non sarebbe stata possibile! Lì le leggi sul conflitto di interesse, le norme dell'antitrust e quelle che hanno condannato grandi aziende a colossali risarcimenti di popolazioni danneggiate da danni ambientali, non l'avrebbero permesso. Riva, inoltre, afferma spesso che la politica non gli è mai interessata, ma è stato il primo finanziatore di Forza Italia ed anche, perché le ruote vanno in ogni modo unte, di un ministro del passato governo del centrosinistra. I dati per legge sono resi pubblici ogni anno.

La Repubblica ha parlato dell'Ici non pagata al comune più dissestato d'Italia. Saranno gli enti preposti e la magistratura ad occuparsene, ma nei fatti egli è divenuto, quindici anni fa, proprietario di una fabbrica grande più del doppio della città ed ha, sin dal suo insediamento, modificato, ridotto, accentrato edifici, eliminando persino le strutture che gli operai delle ditte usavano come spogliatoi (basta andare davanti agli ingressi a loro riservati, ancora oggi, per vederne molti entrare ed uscire in tuta e scarpe da lavoro: tanti si spogliano e rivestono nelle loro macchine). Una palazzina, quella del LAF, allora realmente inutile, fu utilizzata per altro scopo, il mobbing, e divenne la più famosa d'Italia. L'organizzazione del lavoro, curata con scrupolo scientifico, è del tipo anni 50, gerarchizzata e supportata da una struttura parallela dispendiosa ma utile agli interessi della proprietà. Le sue società hanno sede al nord ed è lì che le tasse sono pagate.

La vicenda Alitalia, simile in tutto a quella dell'Ilva, ex Italsider, di quindici anni fa, merita, però, una considerazione più generale. In pratica si avvia a terminare con essa il quasi completo disimpegno dello Stato in economia e si realizza il fallimento di quel tentativo di "Programmazione statale dell'economia italiana" che, da sinistra, si cercò di rendere democratica in ottemperanza al dettato costituzionale e che è stata un banco di prova per il ruolo nazionale del movimento operaio degli anni sessanta e settanta. I costi degli investimenti allora furono addossati alla collettività nazionale come oggi lo sono i debiti e le dismissioni: il rischio per il capitalismo nostrano, privo di alcuna dignità, sarebbe stato sempre, in questi casi, nullo. Una vicenda iniziata trenta anni fa con l'Alfa, anch'essa regalata alla famiglia Agnelli, e proseguita con Telecom e Italsider, e destinata forse a ripetersi in futuro con Fincantieri ed altri comparti. Peculiarità tutta italiana è, quindi, questo nostro capitalismo, assistito oggi come nel passato lontano, che usa il Mezzogiorno come territorio da colonizzare e dal quale attingere energie vitali per le imprese del nord, necessario per il mercato nazionale delle merci e dei voti elettorali oltre che per individuare siti ove scaricare rifiuti industriali con la connivenza decisiva di alcuni poteri locali sottomessi e malavitosi. Con il federalismo prospettato o mascherato tutto sarà reso difficile ma anche più chiaro. Si riapre, nei termini in parte solo diversi dal passato ma politicamente simili, una Questione Meridionale che si lega, nel caso di Taranto, a quella ambientale e occupazionale. Un impianto come questo tarantino, sorto, con tutte le storture visibili nel luogo e nella sua dimensione, per lenire l'allora grande arretratezza economica del territorio, può solo essere collocato in un'area economicamente e socialmente depressa (sembra essercene uno simile in un paese orientale).

E' stata questa, anche per Taranto, la condizione fondamentale per avere un'area a caldo con un impatto devastante per le persone e le cose. Riva non ha alcun interesse ad interagire con la nostra città, il mercato con le sue regole e la sua convenienza deve determinare tutto; egli ha solo agevolato, ovviamente considerandolo un investimento, assunzioni di giovani dei Tamburi (quartiere a ridosso della grande fabbrica) rispetto agli altri in gran parte provenienti da altri paesi della nostra e di altre province. Lavora, con i suoi fiduciari del luogo, sulla sua immagine di imprenditore vincente atto a garantirci il futuro occupazionale, eppure i nuovi assunti da anni sono precari ed attinti, secondo le sue esigenze, tra coloro che animano l'esercito di riserva del luogo, rigorosamente instabili nel lavoro, di fatto gli indesiderati nei reparti ghetto. Questo ricatto è stato e resta per lui l'arma vincente. Il ruolo decisivo del suo impero lo gioca, però, l'area a caldo di Taranto. Essa rappresenta la fortuna del suo gruppo, il suo punto forte, ma anche quello debole. Infatti una lotta che imponga il rispetto della legalità che ci chiede l'Europa, anche per una leale concorrenza tra i suoi gruppi, il potere determinante delle Istituzioni cittadine e della Regione alla concessione dell'autorizzazione a produrre, le amministrazioni comunali, provinciali e regionali oggi ancora di uguale segno politico, possono determinare la svolta indispensabile.

Al cronoprogramma presentato dall'Ilva -una panna montata, l' hanno definito nel convegno- ne va contrapposto uno identico di tipo politico, ma con tempi più brevi visto le imminenti scadenze elettorali. L'area a caldo deve attenersi da subito ai parametri europei, pena la riduzione della marcia degli impianti per rientrarci. Nel 2011 Riva tornerà in possesso di tutti i gas di recupero del ciclo integrale per poterli utilizzare per la sua centrale elettrica o per altre soluzioni in cantiere. Si tratta di un investimento previsto di settecento milioni di euro (pari a quello con cui ha acquistato l'intera siderurgia pubblica), mentre gli scarti industriali nel loro utilizzo otterrebbero, guarda caso, i benefici statali riservati all'uso delle energie alternative. Un grande affare perchè questi sono legati alla produzione di acciaio che si vuole nel futuro sempre più cospicua. E' questa la reale posta in gioco.

Taranto ha oggi, in un momento cruciale della sua storia, la possibilità del cambiamento e della rinascita. Deve solo esigere il rispetto della legalità, essere una città europea e non asiatica. Per farlo molto dipende dalla consapevolezza del ruolo fondamentale che deve assumere il suo sindaco, la Provincia e la regione Puglia, ma anche dal coinvolgimento dei cittadini e dei lavoratori attraverso un fronte comune delle loro organizzazioni democratiche in merito alle problematiche ambientali: un terreno, per altro, da cui partire per ricreare uno schieramento di sinistra politicamente alternativo a quello dominante in Italia. Una grande vertenza cittadina, con un respiro nazionale. Occorre fare subito, tra un anno potrebbe essere troppo tardi.

Articoli correlati

  • I bambini di Taranto
    Editoriale
    Incontro con Fulvia Gravame (PeaceLink)

    I bambini di Taranto

    Se ne parla oggi nella Tenda della Pace di Borgosatollo (Brescia). Al centro la grave situazione di inquinamento ambientale del quartiere Tamburi, accanto al quale sono sorte negli anni Sessanta le ciminiere di quello che diventato più grande centro siderurgico d'Europa.
    24 gennaio 2020 - Redazione PeaceLink
  • "No all'economia che uccide" della Tenda della Pace di Borgosatollo
    Ecologia
    Gemellaggio Taranto - Brescia

    "No all'economia che uccide" della Tenda della Pace di Borgosatollo

    Peacelink sarà a Brescia dal 24 al 25 gennaio 2020 per parlare di Ilva
    23 gennaio 2020 - Fulvia Gravame
  • Lo Stato contro lo Stato a Taranto in materia di bonifiche interne allo stabilimento Ilva
    Ecologia
    Il TAR del Lazio interviene a tutela della salute

    Lo Stato contro lo Stato a Taranto in materia di bonifiche interne allo stabilimento Ilva

    Il TAR del Lazio accoglie le tesi di ARPA Puglia e respinge il ricorso di ILVA in A.S. e impone di intervenire sull'inquinamento della falda.
    Occorre fare la caratterizzazione e le bonifiche delle aree interne degli impianti Ilva.
    22 gennaio 2020
  • Peacelink: "Riesame crede più a tecnici azienda"
    Ecologia
    Ma l'altoforno "non è dotato delle moderne tecnologie di massima sicurezza"

    Peacelink: "Riesame crede più a tecnici azienda"

    "Sulla base della relazione tecnica degli esperti dell'Ilva, il giudici del Tribunale del Riesame hanno restituito la facoltà d'uso dell'Altoforno 2 che il giudice Maccagnano aveva tolto all'Ilva utilizzando la relazione tecnica dell'ingegner Barbara Valenzano, custode giudiziario".
    8 gennaio 2020 - ANSA
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.31 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)