Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Ilva, 200 milioni per la bonifica, niente intesa sulla diossina

Si va verso un accordo di programma. Incontro Regione-governo, sul tavolo 200 milioni. Ma c'è l'enigma diossina. Anche Provincia e Comune a Roma dal ministro che vuole accelerare le autorizzazioni a Ilva
4 settembre 2008
Francesco Strippoli
Fonte: Corriere del Mezzogiorno

- TARANTO — È stato compiuto un gran passo avanti, ma ne occorreranno altri per raggiungere un accordo totale. Detto altrimenti: ci sono i soldi e l'impegno per la bonifica dell'area industriale di Taranto, ma non c'è intesa sulla quantità di diossina che l'Ilva libera nell'aria.

La ministra dell'Ambiente, Stefania Prestigiacomo, ha incontrato ieri a Roma i rappresentanti di Regione, Provincia e Comune. La riunione (due ore nel tardo pomeriggio) ha prodotto un sicuro risultato. È stato concordato (e sul punto si è registrata la convergenza di tutte le istituzioni pubbliche) di stipulare un accordo di programma per la bonifica dell'area industriale di Taranto, simile a quello sottoscritto tempo fa per l'analogo caso brindisino.

Già il precedente governo aveva avviato le procedure e si era adoperato in questa direzione. L'intesa riguarda tutta l'ampia area (arriva fino a Statte e riguarda anche il mare) che viene considerata inquinata da fattori industriali. «Si è concordato - spiega l'assessore regionale all'Ecologia Michele Losappio - di procedere alla caratterizzazione, cioè all'analisi del terreno, e all'eliminazione dei fattori inquinanti. Le tecniche e le procedure dovranno essere individuate».

Si conoscono, invece, le risorse a disposizione: 200 milioni. Un terzo è a carico della Regione; mentre al resto provvederà lo stesso ministero «in danno ai privati». Cioè rivalendosi sulle aziende responsabili dell'inquinamento, «secondo il principio - dice Losappio che chi inquina, paga». Vengono esentate da ogni pagamento, invece, le imprese che decidessero di reinvestire nell'area.

Gli altri due aspetti presi in considerazione nel corso dell'incontro riguardano l'Ilva. La ministra ha sollecitato tutti gli enti locali pugliesi a rendere più spedite le autorizzazioni che riguardano il Siderurgico (per qualsiasi ragione e attività). Un atteggiamento necessario, secondo Prestigiacomo, «se si chiede alla società di investire ». Losappio ha garantito che la Regione si allineerà alla richiesta.

Più contrastata la discussione sull'inquinamento da diossina. L'Ilva ha fatto recapitare al ministero (poco prima della riunione) un documento. Si dice disposta, secondo la rapida lettura compiuta dai tecnici della Regione, a modificare il cronoprogramma degli investimenti e ad anticipare di 30-40 giorni (rispetto al 30 giugno 2009) l'uso dell'urea (composto che si adopera per contenere i livelli di diossina). Il proposito è stato accolto positivamente dalla Regione.

Netta contrarietà di Losappio, invece, sull'altro punto contenuto nella lettera dell'Ilva: i livelli massima di diossina che è possibile liberare in atmosfera. L'azienda insiste con una quantità pari a 3,5 nanogrammi e considerata «inaccettabile » dalla Regione.

Sul punto, come pare evidente, non si è chiusa la trattativa. Ma la ministra Prestigiacomo ha tenuto a sottolineare la necessità «che si possa coniugare lo sviluppo con l'ambiente ». Su questo ha chiesto «la responsabilità della Regione e degli enti locali». Losappio ha replicato mostrando volontà di arrivare all'intesa. «Una buona concertazione - ha detto riferita all'esponente di governo - è meglio di un cattivo conflitto».

E tuttavia sulla diossina ha tenuto il punto: la Regione condiziona la concessione dell'Aia (autorizzazione integrale ambientale) ad un'emissione massima di diossina non superiore ad un nanogrammo. La lunga partita sull'ambiente tarantino non è ancora finita.

Articoli correlati

  • Danni neurotossici causati da piombo e arsenico nei bambini di Taranto
    Taranto Sociale
    Nuovo studio italiano pubblicato sullo Scientific Report di Nature

    Danni neurotossici causati da piombo e arsenico nei bambini di Taranto

    Disturbi da deficit di attenzione, autismo e iperattività, sarebbero riscontrati in numero maggiore, nei quartieri più vicini al siderurgico: Tamburi e Paolo VI. Siamo stanchi di prestare le nostre vite e quelle dei nostri figli, come se fossimo cavie da laboratorio.
    19 giugno 2021 - Giustizia per Taranto
  • Ex Ilva: Peacelink, rischio cancerogeno inaccettabile
    Taranto Sociale
    I dati relativi alle polveri sottili (PM2,5 e PM10) e al biossido di azoto (NO2)

    Ex Ilva: Peacelink, rischio cancerogeno inaccettabile

    “L’aria di Taranto non rispetta i limiti dell'Organizzazione mondiale della sanità” dice Peacelink, per la quale “a fronte di una situazione sanitaria fortemente compromessa, la popolazione di Taranto dovrebbe godere di una protezione particolare".
    18 giugno 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Richiesta di fermo batteria 12 cokeria ILVA per mancata messa a norma
    Taranto Sociale
    Lettera al Ministro della Transizione Ecologica Roberto Cingolani

    Richiesta di fermo batteria 12 cokeria ILVA per mancata messa a norma

    E' stato autorizzato uno scenario emissivo (6 milioni di tonnellate annue di acciaio) a cui corrisponde un rischio cancerogeno inaccettabile. Tutto ciò è acclarato dalla nuova VDS (Valutazione Danno Sanitario) sarà segnalato alla Procura della Repubblica
    15 giugno 2021 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
  • Anche 6 milioni di tonnellate di acciaio sono troppe
    Ecologia
    Produzione ILVA a Taranto

    Anche 6 milioni di tonnellate di acciaio sono troppe

    E adesso come faranno ad autorizzare 8 milioni di tonnellate/anno se già 6 mettono a rischio la salute della popolazione? Arpa Puglia, Aress e Asl fanno i calcoli ed emerge ciò che era ovvio. La VIIAS del 2019 aveva dato rischio sanitario inaccettabile a 4,7 milioni di tonnellate/anno di acciaio.
    20 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)