Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Ostuni, un parco a Torre Pozzelle, già 1400 firme

Torre Pozzelle è già Sito di interesse regionale (Sir) proprio per le sue caratteristiche ambientali, e presto otterrà il riconoscimento di Sito di interesse comunitario (Sic).
17 settembre 2008
Marcello Orlandini
Fonte: Corriere del Mezzogiorno

. OSTUNI — Ha già superato 1400 firme la petizione lanciata dallo psicologo ostunese Mario Liso per l'istituzione di un parco di 538 ettari con valenza regionale, provinciale o comunale a Torre Pozzelle. A ieri erano 486 le adesioni raccolte on-line, e 900 circa quelle raccolte solo nella città di Ostuni. La petizione era stata lanciata il 16 agosto, davanti all'ennesimo assalto estivo della macchia e dei boschetti di ginepro da parte di centinaia di auto. Torre Pozzelle è già Sito di interesse regionale (Sir) proprio per le sue caratteristiche ambientali, e presto otterrà il riconoscimento di Sito di interesse comunitario (Sic).

Ma questo non può bastare alla salvaguardia dell'area: anche il Canale di Giancola a Brindisi, distrutto da un incendio alcuni giorni fa, è un Sito di interesse comunitario. Ci vuole un parco, ci vogliono i finanziamenti per proteggere e sviluppare le risorse biologiche di questa zona costiera di Ostuni, che presto sarà messa in collegamento con il Parco regionale di Torre Canne e Torre S. Leonardo da una pista ciclabile (e in un vicino futuro anche con la riserva dello Stato di Torre Guaceto).

Liso, anche membro del consiglio nazionale di Sinistra democratica, ha ottenuto l'adesione di Italia Nostra e sta cercando di allargare sempre più lo schieramento perché, spiega «la legislazione regionale in Puglia prevede anche che un parco possa essere istituito sulla base di una proposta popolare».

Il sindaco di Ostuni, Domenico Tanzarella, spera che questa mobilitazione intanto faccia strada anche, la terzo tentativo, al progetto comunale di un parcheggio nell'immediato entroterra di Torre Pozzelle, in zona agricola da espropriare - per consentire a bagnanti e turisti di poter raggiungere con brevi tragitti a piedi tutte le insenature della costa. La Soprintendenza lo ha bocciato due volte, ma le conseguenze sono nettamente peggiori.

A Torre Guaceto l'assalto delle auto è stato risolto così, tre anni fa, e i risultati si vedono. La petizione, continua Liso, «proseguirà ancora per qualche settimana, poi sarà consegnata al governatore Nichi Vendola, al presidente della Provincia, Michele Errico e al sindaco Tanzarella».

Il sito è http:// www. petitiononline. com/pozzelle/petition.html.

Articoli correlati

  • Ostuni: «Abusivismo, si muova la Regione Puglia»
    Ecologia
    Il litorale saccheggiato Le reazioni allo scandalo di Ostuni. Carparelli: qui comanda la lobby del mattone

    Ostuni: «Abusivismo, si muova la Regione Puglia»

    La protesta di Italia Nostra: in tv uno spot sulla costa cementificata Sciarra: «Piani di recupero senza legalizzare gli illeciti» L'ex candidato del centrodestra attacca il Comune. «Adesso vanno evitati altri scempi»
    6 gennaio 2008
  • Chiara Castellani a Ostuni presenta il libro "Una lampadina per Kimbau"
    Pace
    Iniziativa dell'AIFO in Puglia

    Chiara Castellani a Ostuni presenta il libro "Una lampadina per Kimbau"

    La presentazione del libro di Chiara Castellani si terrà lunedì 21 giugno alle ore 20 presso la Biblioteca del Comune di Ostuni. Sara' presente Chiara Castellani e Paolo Moro, un volontario dell'AIFO di Ostuni che l'ha aiutata nella realizzazione di quel progetto di centrale elettrica che consentirà di accendere a Kimbau, nell'ospedale e dintorni, non solo la "lampadina" ma anche una speranza in piu'.
    21 giugno 2004 - Redazione
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)