Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

«No alla discarica». Scontri a Grottaglie

I manifestanti bloccano i tir. La polizia sgombera. Dieci feriti, cinque fermati. Un manifestante: «Ci hanno trattati come animali mentre noi stavamo solo esercitando il nostro diritto al dissenso». Gli scontri sono avvenuti durante una manifestazione di protesta contro l'apertura di una nuova discarica. La manifestazione era stata organizzata dal comitato nato circa un anno fa contro l'ampliamento della discarica per rifiuti industriali già esistente: essa è situata sottolineano i manifestanti - in uno dei tratti più belli della macchia mediterranea»
2 settembre 2008
Nazareno Dinoi
Fonte: Corriere del Mezzogiorno

- Quello che è successo ieri all'ingresso della discarica Ecolevante di Grottaglie, nel tarantino, era nell'aria da tempo. Per i componenti del «Presidio permanete contro la discarica », che da mesi presidia la zona con la presenza pacifica di esponenti del mondo ambientaliste e semplici cittadini, c'è stato un «vero atto di forza» con feriti e denunciati. Per la polizia si è trattato invece di un intervento dovuto, non violento, per consentire lo scarico dei rifiuti nell'impianto autorizzato. Sta di fatto che ieri pomeriggio è accaduto l'inevitabile: una ventina di poliziotti in formazione antisommossa hanno fatto strada ai camion pieni di spazzatura sollevando di peso i manifestanti (una quarantina circa) che si erano seduti, accovacciati uno sull'altro, impedendo il transito degli automezzi.

La confusione è durata alcuni minuti. Da mesi i componenti del «presidio» si battono contro il terzo lotto della discarica per rifiuti speciali non pericolosi della città della ceramica. Impianto autorizzato, ma oggetto di un'indagine da parte della magistratura tarantina che ipotizza irregolarità nel rilascio delle autorizzazioni, anche a carico della Provincia di Taranto. Ieri l'epilogo. Secondo quanto hanno raccontato gli ambientalisti, gli agenti di polizia «hanno sollevato di peso i manifestanti e trascinati tra le pietre procurando loro escoriazioni e contusioni ». Qualcuno giura di «essere stato preso a calci e pugni » da agenti sempre più aggressivi. Alla fine il bilancio è questo: una decina di giovani si sono recati al pronto soccorso per farsi medicare e uno di loro è stato ricoverato per degli accertamenti.

Scontri a Grottaglie Nel frattempo la polizia portava cinque di loro negli uffici del commissariato di Grottaglie dove il vice questore aggiunto, Cosimo Candita, li ha trattenuti per un'ora. Il tempo di identificarli e denunciarli per resistenza a pubblico ufficiale.

Uno dei denunciati, rimasto ferito anche lui, è lo studente grottagliese Alessandro Camassa, di 22 anni, iscritto alla Facoltà di Scienze politiche dell'Università del Salento. «Ci hanno trattati come animali - dice -, mentre noi stavamo solo esercitando il nostro diritto al dissenso in maniera pacifica e democratica.

Quando mi hanno fatto salire sulla camionetta per portarci in questura - prosegue il ragazzo nel suo racconto - ho temuto il peggio perché mi facevano capire di essere arrestato: "chi ve lo fa fare a rovinarvi a questa età?", mi diceva il poliziotto che mi teneva al suo fianco».

A non credere a questa versione è il sindaco di Grottaglie, Raffaele Bagnardi. «Sono profondamente mortificato per quanto è successo - dichiara il primo cittadino - ma sono pronto a testimoniare che le forze dell'ordine non hanno usato nessun tipo di violenza ma hanno semplicemente fatto il proprio dovere. Spero che ad animare i manifestanti ci sia realmente la spinta ambientalista e la politica perché dove non c'è politica c'è sempre qualcosa di molto cattivo».

Con i manifestanti, invece, è il leader dei pacifisti di Peacelink di Taranto, Alessandro Marescotti, che in un comunicato «condanna la carica della polizia verso pacifici cittadini che stavano manifestando contro il terzo lotto della discarica di rifiuti speciali. I manifestanti - prosegue lo scritto - erano un centinaio e avevano creato un tappeto umano di fronte a camion pieni di rifiuti maleodoranti che perdevano percolato».

Articoli correlati

  • Processo ai manifestanti, tutti assolti
    Taranto Sociale
    Taranto

    Processo ai manifestanti, tutti assolti

    I fatti risalgono al 2011, vi fu una protesta davanti alla discarica Italcave
    7 febbraio 2017 - Alessandro Marescotti
  • La lobby degli inquinatori esulta
    Taranto Sociale
    Puglia, in Consiglio Regionale passa una proroga che vanifica la funzione di Odortel, l'esperimento di monitoraggio ambientale che coinvolge i cittadini

    La lobby degli inquinatori esulta

    Sono ritornati alla carica per difendere le lobby di chi inquina, e questa volta lo fanno prorogando i termini della legge 23/2015 sulle emissioni odorigene. Un anno fa, con un comunicato, PeaceLink aveva suscitato clamore e le manovre erano state bloccate. Arpa Puglia aveva espresso severe critiche. Come mai tutto ciò è passato nel più assoluto silenzio?
    9 febbraio 2016 - Alessandro Marescotti
  • Discarica di Roncigliano. Saltata la Conferenza dei Servizi
    Ecologia

    Discarica di Roncigliano. Saltata la Conferenza dei Servizi

    Il comunicato del No Inc di Albano Laziale
    6 marzo 2015 - Daniela Calzolaio
  • Disastro di Bussi. il peggiore scandalo della storia abruzzese
    Editoriale

    Disastro di Bussi. il peggiore scandalo della storia abruzzese

    Ora indagine epidemiologica e bonifiche, il vero grande cantiere per il lavoro. Paga chi ha inquinato. Firma e fai firmare la petizione online. Abbiamo bisogno dell'impegno e del sostegno di tutti e tutte...
    28 marzo 2014 - Forum Abruzzese dei Movimenti per l'Acqua Pubblica
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.26 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)